Ogni limite ha una pazienza, diceva giustamente Totò. Limite ampiamente superato dal giornalista (?) del Corriere della Sera Francesco Verderami, oramai stabilmente specializzatosi nelle “odi a Gianni Letta”. Verderami, novello Foscolo, anche oggi si prodiga nell’esaltare le gesta dell’astuto Gianni con un non pezzo a pagina 6 del prestigioso quotidiano di via Soferino. Mentre però Foscolo dedicava i suoi pensieri a dame come Luigia Pallavicini caduta da cavallo, Verderami dedica dolci versi a Gianni Letta ancora in sella. Alla fine del pezzo, titolato “E Letta, amareggiato, rilancia la fiducia nella politica bipartisan”, rimane nella testa dei poveri lettori un senso di vuoto cosmico. La sintesi dell’articolo ci rende edotti del fatto che Letta è stanco, che il Cavaliera dice che Letta è bravo, che palazzo Chigi dovrebbero chiamarlo palazzo Letta, che Letta aveva un nonno, nonno Letta, per il quale Letta avrebbe partecipato ad una messa di commemorazione presso l’Abbazia di Cava dei Tirreni. Verderami infine ci tiene a sottolineare che purtroppo, nonostante la presenza di molti morti viventi, il Parlamento italiano non è l’Abbazia di Cava dei Tirreni. Toccanti la riflessioni riportate da Verderami, specie quella che rende di pubblico dominio il retroscena secondo cui Palazzo Chigi andrebbe chiamato Palazzo Letta. Ci sto, buona idea. Ad una condizione però: di cambiare in contemporanea pure il nome del bravo retroscenista in “Letta Letta”.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Editoriale

    Un commento

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    PERCHE’ L’INCONTRO DEL 20...

    Scritto il 15 - feb - 2019

    0 Commenti

    IL GRAND GUIGNOL DI...

    Scritto il 12 - feb - 2019

    0 Commenti

    LO STRANO CASO DEL...

    Scritto il 8 - feb - 2019

    3 Commenti

    SECONDO MERKEL, MACRON E...

    Scritto il 6 - feb - 2019

    1 Commento

    LA CORAGGIOSA RESISTENZA DEL...

    Scritto il 30 - gen - 2014

    12 Comment1

    CHI DIVIDE L’UMANITA’ IN...

    Scritto il 7 - feb - 2016

    4 Comment1

    L’ENTRATA IN SCENA DEL...

    Scritto il 2 - feb - 2019

    0 Commenti

    VITTORIO GRILLI PRENDE TUTTO...

    Scritto il 10 - lug - 2012

    1 Commento

    CON CECILE KYENGE PER...

    Scritto il 20 - lug - 2013

    6 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.