Prima giornata del meeting riminese. Sveglia alle 5, partenza da Milano sud alle ore 6 nella speranza di raggiungere per tempo il luogo dell’evento orgnizzato da Paolo Barnard. Leggendo le informazioni sul sito mi ero messo un tantino in allarme. Barnard, infatti, ci aveva tenuto a specificare l’assoluta importanza della puntualità, pena l’esclusione dall’ascolto dei lavori. Nonostante l’impegno e la capacità del guidatore Alessando siamo però arrivati con venti minuti di ritardo rispetto all’orario previsto dal programma. Panico. All’arrivo, dopo un lungo e faticoso viaggio, troviamo solo alti cancelli sbarrati, con due addetti alla sicurezza intenti a spiegarci come Barnard avesse lasciato disposizioni precise e non interpretabili. Nessun appello per i ritardari, da qualunque parte del mondo arrivino. Non ci resta che aspettare la fine della sessione mattutina per ritentare la fortuna nel primo pomeriggio. Io e Alessandro condividiamo questa triste condizione in compagnia di un’altra decina di persone che, come noi, non hanno rispettato l’orario con germanica precisione. Una ragazza palermitana accenna una protesta, rafforzata dall’ indignazione nel vedersi vietato l’ingresso dopo un così lungo cammino. Le sue proteste non sortiscono però nessun effetto e la ragazza, sconsolata, borbottando si allonana. Io e Alessandro restiamo nel piazzale antistante il palazzo dell’incontro, ingannando il tempo in compagnia di quelli che condividono il nostro destino di provvisori esclusi per colpa grave. Si parla di economia, lavoro e crisi greca, quando improvvisamente una manina angelica senza colpo ferire, mossa evidentemente a compassione, ci apre furtivamente dall’interno il cancello che permette l’ingresso. Senza fare domande, con passo svelto e aria circospetta, io e Alessandro ci guadagniamo l’ingresso dell’aula dove da un’oretta buona gli oratori hanno già cominciato ad approfondire i temi del dibattito. L’amarezza per il trattamento non proprio affettuoso ricevuto all’arrivo lascia immediatamente il campo al vivo interesse per la qualità delle analisi e la profondità dei ragionamenti esposti dai diversi protagonisti che si alternano al microfono. Questa sera mi limiterò a mettere in rilievo alcune sintetiche impressioni. Domani, con calma, provvederò a stilare un rapporto dettagliato sulle proposte economiche discusse e approfondite. In pillole, ottime le relazioni tecniche e l’analisi economica rigurdante la crisi Europea e il ruolo della Modern Money Theory come possibile soluzione. Scarso l’approfondimento politico sulle cause profonde che hanno determinato questa involuzione democratica con annesso impoverimento dei popoli. Dubbi sulla capacità della persona Paolo Barnard di poter trasformare una piattaforma ancora esclusivamente culturale in proposta politica capace di diventare concreta e solida alternativa. Il resto a domani.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Economia

    Un commento

    1. Daniele scrive:

      Il meeting è stato informativo e divulgativo prima di tutto. E’ un interesse di tutti maturarne i contenuti e trasformarli in un nuovo paradigma socio-economico. A P.Barnard và il riconoscimento (e anche il ringraziamento) per quanto fatto. L’argomento era oggettivo (ovvero l’MMT) e non dovrebbe essere relativizzato alla personalità del suo organizzatore.
      La situazione politica ed economica di questo paese è seria ed uscirne si può solo con un gioco di squadra fatto da persone adulte e possibilmente lucide. L’interesse collettivo dovrebbe far serrare i ranghi lasciando a tempi migliori personalismi e rivalità.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LE TURBOIDIOZIE DI ALDO...

    Scritto il 7 - apr - 2019

    1 Commento

    FUSARO SINDACO NEL NOME...

    Scritto il 3 - apr - 2019

    2 Commenti

    QUESTA EUROPA E’ IL...

    Scritto il 21 - mar - 2019

    3 Commenti

    DOPO LA TRAGEDIA ARRIVA...

    Scritto il 2 - mar - 2019

    7 Commenti

    L’ERRORE PRIMIGENIO DEI GRILLINI

    Scritto il 28 - feb - 2019

    3 Commenti

    BLAIR E’ UN MODERATO...

    Scritto il 14 - mag - 2015

    3 Comment1

    TEMPI MODERNI, TRA RIFORMISMO...

    Scritto il 21 - dic - 2015

    68 Comment1

    UN VOLGARE DIFFAMATORE DI...

    Scritto il 26 - ago - 2013

    43 Comment1

    ANNO 2033, ITALIA, CANTONE...

    Scritto il 30 - dic - 2013

    2 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.