Sono passati più di venti anni dalla caduta del muro di Berlino sotto le cui macerie rimangono tuttora sepolti gli ideali e i dogmi dei partiti comunisti di ispirazione marxista. Ma paradossalmente, la fine del comunismo ha nuociuto, e tanto, anche ai vincitori di quella sacrosanta battaglia che i migliori uomini dell’occidente democratico combatterono in difesa della libertà e della democrazia. “…Il comunismo, fin quando non giunge alla pienezza del suo rifabbricare che è un demolire la vita umana, e non si fa dittatura continuata e tirannia, quando, invece, con le sue censure e con le sue richieste , e altresì con le sue minacce, combatte gli egoismi degli interessi economici privati e conferisce al vantaggio comune, quando coi suoi miti, pur anima di un qualsiasi ideale politico, classi sociali estranee alla politica e le sveglia e le disciplina e ne inizia una sorta di educazione, dimostra anch’esso le sue virtù, e sarebbe stolto rigettarlo o volere che non fosse al mondo, come invece si rigetta e teoricamente si annulla il suo principio direttivo e la sua materialistica religione…”. Questo scriveva, con straordinaria lucidità e profetica lungimiranza Benedetto Croce nel suo Storia d’Europa nel secolo decimonono, edito da Laterza nel 1932. Anche sotto questa prospettiva vanno lette le deleterie accelerazioni nella direzione di un rapido cambiamento delle politiche globali che hanno imposto con sempre maggiore virulenza un’idea alienante di darwinismo applicato all’economia che ha destrutturato irrimediabilmente la vita di interi popoli e intere generazioni. La funzione “moderatrice” svolta inconsapevolmente dall’impero sovietico nei confronti della ricorrente tentazione presente in Occidente di divinizzare il concetto stesso di “mercato”, giace anch’essa sotto le macerie berlinesi. Molti uomini in carne ed ossa,invece, protagonisti diretti di una politica sconfessata dalla storia nelle sue convinzioni più profonde, con perfetta tempistica e scaltro cinismo si sono altresì assicurati una personale sopravvivenza politica sostituendo, sic et simpliciter, la fede in Mosca con quella negli eurobanchieri di Francoforte. Sbagliavano prima e sbagliano ancora adesso.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Editoriale

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    4 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    6 Commenti

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    8420. PER UNA DEMOCRAZIA...

    Scritto il 9 - mag - 2014

    13 Comment1

    ELOGIO DI PILATO. OVVERO,...

    Scritto il 27 - gen - 2015

    3 Comment1

    SECONDO MERKEL, MACRON E...

    Scritto il 6 - feb - 2019

    1 Commento

    LA RESA DI THERESA,...

    Scritto il 10 - dic - 2018

    1 Commento

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.