L’ineffabile Antonio Fazio, già pio governatore della banca d’Italia, si è beccato un’altra condanna, stavolta per il caso Unipol-Bnl. Come ricorderete nell’estate del 2005, quella dei furbetti, il gotha affaristico-trasversale che ammorba l’Italia era in pieno fermento nel tentativo di ridisegnare le geografia economica e finanziaria del Belpaese. Un manipolo di avventurieri, spalleggiati dalla peggiore politica, tentava spericolate scalate ai vertici di alcuni importanti istituti di credito, mentre Fazio, da arbitro, si riscopriva giocatore in campo violando qualsiasi regola deontologica prima che penale. Intorno alla bramosia per il denaro, si formava una sorta di “bicamerale del male” che non risparmiava quasi nessuna delle forze politiche nostrane palesemente ridotte a comitati di affari. A tal proposito il Gip di Milano Forleo, lavorando su quelle inchieste, definì i sinistrorsi Fassino, D’Alema e Latorre nonché i berlusconiani Grillo (Luigi), Comincioli e Cicu “consapevoli complici di un disegno criminale”. L’Udc di Casini, genero del condannato contropattista Caltagirone, si ergeva a nobile e “disinteressata” difesa del governatore ciociaro, mentre la Lega di Bossi barattava la sua iniziale posizione di coraggioso contrasto al governatore con un aiutino per risollevare le sorti della disastrosa banca del nord, la “Credieuronord” appunto. Uno scenario semplicemente desolante. Oggi arriva la giustizia, lenta ma inesorabile, a riscrivere pagine importanti su quelle buie vicende, già in parte egregiamente trattate sul piano letterario dal bravo giornalista Gianni Barbacetto nel suo libro “Compagni che Sbagliano” (Il Saggiatore). In un Paese come l’Italia dove il garantismo vale solo per i potenti mentre i poveracci vengono in genere preventivamente mostrificati a reti unificate, la sentenza della prima sezione penale, presieduta dal giudice Giovanna Ichino, induce a ritenere che forse, ancora, non tutto è perduto.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Economia, Editoriale

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LIBIA: NUOVO SGAMBETTO DI...

    Scritto il 25 - lug - 2017

    2 Commenti

    I NUMERI DEGLI IMMIGRATI

    Scritto il 23 - lug - 2017

    1 Commento

    ELOGIO DELLA RADICALITA’

    Scritto il 23 - giu - 2017

    0 Commenti

    DRAGHI E SCHAUBLE SONO...

    Scritto il 9 - feb - 2015

    27 Comment1

    IL CORAGGIO DEL PROCURATORE...

    Scritto il 5 - mag - 2017

    7 Comment1

    UN ANNO DECISIVO PER...

    Scritto il 19 - apr - 2012

    7 Comment1

    GLI AMICI DEL CALIFFO

    Scritto il 17 - feb - 2015

    34 Comment1

    RITORNO AL CREPUSCOLO

    Scritto il 8 - nov - 2011

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.