Il duo Scajola-Pisanu esce allo scoperto e chiede un nuovo governo allargato all’Udc. Aldilà della proposta, legittima, fa ridere il sussulto filantropico di questi due personaggi discutibili che solo per una stampa scadente come quella italiana possono assurgere al ruolo di traghettatori verso il nuovo mondo. Scajola è quello al quale il faccendiere Anemone pagava la casa “a sua insaputa”. In qualsiasi Paese, tranne forse nello Zaire di Mobutu, anziché occupare le prime pagine di giornali buoni per incartare il pesce, un uomo politico capace di tali condotte occuperebbe una bella cella singola di qualche penitenziario di massima sicurezza. In Italia invece, utilizzare il potere pubblico per finalità privatissime e sconvenienti fa invece curriculum. Pisanu, attuale presidente della commissione parlamentare antimafia, è un vecchio politico democristiano già legatissimo al faccendiere piduista Flavio Carboni, finito più volte nel mirino della magistratura per fatti inquietanti. Vecchie facce riemergono da un passato che non passa mai. Riporto dal sito Giornalettismo.com: “In seguito allo scoppio dello scandalo P2 e al crac del Banco Ambrosiano, nel gennaio 1983 Pisanu viene indotto a dimettersi da sottosegretario al Tesoro a causa di quelli che il deputato Massimo Teodori definirà fatti incontrovertibili: i rapporti strettissimi e continuativi tra Pisanu e Carboni; i rapporti di Pisanu con Calvi tramite Carboni; i rapporti di Pisanu con Calvi e Carboni per la sistemazione del Corriere della Sera; i rapporti di Pisanu con Calvi e Carboni quando, sottosegretario al Tesoro, il ministero prendeva importanti decisioni sull’Ambrosiano“. A trent’anni di distanza, sono questi “i cavalli di razza” che fanno sognare i fautori del cambiamento. Poveri noi.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Editoriale, Politica

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    BASTA GIOCARE IN DIFESA....

    Scritto il 3 - ott - 2018

    4 Commenti

    E’ ORA DI TIRARE...

    Scritto il 2 - ott - 2018

    2 Commenti

    MENTIRE SEMPRE, COMUNQUE E...

    Scritto il 29 - set - 2018

    1 Commento

    ANCHE SE IL LIVELLO...

    Scritto il 28 - set - 2018

    0 Commenti

    L’OPPOSIZIONE AL GOVERNO LA...

    Scritto il 21 - set - 2018

    0 Commenti

    ALL’ITALIA MANCA UN PARTITO...

    Scritto il 14 - mag - 2016

    16 Comment1

    LA BCE DI MARIO...

    Scritto il 10 - gen - 2015

    8 Comment1

    PIU’ MAFIA PER TUTTI

    Scritto il 21 - dic - 2011

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.