Spiace constatarlo ma l’ultimo baluardo della casta, come ampiamente previsto dallo scrivente, non è Silvio Berlusconi ma Giorgio Napolitano. Lo so, è più semplice indirizzare tutti gli strali verso un uomo eccentrico, eccessivo, spavaldo e dotato di scarsissimo senso delle istituzioni quale è l’attuale presidente del consiglio ma, così facendo, non si rende un servizio alla verità. Le verità bisogna dirle tutte, anche quelle scomode, anche quelle che la pavida stampa adorante non riesce nemmeno ad accennare. C’è un clima mistico intorno alla figura del capo dello stato, che sembra accusare di lesa maestà chiunque si permetta di avanzare critiche, domande o persino sospetti. Un clima incompatibile con qualsiasi modello democratico dove, al contrario, nessuna alta carica dovrebbe godere di forme di tutela dalla critica preconcette e a prescindere. Premetto: non mi piace il giornale “Libero”, né la linea editoriale che legittimamente persegue. Ma trovo gravissimo, degno di un regime nordcoreano, l’apertura di un’inchiesta giudiziaria figlia di una vignetta di dubbio gusto riguardante, tra gli altri, il capo dello stato. Che le spese del Quirinale siano esorbitanti è un dato di fatto. Il Quirinale costa più di Buckingam Palace e in un periodo di forte recessione economica, il bisogno di austerità dovrebbe essere avvertito da tutti, alte cariche in primis. Non si può dire? O, peggio, un vignettista non può rappresentare questa ovvietà nei termini esasperati propri del suo mestiere? In entrambi i casi siamo alla follia pura. E’ di oggi poi la notizia che il capo dello stato, guarda caso all’indomani dell’arresto di Papa, proprio mentre cresce il desiderio dei cittadini di occuparsi della cosa pubblica e di pretendere che le istituzioni vengano rappresentate da uomini degni, sente il dovere di denunciare il “corto circuito tra politica e giustizia”. Un concetto non troppo originale per la verità, ma che palesato all’indomani di un evento così importante assume precisi connotati politici. Napolitano non è nuovo ad uscite del genere. Nessuno può dimenticare come, mentre la procura di Salerno perquisiva gli uffici di Catanzaro, nell’ambito di un inesistente e artato scontro tra procure funzionale a “buttarla in caciara”, il capo dello stato con un atto senza precedenti chiedeva di conoscere “gli atti” dell’inchiesta. Le nuove indagini napoletane altro non sono se non il prosieguo di quelle catanzaresi che già 5 anni fa avevano scoperto quel sistema di potere occulto e trasversale che droga la democrazia italiana. Oggi, forse, i tempi sono finalmente maturi per arrivare a quella sospirata verità che in troppi continuano a non volere.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Editoriale, Politica

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    0 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    1 Commento

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL GOLPE SVELATO

    Scritto il 31 - dic - 2011

    4 Comment1

    LET’S CELEBRATE THE FAILURE...

    Scritto il 20 - dic - 2012

    0 Commenti

    I PUSILLANIMI

    Scritto il 26 - apr - 2012

    5 Comment1

    L’ORA DEI BERLUSCHINI

    Scritto il 5 - nov - 2011

    0 Commenti

    ALEXIS TSIPRAS PARLA GIA’...

    Scritto il 7 - gen - 2015

    20 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.