Secondo un recente studio dell’Istat l’Italia vive una fase di fortissima depressione economica. I disoccupati aumentano e persino molti occupati finiscono con lo scivolare nella triste categoria dell’esclusione sociale a causa di salari irrisori e di politiche inadeguate. Siamo più poveri, precari e senza molte prospettive. Ma se sull’analisi delle cose quasi tutti concordano, sulle ricette le ipotesi si sprecano. Il ritornello che va per la maggiore da un ventennio a questa parte è quello incentrato sulla retorica “della crescita”. Siamo messi così, spigano fior di professori, perché il sistema è ingessato e l’economia è asfittica. Certamente è una parte del problema. Ma la verità non è racchiusa in questa minimalistica analisi. E’ vero, l’Italia fatica a produrre ricchezza ma quella che produce è spalmata in maniera diseguale. Le disparità economiche aumentano in maniera vertiginosa, il contraltare delle nuove e crescenti povertà è rappresentato infatti dai lussi smisurati che una ristretta élite di iperprivilegiati può permettersi sulle spalle delle categorie più deboli. E’ ora di pretendere politiche pubbliche che mettano un freno a questa barbarie non più sostenibile. Bisogna potenziare il welfare, imporre salari dignitosi e proporzionati al merito, colpire le rendite parassitarie e le pratiche familistiche e di favore. Una società molto diseguale è sopportabile sono nella misura in cui è estremamente limpida. Solo, cioè, nella misura in cui le enormi differenze economiche e sociali sono direttamente proporzionate al merito e all’impegno dei singoli individui. Le differenze italiche sono al contrario spesso soltanto il frutto di prassi consolidate, di logiche clientelari, familistiche e di favore. Tutto è stato privatizzato. La politica e il concetto stesso di interesse pubblico è sacrificato sull’altare dell’interesse particolare. Siamo ai prodromi di una crisi sociale dai risvolti imprevedibili. L’incantesimo che ha tenuto fino ad ora il Paese inebetito e paralizzato sta per terminare. E il risveglio repentino dei sonnambuli è pacificamente considerato un momento molto pericoloso. Per tutti.

    Categorie: Economia, Editoriale

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LE TURBOIDIOZIE DI ALDO...

    Scritto il 7 - apr - 2019

    1 Commento

    FUSARO SINDACO NEL NOME...

    Scritto il 3 - apr - 2019

    1 Commento

    QUESTA EUROPA E’ IL...

    Scritto il 21 - mar - 2019

    3 Commenti

    DOPO LA TRAGEDIA ARRIVA...

    Scritto il 2 - mar - 2019

    7 Commenti

    L’ERRORE PRIMIGENIO DEI GRILLINI

    Scritto il 28 - feb - 2019

    3 Commenti

    2084: UE, ROOM 101

    Scritto il 4 - apr - 2014

    3 Comment1

    IL 2017, COME IL...

    Scritto il 21 - nov - 2016

    4 Comment1

    LA DESOLANTE INUTILITA’ DELLE...

    Scritto il 22 - nov - 2017

    2 Comment1

    NEL 2019 SCATTERA’ IL...

    Scritto il 2 - nov - 2018

    3 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.