Questa è la storia di Miriam Sermoneta, una giovane donna con un nome bellissimo dall’origine incerta, per alcuni egiziano per altri ebraico, di sicuro punto d’incontro tra oriente ed occidente. Miriàm/Maria è anche il nome della Madre, protagonista di uno dei più delicati romanzi dello scrittore partenopeo Erri De Luca. In questa storia però non c’è il lieto fine. Miriam ha deciso di recidere il cordone ombelicale che la legava, flebile, a questa grama esistenza. Miriam si è uccisa. Un colpo di pistola dritto al cuore ha cancellato in un sol istante sogni e delusioni. Il suo caso non ha conquistato le prime pagine dei giornali nazionali, ma non certo per pudore o rispetto, dei giornalisti, nel trattare l’ennesimo caso di suicidio. Miriam è stata oscurata, lasciata sola ancora una volta, perché la sua battaglia contro le ingiustizie della vita quotidiana e le sue idee facevano e fanno paura. La giovane guardia giurata denunciava le orribili condizioni di sfruttamento perpetrate dalla classe padronale, scriveva di uguaglianza ed il suo cruccio era quello di non capire il perché di tanta disumanità nei luoghi di lavoro. Spinta dalla disperazione aveva persino scritto una lettera al Presidente della Repubblica. Non è dato sapere se Napolitano abbia letto o meno quella lettera. Molto probabilmente no, magari qualche zelante funzionario del Quirinale ha provveduto a cestinarla. Una risposta, seppur formale, forse avrebbe cambiato il corso degli eventi, se non altro l’avrebbe fatta sentire meno sola. Dunque, rimedi subito Napolitano all’incresciosa mancanza e conferisca a Miriam la medaglia di Cavaliere del Lavoro alla memoria, sempre che tale titolo conservi ancora un valore etico dopo l’assegnazione a personaggi della bassezza di Tanzi. Ma torniamo all’impegno pubblico di Miriam. Nei social network parlava di solitudine nei posti di lavoro e nel privato chiedeva alla sua ditta di poter svolgere la sua attività in compagnia di altri colleghi. Richieste sempre disattese. Miriam non era una Rambo in gonnella e spesso le notti erano più buie del solito, i pensieri diventavano fitti e subentrava la paura e con essa il desiderio di scambiare qualche parola con una voce amica, consolatoria. E poi Miriam si batteva contro la stretta sul lavoro, fondando e partecipando attivamente al forum “Non toccate l’Art.18”. Se in questo Paese esiste ancora qualche Magistrato illuminato si impegni a dimostrare che non si tratta di “suicidi dettati dalla crisi” ma di “omicidi legalizzati”. Le banche, i padroni, i governi stanno facendo suicidare interi popoli. E la smettano una volta per tutte gli esperti, gli psicologi e i vari venditori di fumo di spacciare la crisi per un’opportunità. Per ritrovare la serenità bisogna rimuovere la crisi e chi la produce, bisogna fare l’opposto di quello che sta facendo l’attuale Governo. A cominciare dalla difesa dell’Art. 18 che non può essere barattato in cambio di un indennizzo economico. E poi bisogna creare le condizioni per una piena occupazione, e in attesa di questo concedere un reddito minimo garantito di cittadinanza (chissà perché Italia e Grecia, i paesi più colpiti dalla crisi, sono gli unici a non averlo). Ancora una volta gli uomini chiedono il pane e le rose, lavoro e dignità. Nessuno deve essere lasciato indietro e tutti devono essere liberi dalla paura. L’unica medicina per non soccombere è l’impegno, la lotta, la dedizione ad una causa, la ribellione verso un sistema sbagliato e crudele. La prossima volta che scenderemo in piazza portiamo con noi il dolce pensiero di Miriam, raccogliamone idealmente il testimone e facciamo nostro il suo monito: “Non voltate la faccia, non tappatevi le orecchie e non chiudete gli occhi”.

    Il Vicemoralista

    Emanuele Bellato (direttore della testata online “Il Popolo Veneto”)

    Categorie: Attualità

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    4 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    6 Commenti

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    MMT Calabria, le misure...

    Scritto il 2 - dic - 2012

    0 Commenti

    LA FINE DEL SETTENNATO...

    Scritto il 13 - mar - 2013

    1 Commento

    COMBATTIAMO GLI SPRECHI, MA...

    Scritto il 20 - set - 2012

    0 Commenti

    IL CONCETTO DI “UNITA’...

    Scritto il 17 - nov - 2015

    11 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.