Francesco Maria Toscano per Gazzetta del sud

    Mentre l’attenzione dei principali media sembra totalmente protesa nel decodificare fenomeni e termini astrusi come “spread” prima sconosciuti e improvvisamente divenuti centrali nel dibattito interno e internazionale, esistono ancora problemi come la disoccupazione, se volete più tradizionali e di più agevole comprensione, che incidono enormemente sulle vite di una moltitudine di giovani e meno giovani spesso scivolati, nell’indifferenza generale, nel girone oscuro dell’esclusione sociale. Spostando l’obiettivo dall’ossessivo asservimento ai dogmi di una finanza immorale e anarchica al dato, ben più tangibile e reale, riguardante l’uomo, il lavoratore e i suoi bisogni, si spalanca un mondo pieno di criticità di complessa risoluzione. Una recente ricerca dello Svimez ha certificato la sofferenza in capo ai giovani calabresi in relazione alla necessità di assicurarsi un lavoro dignitoso e coerente con i propri percorsi formativi. Non accenna poi a diminuire l’emigrazione intellettuale e manuale, la scala sociale è ferma mentre diminuiscono i salari in proporzione all’aumento della precarietà. All’interno di questa cornice amara, le istituzioni provano a indicare dei percorsi capaci in teoria di invertire la rotta. L’azienda Calabria Lavoro, ente pubblico economico strumentale della Regione Calabria, avente anche il precipuo compito di favorire e sviluppare politiche per l’occupazione, ha indetto una conferenza stampa volta alla presentazione di un “osservatorio sul mercato del lavoro con il compito di svolgere un’attività sistematica di rivelazione, elaborazione ed analisi dei dati”. Dice Pasquale Melissari commissario di Calabria Lavoro:”Sono molto contento di presentare questa nuova piattaforma telematica che risulterà molto utile al fine di comprendere in concreto la reale situazione del mercato del lavoro nella nostra regione. Ringrazio le Province il cui ausilio è indispensabile per la riuscita del progetto. Il nostro è un progetto aperto, trasparente e accessibile a tutti. Bisogna combattere anche le zone grigie e nere presenti nel mondo del lavoro. Per Giuseppe Raviglia, esponente del Formez, “è indispensabile monitorare il mercato del lavoro partendo dalle indicazioni provenienti dai singoli territori”. Chiude il dibattito l’ing. Massimo Russo che, dopo aver approfondito alcuni aspetti tecnici relativi al nuovo progetto, ha ribadito l’importanza di un approccio analitico per ottenere risultare in tema di lavoro: “Conoscendo nel dettaglio le singole realtà”, ha detto, “sarà più semplice adottare misure concrete che rispondano ad una esigenza reale del territorio. I programmi, per funzionare, devono essere razionali e calibrati”.

    Categorie: Economia

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    0 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    1 Commento

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL FINTO ROMANZO DI...

    Scritto il 13 - set - 2014

    23 Comment1

    IL GIOCO (PERICOLOSO) DELLE...

    Scritto il 10 - ago - 2018

    1 Commento

    ORAMAI E’ CHIARO: BARACK...

    Scritto il 11 - apr - 2013

    5 Comment1

    PER CHI SUONA LA...

    Scritto il 17 - mar - 2011

    0 Commenti

    CHI VUOLE SUBITO RENZI...

    Scritto il 12 - feb - 2014

    11 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.