Ripenso con tenerezza a quei poveri illusi che meno di un mese fa festeggiavano sguaiatamente la caduta di Silvio Berlusconi. Costoro, vittime incolpevoli di un sistema mediatico costruito ad arte, vengono volutamente fomentati contro un nemico ridicolo e di comodo. La fine politica di Berlusconi, infatti, lungi dal rappresentare una nuova età dell’oro per la nostra povera italietta, ha soltanto imposto una decisa accelerazione nella direzione dello svuotamento dei nostri valori costituzionali. Monti, come ampiamente previsto dal “moralista”, si appresta ad imporre alcune riforme funzionali al definitivo annichilimento delle flebili resistenze ancora esistenti in capo alle classi medie e proletarie, oramai ampiamente scaraventate nel pozzo nero dell’indigenza e del bisogno. Berlusconi, anche da premier, è sempre rimasto un uomo propenso a coltivare interessi privati. Nella sua ottica, il potere pubblico è utile nella misura in cui è funzionale al perseguimento dei suoi personalissimi affari. Nonostante Berlusconi appaia ai più ingenui un uomo sopra le righe e capace soltanto di dividere, egli si è rivelato nella realtà un efficacissimo terminale funzionale al consolidamento di un malefico e scientifico equilibrio di sistema. Il suo grottesco ed ossessivo richiamo al pericolo “comunista” costituisce, ad una lettura superficiale, un vecchio ritornello degno di un demagogo a corto di argomenti quando, al contrario, approfondendo la questione, è semplice cogliere nel suo sproloquio finalità diverse, funzionali soprattutto ai suoi finti bersagli. E’ anche grazie alla fantomatica creazione di un inesistente pericolo rosso, che i postcomunisti del Pd, ad esempio, possono ancora impunemente e strumentalmente cavalcare politiche iperliberiste e di destra, coperti a sinistra da un nemico di comodo alimentato da un benevolo alleato mascherato. In questo modo Pdl e Pd sposano politiche complementari nel mondo reale e sensibile, mentre l’alternativa sostanziale rimane appannaggio di una inesistente e favolistica “orda rossa”. Questa trama serve a Berlusconi non meno di quanto sia utile a comunisti convertitisi in iperliberisti come Massimo D’Alema e Giorgio Napolitano, veri, efficaci ed affidabili terminali di un manipolo di oligarchi internazionali avvolti da una sapiente nebbia. Dalla guerra in Libia alla precipitosa soluzione Monti, però, in controluce cominciano ad intuirsi i colori della verità. E se qualcosa di nuovo e migliore feconderà presto il mondo, riuscirà solo se sorretto da una diffusa e matura consapevolezza.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Editoriale

    3 Commenti

    1. Firmico Materno scrive:

      Sono d’ accordo. Berlusconi ha capito che il trucco consiste nel dire e far credere che si vive in uno stato di diritto contemporaneamente sospendendolo temporaneamente (ma in realtà permanentemente) per un incombente stato di eccezione che se non è il pericolo dei comunisti o il “terrorismo di matrice islamica” (suona bene perché è un endecasillabo) è la crisi economica che stiamo vivendo. Tra motivi veri, assurdi, naturali o pianificati si va avanti da decenni in una forma più subdola e raffinata di dittatura credendo in tutta buona fede di vivere nel migliore dei mondi possibili.
      Potrebbe reagire solo una popolazione o una classe sociale con un forte senso di appartenenza, ma anche lì sono stati forniti dei surrogati “temporanei” (uno scrittore anglosassone li chiamava “Il segreto di famiglia della ruling class”) che al momento dell’ impegno e del confronto vengono precipitosamente abbandonati in favore dell’ “ognuno per sé”.
      La mia personale convinzione è che non è l’ economia il fondamento dei fatti storici ma il senso di appartenenza; senza quello ci si lascia fare di tutto per di più facendosi prendere in giro… Fine spazio, alla prox…

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LE TURBOIDIOZIE DI ALDO...

    Scritto il 7 - apr - 2019

    1 Commento

    FUSARO SINDACO NEL NOME...

    Scritto il 3 - apr - 2019

    1 Commento

    QUESTA EUROPA E’ IL...

    Scritto il 21 - mar - 2019

    3 Commenti

    DOPO LA TRAGEDIA ARRIVA...

    Scritto il 2 - mar - 2019

    7 Commenti

    L’ERRORE PRIMIGENIO DEI GRILLINI

    Scritto il 28 - feb - 2019

    3 Commenti

    QUALCUNO SPIEGHI A SALMOND...

    Scritto il 16 - set - 2014

    17 Comment1

    LA GRANDE LETTERATURA COME...

    Scritto il 22 - gen - 2014

    21 Comment1

    IL LIMBO INFAME E...

    Scritto il 18 - set - 2014

    88 Comment1

    Renzi e il Nazareno,...

    Scritto il 9 - feb - 2015

    0 Commenti

    LASSINI E IL DIRITTO...

    Scritto il 20 - apr - 2011

    2 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.