Se un marziano sbarcasse in Calabria farebbe molta fatica a capire il concetto di ‘ndrangheta”. Pacificamente considerata la più potente organizzazione criminale operante sul territorio italico, sulla ‘ndrangheta aleggia un alone di mistero. I media la descrivono generalmente come un’associazione, feroce e organizzata, capace di mischiare sapientemente modernità e tradizione. Tutti gli esperti in materia convengono nel sottolineare come la forza decisiva della predetta organizzazione stia tanto nella capacità di controllo capillare del territorio, quanto nella facilità di incunearsi nei circuiti di potere ufficiali anche attraverso l’inquinamento del voto. Periodicamente la politica subisce la tentazione di affidarsi ad iniziative antindrangheta aventi perlopiù un significato simbolico, buono per tranquillizzare la parte meno attenta della pubblica opinione. Perché stilare protocolli per la legalità non costa nulla, non preoccupa i criminali ma fa guadagnare le prime pagine dei giornali. Se invece scavassimo il problema più in profondità ci accorgeremmo che la realtà è molto più complessa di quella che appare e che le risposte sul tema, pacificamente accettate, sono spesso in contraddizione tra loro. Bisogna mettersi d’accordo. Se diamo per assodato che in alcune aree geografiche della Calabria le cosche esercitano un controllo così asfissiante da non permettere l’esistenza di un’economia libera, allora non si capisce come territori, con tali equilibri interni, possano al contempo esprimere una classe politica lontana mille miglia da logiche criminali. La politica non è un mondo a parte, spesso è soltanto la proiezione visibile di potentati economici e lobby di pressione. E se in Calabria l’economia reale è davvero appannaggio della ‘ndrangheta, il tessuto economico esprimerà per inerzia una classe dirigente capace di assicurane gli interessi, più o meno leciti. Se invece le analisi sulla pervasività della criminalità calabrese dovessero risultare esagerate rispetto all’inesistente, allora questo discorso non avrebbe senso. E’ possibile governare parti di territorio dove le leve del potere reale sono tutte in mano a malfattori? Non credo. La mia impressione è che sia in atto un cambiamento di sistema. Le vecchie cosche, famiglie che si tramandano da decenni lo scettro del comando sui territori di competenze, stanno cambiando pelle. Le avanguardie della ‘ndrangheta mirano ad entrare nel circuito legale dell’economia. Per farlo si avvalgono dell’ausilio di professionisti, la cosiddetta zona grigia, che ne favoriscono l’ingresso nei templi del potere economico ufficiale. Quando i nipoti e i pronipoti dei vecchi boss delle origini avranno assunto il pieno comando dei poteri visibili la ‘ndrangheta non esisterà più, perché molto più banalmente la chiameremo e riconosceremo come “classe dirigente”. E magari, quel giorno, sfileremo dietro ad essa in qualche bel corteo di protesta contro la violenza mafiosa.

    Francesco Maria Toscano

     

    Un commento

    1. gitar kursu scrive:

      çok güzel bir site emeği geçen herkese teşekkürler

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LA SECONDA REPUBBLICA, NATA...

    Scritto il 23 - nov - 2017

    1 Commento

    LA DESOLANTE INUTILITA’ DELLE...

    Scritto il 22 - nov - 2017

    0 Commenti

    DE BORTOLI E TAINO,...

    Scritto il 21 - nov - 2017

    0 Commenti

    VENDESI REGIONE SICILIA

    Scritto il 10 - nov - 2017

    0 Commenti

    SARAS QUEL CHE SARAS

    Scritto il 12 - apr - 2011

    0 Commenti

    WOLFANG SCHAEUBLE E’ IL...

    Scritto il 16 - feb - 2015

    19 Comment1

    LA SECONDA REPUBBLICA, FIGLIA...

    Scritto il 16 - giu - 2012

    1 Commento

    CSM E P4

    Scritto il 29 - giu - 2011

    0 Commenti

    COME DIFENDERSI DALLA DITTATURA...

    Scritto il 14 - apr - 2012

    3 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.