La lettera della Bce che impone all’Italia di praticare con maggiore protervia le politiche fallimentari e criminali che hanno impoverito l’occidente negli ultimi venti anni rappresenta un bivio per il nostro paese. Fatte le dovute differenze, l’imposizione della Bce all’Italia può determinare gli stessi effetti che provocò nel 1939 l’invasione della Cecoslovacchia da parte di Hitler. All’epoca il mondo fece finta di non capire, per pavidità, aprendo così le porte a scenari infernali e tragici. Oggi è in atto un meccanismo uguale e contrario, meno cruento nei modi, più disastroso però nei possibili effetti. I nuovi tiranni non spargono sangue, almeno non alla luce del sole, ma lacrime e miseria. Gli oligarchi che manovrano gli organismi economici sovranazionali stanno conducendo la battaglia finale. Dopo avere smantellato i sindacati e la politica, corroso i diritti degli uomini, umiliato il lavoro e rese schiave intere generazioni di straccioni piegati dal bisogno, vogliono piazzare il colpo finale, facendo trionfare il modello cinese in tutto l’occidente. E quindi, in questa ottica, si spiega l’ulteriore attacco al lavoro, attraverso la previsione di facoltà di licenziare ingiustamente, e allo stato sociale mettendo nel mirino le pensioni. Il popolo italiano è in un vicolo cieco. E non ha possibilità di salvarsi perché i nostri attuali politici da destra a sinistra sono completamente asserviti agli interessi dei grandi lobbysti internazionali che vogliono continuare ad ingrassare sulla disperazione crescente di una moltitudine di uomini fiaccati dalla fame e dalla paura. Non a caso, sia Berlusconi che Napolitano e Bersani, espressioni sulla carta di forze politiche opposte, incoraggiano le politiche di Draghi e insistono affinché si riaffermi un modello di società ottocentesco. All’epoca al grido di “libertà, uguaglianza e fraternità” cambiò il mondo. Oggi, mentre il popolo inebetito sghignazza davanti al “Grande Fratello”, tornano inaspettati fantasmi e mostri di un passato che credevamo sepolto per sempre.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Editoriale, Politica

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LE TURBOIDIOZIE DI ALDO...

    Scritto il 7 - apr - 2019

    2 Commenti

    FUSARO SINDACO NEL NOME...

    Scritto il 3 - apr - 2019

    2 Commenti

    QUESTA EUROPA E’ IL...

    Scritto il 21 - mar - 2019

    3 Commenti

    DOPO LA TRAGEDIA ARRIVA...

    Scritto il 2 - mar - 2019

    7 Commenti

    L’ERRORE PRIMIGENIO DEI GRILLINI

    Scritto il 28 - feb - 2019

    3 Commenti

    ESISTE UN NESSO FRA...

    Scritto il 16 - dic - 2014

    15 Comment1

    RENZI: IPOCRISIA COSTITUZIONALE

    Scritto il 15 - feb - 2014

    3 Comment1

    ANGOLA, TEATRO DI BARBARE...

    Scritto il 10 - giu - 2012

    0 Commenti

    AL VIA LA “GROSSE...

    Scritto il 28 - nov - 2013

    2 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.