E’ inutile girarci intorno, queste elezioni amministrative rappresentano un vero terremoto e rendono di innegabile evidenza la gravissima e sistemica crisi che il sistema di potere italiano sta attraversando. Una crisi, se vogliamo, più drammatica e pericolosa di quella che nel lontano 1992 archiviò senza rimpianti la partitocrazia corrotta della prima repubblica. Mentre allora i vecchi partiti venivano infatti sepolti da una operazione a tenaglia del rodato circo mediatico-giudiziario, sotto lo sguardo benevolo, ammirato ed interessato di alcune forze partitiche, come il Msi e il Pci, alla disperata ricerca di nuovi margini di manovra, oggi, invece, la crisi investe tutti, compresi gli “artefici della rivoluzione legalitaria” di allora. Il grande successo della banda Grillo, costruito su una piattaforma politica che sarebbe superficiale definire soltanto “antipolitica”, è lo specchio di un malessere profondo, radicale e consapevole, che non solo coinvolge la parte più dinamica e ricca del Paese (il movimento 5 stelle va benissimo in Emilia, bene in Piemonte e Lombardia, malino al sud), ma che individua nella “stampa di regime”, prima che nei partiti ridotti a “comitati di affari”, il suo principale nemico. Nonostante le migliori teste d’uovo d’Italia sprechino difatti frequentemente fiumi di inchiostro per spiegare al popolo votante come le vittorie si costruiscano soltanto conquistando un non meglio specificato “voto moderato”, che generalmente nell’immaginario dei riflessivi editorialisti italici assume le sembianze di Casini o Fini, il voto di ieri si è preso la briga di smontare definitivamente tale scolastica lettura. Con buona pace di Cazzullo. Il terzo Polo in larga parte d’Italia non esiste proprio, e dove marginalmente esiste è condannato, dalle divisioni interne, all’immobilismo e all’irrilevanza politica. Ma se il successo di Grillo rappresenta innegabilmente la drammatica crisi di credibilità che il sistema informativo attraversa, l’eccellente risultato ottenuto da de Magistris a Napoli, dove l’ex pm ha surclassato al primo turno il candidato del Pd Morcone, insinua specularmente gli stessi dubbi nei confronti della magistratura, delle sue espressioni sindacali e del suo sistema di autogoverno. De Magistris conferma quindi di godere di una vastissima credibilità personale (già alle Europee, d’altronde, era risultato campione di preferenze), a dispetto delle pesantissime censure e sanzioni mossegli a suo tempo dal Csm, nel silenzio del sindacato delle toghe, a causa delle sue inchieste catanzaresi. Nell’immaginario collettivo insomma, a dispetto delle censure, delle critiche e delle punizioni, è passata a torto o a ragione l’idea che de Magistris, da pm, sia rimasto vittima di una violenta cospirazione volta a tutelare l’incolumità dei tanti potenti che erano finiti al centro delle sue inchieste. La politica perciò, oggi come ai tempi di mani pulite, vive certamente una crisi drammatica. Ma a differenza di allora, di sicuro, è in buona compagnia.

    Categorie: Editoriale, Politica

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    I TRE PORCELLINI- JUNCKER,...

    Scritto il 22 - ott - 2018

    0 Commenti

    BASTA GIOCARE IN DIFESA....

    Scritto il 3 - ott - 2018

    4 Commenti

    E’ ORA DI TIRARE...

    Scritto il 2 - ott - 2018

    2 Commenti

    MENTIRE SEMPRE, COMUNQUE E...

    Scritto il 29 - set - 2018

    1 Commento

    FINITO IL TEATRINO RIMANE...

    Scritto il 16 - ott - 2015

    20 Comment1

    IL NAZISMO TECNOCRATICO E’...

    Scritto il 25 - mag - 2015

    54 Comment1

    MIELI, SCHIVELBUSCH E I...

    Scritto il 21 - dic - 2013

    4 Comment1

    BETULLA

    Scritto il 18 - lug - 2011

    0 Commenti

    IL TERZO POLLO

    Scritto il 19 - mar - 2011

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.