C’è da restare sbigottiti di fronte alle esternazioni del fronte sindacale che, perfino per bocca della segretaria della Cgil Camusso, profilano il rapido raggiungimento di un accordo per riformare il mercato del lavoro. Un impianto governativo di chiara matrice terrorista che però, a differenza di quello classico, non colpisce soltanto singoli soggetti sulla base di contestazioni specifiche, ma condanna alla morte perpetua il genere umano nel suo insieme, la civiltà europea e la dignità del lavoro. Si torna ad una visione ottocentesca dei rapporti di lavoro distinguendo bene e con nettezza i padroni dai braccianti. I secondi hanno diritto all’esistenza solo nella misura in cui risultino pienamente funzionali alle esigenze dei primi. Il dramma della disoccupazione, giovanile o sopravvenuta, non è più un problema di rilevanza pubblica ma attiene alla sfera delle condizioni personali. Su questa linea, si limita la cassa integrazione, si esaspera la mobilità e si permettono i licenziamenti senza giusta causa. Questa ecatombe civile e culturale, paragonabile alla fine della civiltà romana e all’evento del potere barbarico, è giustificata dalla menzogna che promette di facilitare l’ingresso nel mercato del lavoro. Una colossale mistificazione, partorita da menti sadiche e assassine, usata anche venti anni fa per giustificare l’introduzione di dosi sempre più massicce di precarietà. Abbiamo visto quali risultati meravigliosi sono stati raggiunti grazie alla precarietà. Ed ora, non contenti di  tanto scempio, disperazione e dolore, un governo di tecnici non rappresentativi, guidati da un uomo della Goldman Sachs come Mario Monti, sancisce in Italia la definitiva rivalsa della classe padronale rispetto a quella subordinata e neoschiavizzata. Il tutto grazie al martellamento dei mezzi di comunicazione utilizzati come strumento di classe, e alla collaborazione irresponsabile di sindacalisti senza scrupoli, pronti a sacrificare gli interessi dei  lavoratori per guadagnarsi qualche credito nei confronti di politicanti burattini nelle mani della grande speculazione bancaria  e finanziaria. Probabilmente la Camusso raggiungerà presto i vari  Pezzotta e D’Antoni nelle aule dorate del nostro Parlamento ridotto a  fantoccio. Mentre continua la cinesizzazione dell’Italia e dell’Europa, con il consenso complice di una aristocratica infiltrata nel maggiore sindacato italiano, cresciuta non a caso negli studi chic di Ballarò, la politica dei tecnici si impegna per venire incontro ai diktat della banche. I salariati affogano nell’indigenza e nello sfruttamento, e il Pd per bocca della Finocchiaro, spalleggiata da Casini, corre feroce in soccorso dei banchieri miliardari che pretendono la cancellazione di un provvedimento che interviene sui costi delle commissioni. E pensare che solo dieci anni fa, di fronte al tentativo di Berlusconi di annientare la classe lavoratrice, milioni di persone manifestarono il proprio sdegno denunciando chiaramente e con forza il tentativo schiavista e disumano in atto. Cosa è cambiato oggi? Perché le poche voci di protesta sono così flebili? Basta mettere a capo del governo un tecnico che applica alla lettera gli ordini della Bce per rendere tutto digeribile? Vi invito a rileggere i commenti di allora di quelli che oggi parlano di “accordo positivo”. Questi personaggi, che vivono strumentalizzando i bisogni e le speranze dei deboli che indegnamente rappresentano, non hanno alcun pudore. E sulla loro malefica ipocrisia ingrassano vecchi e nuovi negrieri.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Lavoro

    Un commento

    1. Ugo scrive:

      Bravo. E sei stato fin troppo tenero. Sai cosa è curioso? Che tesi dello stesso tipo vengono sostenuti tanto da blogger che si etichettano come “di destra” come da blogger che si etichettano come “di sinistra”. Forse sarebbe ora di smetterla con questo genere di schieramenti da tifoserie calcistiche, e cominciare a prendere coscienza del fatto che il nemico non è né a destra né a sinistra ma, molto più semplicemente, è quello che sta sopra. Indipendentemente dalla sfumatura cromatica del drappo nel quale si avvolge a scopo mimetico.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LA QUARTA TEORIA POLITICA....

    Scritto il 23 - giu - 2019

    0 Commenti

    LE FORZE DELLA TERRA...

    Scritto il 22 - giu - 2019

    0 Commenti

    SENZA ANCORARSI AD UNA...

    Scritto il 21 - giu - 2019

    0 Commenti

    BRUXELLES DELENDA EST

    Scritto il 20 - giu - 2019

    1 Commento

    IL PRIMO CONGRESSO DEL...

    Scritto il 18 - giu - 2019

    0 Commenti

    IL FILO ESOTERICO CHE...

    Scritto il 8 - apr - 2015

    4 Comment1

    ESISTE UNA CAMERA DI...

    Scritto il 3 - mar - 2017

    0 Commenti

    IO, EMMEMMETTI’ E TU

    Scritto il 6 - lug - 2013

    15 Comment1

    ANCHE LANDINI SA CHE...

    Scritto il 29 - mar - 2015

    4 Comment1

    ECCO PERCHE’ BISOGNA VOTARE...

    Scritto il 7 - gen - 2018

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.