Francesco Maria Toscano per Gazzetta del sud

    La globalizzazione ha rapidamente cambiato i nostri modelli economici. I vecchi recinti sono stati rimossi imponendo così ai moderni operatori economici una visuale diversa e più ampia capace di reggere la sfida della modernità. La sempre più agguerrita concorrenza su scala internazionale alimenta certamente interrogativi e difficoltà, ma è contestualmente foriera di gradi opportunità per tutti coloro che sapranno reggere il passo rapido della storia. Esistano infatti nuovi mercati, dalle potenzialità in astratto illimitate, pronti a premiare le eccellenze imprenditoriali che dimostreranno sul campo di possedere due qualità essenziali per guadagnare quote rilevanti nel mercato globale: coraggio e competenza. E’ proprio partendo da questa consapevolezza che la Camera di commercio reggina ha inteso organizzare un incontro-dibattito finalizzato all’approfondimento della situazione economica, con annessi rischi e opportunità, della Cina, “tigre asiatica” per eccellenza capace di crescere a ritmi elevatissimi. Dopo i saluti introduttivi del segretario generale della Camera di commercio di Reggio Calabria Antonio Palmieri, che ha sottolineato “l’importanza di confrontarsi con i mercati esteri, ed in particolare con la Cina, alla luce della sicura imprescindibilità del processo di internazionalizzazione dei mercati”, Sunyi Bai, responsabile della Camera di commercio italo-cinese, ha svolto un’analisi puntuale ed efficace sulla situazione attuale: “La Cina”, spiega Bai, “è oggi un grande mercato con i suoi 200 milioni di nuovi ricchi e 400 milioni di internauti. La Cina oggi perciò non è più solo la fabbrica del mondo ma è anche un grande mercato”. Dopo queste doverose e preliminari premesse, Sunyi Bai non ha nascosto le tante criticità che il mercato cinese può riservare a chi intende investire senza una adeguata conoscenza del nuovo contesto:” Le principali difficoltà”, continua Bai, “ sono di tipo geografico, linguistico e culturale. Queste ultime in particolare vanno conosciute in profondità. In Occidente ad esempio prevale una cultura individualista e decisionista sconosciuta ai cinesi che prediligono il collettivismo, l’ equilibrio e la mediazione. A grandi linee le differenze tra i cinesi e gli occidentali sono rintracciabili nel pensiero di due fondamentali figure del passato, Confucio e Aristotele”. In chiusura, secondo Bai, un grande aiuto agli imprenditori italiani che voglio scoprire la Cina può giungere dalla numerosa comunità cinese da tempo insediatasi in Italia perché “possono fare da ponte tra i due mondi”. Chiude i lavori l’Ing. De Sanctis, responsabile del ministero per lo Sviluppo economico: “ La Cina cresce al ritmo del 10% l’anno e ha conosciuto negli ultimi anni dei grandissimi cambiamenti sul piano politico, economico e sociale in larga parte dovuti all’opera di Den Xiaoping. Per capire la Cina bisogna leggere l’Arte della guerra di Sun Tzu, un testo capace di inculcare un metodo valido per gestire qualsiasi tipo di conflitto, sia in ambito lavorativo che domestico”. In un mondo alla affannosa ricerca di nuovi equilibri, vittima di una lunga crisi economica che sta erodendo le certezze di interi popoli e intere generazioni lo scambio economico e culturale non può che essere salutare. A meno che non si finisca ognuno con il copiare gli aspetti gli aspetti peggiori della’altro. Un rischio gravissimo, e per certi versi già iniziato nell’Europa occidentale, che potrebbe alla lunga imporre anche in Italia un modello di relazioni industriali e lavorative di tipo cinese, fatto cioè di bassi salari e pochi diritti. Conquiste che forse non è il caso di barattare oltre.

    Categorie: Esteri

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    ELOGIO DELLA RADICALITA’

    Scritto il 23 - giu - 2017

    0 Commenti

    IN DIFESA DI DIEGO...

    Scritto il 22 - giu - 2017

    1 Commento

    IL PROBLEMA E’ LA...

    Scritto il 21 - giu - 2017

    2 Commenti

    IL PARLAMENTO E’ UN...

    Scritto il 20 - giu - 2017

    0 Commenti

    QUANTO E’ DIFFICILE OGGI...

    Scritto il 18 - giu - 2017

    7 Commenti

    IELO, IL MILANESE

    Scritto il 22 - nov - 2011

    2 Comment1

    POLITIKOM: IL MEGLIO E...

    Scritto il 1 - gen - 2013

    4 Comment1

    MARZIANI IN RETE

    Scritto il 8 - feb - 2012

    0 Commenti

    SILVIO BERLUSCONI E’ UGUALE...

    Scritto il 2 - ago - 2013

    2 Comment1

    RENZI EVOCA TELEMACO MA...

    Scritto il 3 - lug - 2014

    14 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.