Durante l’assegnazione di una laurea honoris causa al Presidente Napolitano presso l’Università di Bologna, centinaia di studenti sono scesi in piazza per manifestare il proprio dissenso. Sia chiaro che l’Università di Bologna non è la sola a promuovere questo tipo di operazioni molto italiche, nelle quali il trionfo della piaggeria si sposa in genere con l’interesse mediatico e pubblicitario. Il vizio di correre in soccorso del vincitore non è nuovo per il Belpaese e, se volete, non fa neppure notizia. E’ interessante, al contrario, registrare la vitalità di una piazza di studenti, colma di giovani entusiasti, che a dispetto della grancassa mediatica che solitamente accompagna ogni sospiro del nostro per forza amatissimo Presidente, dimostra di comprendere fino in fondo sia le vere dinamiche di una crisi costruita a tavolino che le singole responsabilità politiche e personali del tracollo. Adesso probabilmente i giornalacci di regime cominceranno a martellare gli studenti, alimentando dubbi, insinuazioni e inquietanti interrogativi sul perché di una protesta contro il nostro Presidente “al quale tutti dobbiamo stima e riconoscenza”. Già il ministro Cancellieri (da non confondere con Rosanna) si è preoccupata di dire che “tutta la città è con Napolitano” (quale città? Forse Innsbruck). A breve forse qualcuno avanzerà pure la proposta di rieducare i dissidenti in qualche centro nordcoreano. A proposito di Nord Corea, non so a voi ma a me i lamenti che hanno accompagnato la notizia della morte dell’ex presidente Scalfaro mi hanno ricordato le immagini provenienti dall’estremo oriente all’indomani della morte del dittatore Kim Jong-Il. In Corea folle di uomini e donne inconsolabili si stracciavano le vesti piangendo a dirotto per la fine improvvisa del capo di un Paese nel quale regna miseria e disperazione. In Italia, pur senza toccare le vette commoventi del lontanissimo Paese asiatico, ci siamo difesi. Tutti a ricordare la profonda religiosità cristiana di un uomo come Scalfaro che da Pm chiese, e per fortuna non ottenne, la condanna a morte di un tale Stefano Zurlo. Secondo Napolitano, poi, Scalfaro era addirittura un esempio di “moralità ed integrità”. Un esempio certamente particolare alla luce sia dello scandalo, ancora da chiarire in sede storica, dei fondi neri del Sisde che delle recenti rivelazioni sulla trattativa Stato-mafia che promettono di svelare verità tragiche e inconfessabili. Ogni popolo, verrebbe da dire parafrasando Joseph de Maistre, ha gli esempi di integrità morale che si merita.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Editoriale

    2 Commenti

    1. amico pulito scrive:

      Vuoi sapere la prossima a chi la daranno?….un nome su tutti, De Falco (DeFalco?) eroe ed esempio anch’esso.
      Siamo un popolo di eroi!!!

    2. Ugo scrive:

      Quando è morto Scalfaro ho mantenuto la mia promessa e ho stappato una delle bottiglie di spumante che tengo appositamente in cantina (in effetti, era una bottiglia di brachetto). Per Napolitano ne ho già pronta un’altra, e non credo che dovrò aspettare molto — il fattore anagrafico gioca a favore del mio gusto per il buon vino frizzante.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    QUELLI CHE FANNO FINTA...

    Scritto il 5 - set - 2015

    24 Comment1

    LA STRANEZZA AMERICANA DI...

    Scritto il 19 - feb - 2013

    2 Comment1

    RISPOSTE FALSE A PROBLEMI...

    Scritto il 1 - apr - 2014

    5 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.