Giusto per far capire a tutti chi è che comanda per davvero a sinistra, oggi a pag. 8 del Corriere delle élite corrucciate (per copiare Dagospia), campeggia il faccione di Massimo D’Alema intervistato da Dario Di Vico sull’attualità politica. Siccome, nonostante la lunghezza, l’ex Premier occupa una pagina intera per non dire nulla, è evidente che la finalità del pezzo non è quella di indicare una strategia politica, magari miope e di corto respiro, ma più modestamente quella di marchiare il territorio. L’assoluta inutilità del pezzo è palese fin dalla lettura dell’occhiello (in gergo giornalistico la sintesi posizionata sopra il titolo di apertura): “Una squadra come quella del professore (Monti) l’avevamo chiesta noi, e ha rimesso al centro serietà e competenze. Ma può tornare la dialettica democratica”. L’intervista è poi totalmente infarcita di innocue e trite riflessioni sulla inadeguatezza dell’architettura istituzionale che ha contribuito non poco a rendere fallimentare il periodo storico convenzionalmente chiamato “seconda Repubblica”, con relativo e peraltro condivisibile invito a scegliere definitivamente tra la salvaguardia del modello parlamentare tutt’ora vigente, attraverso la coerente e relativa approvazione di una nuova legge elettorale proporzionale sul modello tedesco, o il definitivo abbraccio di un sistema presidenziale bilanciato come quello vigente in Francia. In tema di banalità, non poteva poi mancare l’accenno al Terzo Polo ( che poi sarebbe il quarto se non il quinto in termini di consenso elettorale) e l’invito a forze politiche come Sel e Idv ad essere responsabili. Cosa intenda D’Alema con il termine responsabilità lo si capisce dagli esempi che il leader coi baffi riporta a mo’ di sgangherato esempio: “Le migliori performance nella riduzione della spesa e nelle liberalizzazioni”, si avventura D’Alema, “ vengono dai progressisti. Le ricordo cosa hanno fatto i governi di centrosinistra in Italia, ma anche Schroder in Germania…”. In pratica D’Alema rivendica in toto la bontà di quelle politiche iperliberiste di destra, approvate sotto le insegne truffaldine di governi nominalmente di sinistra, che hanno reso l’Europa intera una valle di lacrime. D’Alema si vanta inoltre dei tagli alla spesa, la cui sublimazione consiste nella recente approvazione del cosiddetto fiscal compact, citando orgoglioso l’ex cancelliere socialdemocratico tedesco Schroder, famoso per avere colpito con estrema durezza i diritti dei lavoratori tedeschi per poi finire sul libro paga del colosso russo Gazprom. Quindi, pare avvertire lo statista pugliese, il problema non è se il Pd intende in futuro governare con Casini o con Vendola, la cosa importante è continuare a servire ancora gli stessi interessi e gruppi di pressione, perseguendo così il trionfo finale di quel progetto neoschiavista tanto faticosamente inseguito. Tornano alla mente le recenti affermazioni dell’economista circuitista francese Alain Parguez che, durante il meeting di Rimini sulla MMT, indicò proprio nella figura di D’Alema l’elemento di garanzia circa l’applicazione di politiche care alla tecnocrazia transalpina. Sul sito ufficiale del movimento di opinione democrazia radical popolare (www.democraziaradicalpopolare.it), compare oggi una interessante analisi sullo stato di salute del Pd dal titolo “Democrazia Radical Popolare in Difesa (parziale) di Pierluigi Bersani. Ma Bersani faccia una svolta precisa in direzione del Socialismo Liberale e contro i Neoliberisti Reazionari di destra e di sinistra (PD incluso), scegliendo anche i candidati giusti per le primarie e le elezioni di oggi e di domani e sconfessando, anche a posteriori, il Fiscal Compact europeo e il Pareggio di Bilancio costituzionale italiano, destinati ad essere superati da nuove normative continentali per l’investimento, in un nuovo patto costitutivo federale”. Una riflessione come al solito interessantissima che invita il segretario Bersani ad un colpo d’ala che nobiliti il primo partito italiano ed il suo attuale segretario. Temo francamente, ma spero di essere presto smentito nei fatti, che tali generosi consigli non verranno raccolti perché non si può chiedere ad un bradipo di spiccare improvvisamente il volo. Bersani sta a D’Alema più o meno come Medvedev sta a Putin. Fino a quando alcune ingombranti figure, protagoniste di un tetro e recente passato, non saranno definitivamente messe nella condizione di non nuocere, tutte le buone iniziative di cambiamento risulteranno probabilmente velleitarie. E’ vero che la pars costruens è indispensabile e necessaria per qualsiasi progetto politico, ma è anche vero che può imporsi in pienezza solo se susseguente ad una mirata, preparatoria ed indispensabile pars destruens.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Editoriale

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    0 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    1 Commento

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    ESISTE UNA CAMERA DI...

    Scritto il 3 - mar - 2017

    0 Commenti

    LA TRAGEDIA DEL MONTISMO...

    Scritto il 24 - giu - 2012

    1 Commento

    BERLUSCONI E IL “VELENO”...

    Scritto il 5 - set - 2013

    19 Comment1

    GERMANIA E AUSTERITA’, FINITA...

    Scritto il 27 - lug - 2013

    3 Comment1

    INTERVISTA A LUIGI DE...

    Scritto il 29 - gen - 2014

    16 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.