Mi interrogo spesso sul concetto di violenza ma difficilmente riesco a comprendere in profondità le diverse sfaccettature di questo inestricabile fenomeno. Tutti, a parole, si dichiarano perennemente scandalizzati dall’utilizzo della violenza quale criterio per dirimere i contrasti, regolare i rapporti e definire le diverse gerarchie. Eppure, per quanto mi consideri un fervente sostenitore del metodo dialogante e tollerante, non riesco a non subire un moto di stizza repressa nei riguardi di tutti quelli, e sono tanti, che condannano soltanto le forme che, di volta in volta, accompagnano i tanti volti che può assumere il mostro violento della sopraffazione e dell’arroganza. E’ difficile non notare come spesso, la condanna del cosiddetto violento, rappresenti più realisticamente soltanto la pena accessoria che la società riserva ai perdenti. E’ facile isolare, demonizzare e colpire chi, non avendo strumenti diversi né materiali né intellettuali, si limita a tradurre la sua disperata condizione in atti di sterile vandalismo o si preoccupi di partecipare a manifestazioni di massa dove spesso affiorano istinti bestiali sopiti ma mai del tutto scomparsi. Non intendo con questo minimamente giustificare, sia chiaro, le gesta stupide ed insensate di chi periodicamente si diverte a rovinare manifestazioni pacifiche con l’inutile esibizione di una furia cieca e mai fruttuosa ma ritengo, più realisticamente, che questo tipo di espressioni non esaurisca il concetto il violenza. Non mi scandalizzano perciò le argomentazioni di Grillo che, di fronte ad un crescendo di minacce sempre più esplicite ai danni dell’agenzia di riscossione Equitalia, invita tutti a riflettere anche sui motivi che possono favorire il ritorno di un clima di forte tensione sociale. Marx spiegava come la violenza fosse la vera levatrice della storia. E per quanto l’umanità si sforzi endemicamente di ammantare di giustizia operazioni che sono di pura supremazia, è ingenuo non comprendere come spesso le ragioni del diritto seguano necessariamente di un passo quelle della forza. La grandezza di una società veramente giusta, incline a quel modello di giustizia che non si esaurisce nell’acritico rispetto di un impianto normativo spesso funzionale perlopiù agli interessi delle oligarchie dominanti, si vede in ciò che non è scritto né codificato. E’, in estrema sintesi, una società nella quale nessuno si suicida perché licenziato una volta sorpreso a sottrarre all’azienda un buono pasto da cinque euro (caso realmente accaduto), nessuno è costretto a lavorare per 5 centesimi al rigo (paga media dei giovani pubblicisti), nessun lavoratore viene messo nella condizione di dover accettare condizioni sempre più umilianti nel timore di perdere tutto. Perché anche un padre licenziato che non ha i soldi per fare un regalo al figlioletto a Natale è violenza. Una giovane badante in nero, costretta ad annullare la sua vita e i suoi giorni per sopravvivere, è violenza. Un giovane divenuto anziano in perenne cerca di lavoro è violenza. La violenza è tante cose, e spesso abbonda proprio là, dove nessuno la cerca.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Editoriale

    2 Commenti

    1. Ugo scrive:

      Son cose che condivido, ma che non avrei saputo esprimere con i toni pacati ma fermi che hai usato tu. Complimenti. E dire che non sempre condivido i tuoi punti di vista…

    2. il Moralista scrive:

      Grazie Ugo. Il tuo parere per me è molto importante. Ti prego di indicarmi anche le cose che non condividi. Magari, leggendo i tuoi spunti critici, allargherò i miei orizzonti.

      Francesco

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    QUESTA EUROPA E’ IL...

    Scritto il 21 - mar - 2019

    0 Commenti

    DOPO LA TRAGEDIA ARRIVA...

    Scritto il 2 - mar - 2019

    7 Commenti

    L’ERRORE PRIMIGENIO DEI GRILLINI

    Scritto il 28 - feb - 2019

    2 Commenti

    IL RISORGIMENTO MERIDIONALE E’...

    Scritto il 23 - feb - 2019

    2 Commenti

    PERCHE’ L’INCONTRO DEL 20...

    Scritto il 15 - feb - 2019

    0 Commenti

    FIGLI DI TROIKA

    Scritto il 22 - ago - 2013

    5 Comment1

    PAUL KRUGMAN INDICA LA...

    Scritto il 17 - mag - 2012

    6 Comment1

    I NAZISTI TECNOCRATICI, PER...

    Scritto il 11 - dic - 2015

    58 Comment1

    LE PRIMARIE DEL PD:...

    Scritto il 29 - ott - 2013

    5 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.