Da segnalare una bella intervista del segretario del Pd Bersani che sul Messaggero di oggi, forse inconsapevolmente, dice cose importanti e sensate. Bersani pone finalmente l’accento su uno dei problemi principali che costringono i popoli europei a vivere una lunghissima stagione di regressione economica costituito dalle dissennate politiche liberiste e recessive in voga da oltre un ventennio. Sarà interessante capire come il capo del Pd (per mancanza di prove in senso contrario) riuscirà a conciliare tale raggiunta consapevolezza con i punti focali contenuti nella famosa lettera della Bce, già largamente accolti come dogma di fede da larga parte del suo partito, tra i quali spicca per dabbenaggine l’indicazione del pareggio di bilancio come priorità da inseguire “a prescindere”. Siccome il tempo delle sterili acrobazie dialettiche è finito e nessuno rimpiange il “ma anchismo” di veltroniana memoria, è bene che Bersani non si limiti a formulare analisi corrette in astratto, ma metta in pratica comportamenti ad esse consequenziali. La difesa delle posizioni del responsabile economico Stefano Fassina, indicate come espressione del partito intero, è atto meritorio e coraggioso soltanto nella misura in cui manifesta una volontà politica strategica e intellettualmente onesta. Se invece Bersani pensa di poter conciliare a lungo e strumentalmente le posizioni di chi, come Enrico Letta, si pone su un piano di acritica e interessata continuità con i peggiori propositi delle euro tecnocrazie finanziarie con quelle autenticamente liberali e progressiste di Fassina, si sbaglia di grosso. Capiremo presto, pur tuttavia, se l’adesione di Bersani ad alcune linee di indirizzo è reale o miseramente speculare a coprire furbescamente uno spazio politico insidiato da Vendola. E’ bene infine che Bersani si autoriconosca una leadership piena e legittimata all’interno del suo partito. Troppo spesso la sua figura appare debole o subalterna tanto a quella dei vecchi dioscuri diessini D’Alema e Veltroni quanto a quella del capo dello Stato Napolitano che in questo suo lunghissimo settennato ha interpretato il suo ruolo in maniera alquanto estensiva. Avere buone idee, caro Bersani, non serve a nulla se manca la forza e il coraggio di perseguirle.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Editoriale

    4 Commenti

    1. ben detto, complimenti; temo che l’abile Bersani stia cercando di coprirsi a sinistra (di giorno) mentre la notte si incontra con la destra nel tentativo di democristianizzarsi, riuscendo quindi a n on ufficializzare mai in maniera netta e distinta una presa di posizione che sia chiara, anche a costo di avere cirtiche e opposizioni. Sembra che siano tutti più interessati a ramazzare votin che a trovare soluzioni adeguate per la nazione

    2. Laura Madrigali scrive:

      A proposito di subalternità, ricordiamoci del pizzino. Chiaro, conciso, essenziale. Verba volant, scripta manent.
      http://cdn.blogosfere.it/politicaesocieta/images/monti_letta.jpg

    3. Il Moralista scrive:

      Cara Laura, osservazione inoppugnabile.

      Ciao,

      Il Moralista

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LA QUARTA TEORIA POLITICA....

    Scritto il 23 - giu - 2019

    1 Commento

    LE FORZE DELLA TERRA...

    Scritto il 22 - giu - 2019

    0 Commenti

    SENZA ANCORARSI AD UNA...

    Scritto il 21 - giu - 2019

    0 Commenti

    BRUXELLES DELENDA EST

    Scritto il 20 - giu - 2019

    1 Commento

    IL PRIMO CONGRESSO DEL...

    Scritto il 18 - giu - 2019

    0 Commenti

    ORSI IN GABBIA

    Scritto il 12 - feb - 2013

    2 Comment1

    L’EUROPA DI OGGI. QUANDO...

    Scritto il 24 - set - 2013

    45 Comment1

    IL PROBLEMA DELL’EUROZONA E’...

    Scritto il 15 - giu - 2012

    1 Commento

    VERTICALIZZARE IL CONFLITTO

    Scritto il 13 - ott - 2017

    1 Commento

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.