Del caso Forleo oramai non parla più nessuno. Del giudice che, si occupò in qualità di Gip dei processi riguardanti le scalate bancarie del 2005, si sono perse le tracce. La Forleo, così come de Magistris, fu sottoposta all’epoca a procedimento disciplinare da parte di quel Csm che esprimeva Nicola Mancino come vicepresidente, già ministro dell’interno al tempo dell’uccisione di Paolo Borsellino. Tantissime polimiche suscitò la definizione con la quale il Gip di Milano definì le condotte di D’Alema, Fassino e Latorre in relazione al caso Unipol: “consapevoli complici di un disegno criminale”, scrisse la Forleio. E da giudice divenne così imputata. Dal blog di Carlo Vulpio (www.carlovulpio.it), pubblico una lettera del giudice Salvini che alimenta e rende concreti tutti i dubbi peggiori. E mi convinco sempre di più che la questione morale, oltre alla politica, riguarda anche e soprattutto la magistratura italiana.

    “Caro Cosimo e cari colleghi,
    anch’io sono contento, anche sul piano umano, per la sentenza del Consiglio di Stato (quella che conferma la prununcia del Tar del Lazio e annulla la decisione del Consiglio superiore della magistratura di trasferire da Milano a Cremona, per “incompatibilità ambientale”, il gip Clementina Forleo, che quindi ora può tornare a Milano – ndr).
    Non conosco a fondo il caso UNIPOL e dintorni ma avevo letto la sentenza redatta dal consigliere Fabio Roia e l’avevo trovata povera sul piano giuridico e riferita a fatti del tutto inconferenti per un giudizio di “incompatibilità ambientale” che per un giudice è quasi la morte civile.
    Una sentenza di quattro paginette, concepita con la supponenza con cui di frequente il CSM motiva decisioni importanti ritenendo di aver comunque sempre ragione.
    Aggiungo che sono stato testimone diretto dello sviluppo dell’azione “ambientale” contro la collega (cioè, la Forleo – ndr) dato che all’epoca ero anch’io GIP presso il Tribunale di Milano. Ho assistito a scene desolanti quali l’indizione con passa parola di riunioni pomeridiane in alcune stanze per discutere la “strategia” contro la collega, guidate dai maggiorenti dell’ufficio tra cui un paio di colleghi “Verdi” più rancorosi di tutti, come spesso accade, anche se del tutto estranei al caso.
    Da simili iniziative, che mi ricordavano le “Giornate dell’odio” descritte
    da George Orwell nel romanzo “1984″, mi sono dissociato.
    Non ci si comporta così tra magistrati ed è facile e privo di rischi accerchiare una persona in un ufficio e magari in questo modo anche portarla a sbagliare, visto anche il carattere poco “diplomatico” della vittima.
    L’incompatibilità ambientale, che si ignora cosa in realtà sia di preciso, e che spesso è semplicemente l’accanimento dell’ “ambiente” contro una singola persona, è quasi sempre una procedura barbara e prettamente inquisitoria.
    Il suo raggio d’azione, per fortuna, con le modifiche che conosciamo, si è ridotto, ma dovrebbe esserlo ancora di più, sopratutto nella pratica, sino a quasi scomparire come dovrebbe scomparire la prassi, in qualche modo speculare, delle pratiche a tutela”
    Un caro saluto a tutti
    Guido Salvini

    Ogni commento pare superlfluo.
    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Italia

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    0 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    1 Commento

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL CASO FORLEO

    Scritto il 24 - ott - 2011

    0 Commenti

    TRASFORMISTI FOREVER

    Scritto il 29 - nov - 2017

    0 Commenti

    PAOLO BARNARD NON FACCIA...

    Scritto il 16 - set - 2012

    47 Comment1

    LE PRIVATIZZAZIONI DIFESE DA...

    Scritto il 11 - nov - 2013

    4 Comment1

    L’ILLUSIONISTA

    Scritto il 12 - mar - 2014

    7 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.