Su la 7 c’è l’Infedele. Nel buio del panorama informativo italiano sul caso Grecia, Gad Lerner ha organizzato una buona trasmissione di approfondimento su una vicenda tanto decisiva quanto silenziata. I grandi network informativi italiani, invece, sono troppo eccitati nell’osservare le navicate appenniniche per occuparsi delle proteste che stanno infiammando l’Europa. Il limite della trasmissione è forse consistito nella non eccelsa qualità degli ospiti in studio, incapaci di analisi di grande respiro e spesso tentati dall’utilizzo di furbizie rappresentative. Tra i peggiori il giornalista del Corriere della Sera Federico Fubini, nei panni mal dissimulati dell’agente tedesco schierato a difesa pure degli interessi delle banche padrone del giornale che lo paga. Non convincenti neppure i ragionamenti un pò troppo arzigogolati dell’economista in collegamento da Roma prof. De Cecco. L’unico ospite in studio capace di cogliere inascoltato il cuore del problema è stato il prof. Giovanni Dosi, economista della scuola superiore Sant’Anna di Pisa. Dosi, senza perdersi in argomenti di contorno, ha spiegato con lucidità perché queste politche recessive attualmente in atto produrranno il sicuro effetto di aggravare la crisi. Dosi ha inoltre invitato tutti a riscoprire le politiche keynesiane, uniche che possono rimettere in moto l’economia, mettendo in guardia tutti dal rischio possibilissimo che si ripresentino a breve in Europa i fantasmi di un tragico passato. Per sfuggire all’abbraccio di usurai interessati, ha continuato Dosi, è meglio che la Grecia dichiari un fallimento che è già nei fatti. La storia infatti insegna come, dopo un default, l’economia tenda dappertutto a ripartire con slancio. La deputata socialista greca, Elena Panaritis, sembrava collegata direttamente della Luna. Dopo avere votato le misure criminali volute dalla Troika per colpire il popolo che indegnamente rappresenta, la Panaritis ha espresso dubbi sulla qualità delle politiche che lei stessa insieme al suo partito, ìl Pasok, ha imposto al suo sventurato Paese. Stendo infine un velo pietoso sul parlamentare tedesco della Cdu Kolbe, perfetta e involontaria controfigura del militare nazista tedesco che, nel film di Benigni “La vita è bella”, si dimostrava ossessionato dall’indovinello dell’anatraccolo che non riusciva a risolvere. I limiti degli ospiti in studio, capeggiati dall’irritante e a tratti impudicamente antidemocratico Fubini, sono stati ampiamente compensati però dalla ottima qualità dei servizi andati in onda e dalla incalzante e pertinente conduzione di Gad Lerner. Grazie alla attenta osservazione dei servizi degli ottimi giornalisti de “L’Infedele”, è stato possibile capire fino in fondo i radicati sentimenti antitedeschi che pervadono la società ellenica e cogliere il fallimento complessivo delle politiche liberiste imposte dagli euronegrieri in alcuni Paesi volutamente ridotti in ginocchio come Grecia, Ungheria, Portogallo e Romania. Politiche infami, fatte di tagli al welfare, ai salari e di privatizzazioni selvagge di beni pubblici. Bello pure il filmato sulla giovanissima e lucida leader del movimento studentesco cileno Camila Vallejo, che ha messo in guardia gli europei dai disastri compiuti in passato nel suo Paese da quelle stesse ricette oggi applicate con l’inganno in Europa. Tutto sommato, una trasmissione che meritava di essere vista.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Politica

    Un commento

    1. amico pulito scrive:

      Bravo, non ho visto la puntata, ma concordo pienamente (a metà…) sull’analisi politica odierna nonché sulla trasmissione in se stessa, che è sempre puntuale e ben condotta. A volte anche troppo! :-)

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    QUESTA EUROPA E’ IL...

    Scritto il 21 - mar - 2019

    0 Commenti

    DOPO LA TRAGEDIA ARRIVA...

    Scritto il 2 - mar - 2019

    7 Commenti

    L’ERRORE PRIMIGENIO DEI GRILLINI

    Scritto il 28 - feb - 2019

    2 Commenti

    IL RISORGIMENTO MERIDIONALE E’...

    Scritto il 23 - feb - 2019

    2 Commenti

    PERCHE’ L’INCONTRO DEL 20...

    Scritto il 15 - feb - 2019

    0 Commenti

    NUOVA LEGA, STESSA SOLFA...

    Scritto il 30 - giu - 2012

    1 Commento

    SONO UN PROPORZIONALISTA CONVINTO

    Scritto il 9 - nov - 2012

    2 Comment1

    GOLDMAN SACHS: DOING “GOD’S...

    Scritto il 26 - gen - 2013

    1 Commento

    LE MISERABILI INTIMIDAZIONI DI...

    Scritto il 16 - dic - 2013

    5 Comment1

    OGNI SINGOLO CITTADINO HA...

    Scritto il 28 - lug - 2014

    4 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.