Il ministro dal pianto facile, Elsa Fornero, ha cominciato a pianificare una lunga e ben orchestrata ossessione per dare un altro colpo decisivo alla classe lavoratrice. Probabilmente dove fallirono le armate berlusconiane, riusciranno gli ottimati guidati dall’ineffabile Monti. L’ultimo baluardo di civiltà che rende ancora (per poco?) liberi i lavoratori di non sentire quotidianamente sulla propria pelle il ricatto del possibile e arbitrario allontanamento dal posto di lavoro, sta per essere infranto. Aldilà del dato reale e delle possibili pratiche ricadute che l’abrogazione di questa norma di civiltà potrebbe determinare, la fine dell’art. 18, che impedisce i licenziamenti senza giusta causa, rappresenta la caduta di una, mica tanto, immaginaria linea Maginot. Crollata l’ultima resistenza, gli odierni barbari saranno definitivamente liberi di saccheggiare e depredare tutto e tutti. La fine delle tutele minime sul lavoro, nel tentativo di riproporre in epoca moderna schemi simili a quelli in voga nell’Inghilterra della prima rivoluzione industriale, non intende perseguire nessun vantaggio concreto che non si esaurisca nel malsano desiderio di rimettere finalmente in ginocchio le classi proletarie, uscite con le ossa rotte dalla lunga lotta, durata tutto il novecento, contro il modello capitalista. Senza lo spauracchio del comunismo, l’ala più darwiniana (o turbocapitalista) del liberismo economico sovranazionale, ha preso il definito sopravvento teorico, politico, culturale e concettuale, non temendo perciò di mostrarsi ora in tutta la sua durezza e crudeltà, nella falsa convinzione di non poter incontrare avversari degni e capaci di rallentarne il trionfale e macabro cammino verso nuove e moderne forme di schiavismo, per quanto ammantate da malevolo perbenismo comunicativo. La logica non può spiegare per quale motivo levare le tutele a chi le ha, dovrebbe favorire le opportunità di chi è fuori dal mondo del lavoro. Una fesseria senza senso ma che ripetuta all’infinito può finire col diventare un surrogato della verità. Il colpo di grazia alla classe lavoratrice, se mai verrà definitivamente assestato, sarà opera e vanto della cosiddetta sinistra italiana. La sinistra di D’Alema e del presidente Napolitano che oggi, bontà sua, ha sentito il bisogno di precisare (excusatio non petita?) che “in Italia la democrazia non è sospesa”. Diceva non a caso l’Avvocato Giovanni Agnelli, pensando ad alta voce: “Se voglio che un Governo faccia i miei interessi (di destra),ho bisogno che governi la sinistra”. E mentre chi comanda è pronto a sferrare il pugno di ferro, ben celato dentro un morbido guanto di velluto, i veri terroristi mediatici alla Pigi Battisti preparano “le manganellate preventive” per tutti quelli che hanno ancora la forza di restare dritti per guardare in faccia chi li colpisce, nella speranza perlomeno di schivare i terribili fendenti. Proprio mentre le indagini siciliane sulle stragi del 1992 e del 1993 cominciano faticosamente a mostrare il vero volto e le vere dinamiche che reggono il nostro limpido sistema di potere “legittimo”, c’è chi osa sventolare strumentalmente il pericolo del ritorno della violenza politica. Ogni pudore è stato oramai abbondantemente superato.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Economia, Editoriale

    2 Commenti

    1. bravo….mi conforta leggerti, grazie

    2. il Moralista scrive:

      Grazie a te Sergio. Sapere di avere lettori come te mi dà la forza di scrivere. Ciao

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    FINI E CASINI ESPERTI...

    Scritto il 3 - ott - 2012

    2 Comment1

    POLITIKOM: IL MEGLIO E...

    Scritto il 31 - dic - 2013

    7 Comment1

    AMICI DEL GIAGUARO

    Scritto il 2 - dic - 2011

    3 Comment1

    LA MEMORIA CORTA DEGLI...

    Scritto il 3 - mar - 2015

    7 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.