Il Pdl sta vivendo un periodo di fortissime tensioni. Tre anni fa, all’indomani della vittoria berlusconiana, i migliori politologi descrivevano un Paese oramai incamminato verso la stabilizzazione di un sistema bipartitico di tipo anglosassone, incentrato sulla presenza di due sole forze politiche di rilievo, il Pd e il Pdl. Non è passato neppure un lustro e già le illusioni sono miseramente cadute. Ma mentre il progetto del Pd veltroniano è entrato subito in crisi, il Pdl cementato dal collante del potere, comincia solo adesso a dare segni di evidente sofferenza. Non passa giorno senza che un qualsiasi gruppuscolo interno al partito non mostri i muscoli nella speranza di poter condizionare le scelte di governo brandendo i numeri come possibile arma di ricatto. Il gruppo che fa riferimento a Scajola, ad esempio, è in continua fibrillazione. L’ex ministro ligure di scuola democristiana, passato un anno in castigo per la nota vicenda della casa pagatagli “a sua insaputa”, pretende di tornare in grande stile nelle stanze dei bottoni. Pare voglia un ruolo di rilievo all’interno della organizzazione del partito e non sembra accontentarsi di ipotesi di ripiego. I più maligni dicono di vederlo bene con una delega governativa alle politiche abitative, visto il riconosciuto fiuto per le questioni immobiliari, ma non basterà certo una battuta per fermarlo. Inquieta è inoltre la corrente dei cosiddetti ex aennini i quali, dopo lo strappo di Fini, si ritrovano improvvisamente al centro delle invettive dei forzisti della prima ora desiderosi di ridimensionarne di molto il peso. Fin quando Fini combatteva la sua guerra all’interno del partito di Berlusconi, i vari La Russa, Gasparri e Matteoli potevano godere di un potere di interdizione. Ma adesso che Fini è andato via, i reduci di ciò che fu An vengono trattati dagli azzurri della prima ora come ospiti nemmeno troppo graditi. In più emergono con cadenza periodica le tentazioni meridionaliste di Miccichè e soci, che pare riconoscere solo la leadership di Berlusconi. Il caos regna sovrano e Berlusconi, indebolito da mille processi, non sembra avere più lo slancio di qualche anno fa. Dubito che il Pdl possa resistere alla fine politica dei suo fondatore. All’orizzonte comunque, non si vede ancora nessuno.

    Francesco Maria Toscano

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    BARNARD NON E’ ESAU’:...

    Scritto il 13 - ott - 2012

    17 Comment1

    A FURIA DI EVOLVERSI...

    Scritto il 24 - mar - 2016

    25 Comment1

    L’AD DI TRENITALIA MAURO...

    Scritto il 1 - giu - 2012

    1 Commento

    LA STUPIDITA’ NON E’...

    Scritto il 14 - gen - 2012

    1 Commento

    LA BCE DI MARIO...

    Scritto il 10 - gen - 2015

    8 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.