Anche oggi, come ogni mattina, mi sono recato alla stazione per prendere il treno che collega Gioia Tauro a Reggio di Calabria. L’ultimo treno utile era quello delle 9.25, un macinino che impiega più di un’ ora per percorrere meno di 50 km. Ho fatto tardi perché ho dovuto prima accompagnare il bimbo dal pediatra, alla prese con la solita endemica tosse catarrale. Già sul binario, immerso nei soliti quotidiani pensieri, mi viene in mente che oggi è il primo giorno di Giugno. Da buon pendolare perennemente abbonato a Trenitalia, mi accorgo, prima di salire, che il mio titolo di viaggio mensile è appena scaduto. Faccio presente perciò ancora a terra la circostanza al capotreno, convinto di trovare la sua comprensione. I controllori, a rotazione, sono sempre gli stessi e, mi illudo, una persona di buon senso  comprenderà facilmente la situazione vedendomi viaggiare ogni santo giorno. Tutt’al più, dico tra me e me, pagherò oltre all’abbonamento di Giugno, da comprare prima del ritorno serale a casa, anche il singolo viaggio di andata, giusta punizione per non avere fatto in tempo a rinnovare l’abbonamento scaduto da poche ore. Appena ho notato, però, il volto del capotreno, le mie immature convinzioni hanno lasciato spazio ai dubbi. Sul locale di oggi, infatti, 1 giugno 2012, che collega Rosarno con Melito di Porto Salvo, in partenza dalla stazione di Gioia Tauro alle ore 9.25, il controllore era proprio quel tipo ricciolino, dai modi “interurbani” direbbe il principe Antonio de Curtis, con il quale avevo già avuto una discussione qualche tempo fa. Da Gioia Tauro e Rosarno, in direzione Reggio Calabria, viaggia ogni mattina una nutrita squadra di poveri immigrati che, dallo studio dei lineamenti, credo provengano dal Pakistan o altre zone limitrofe. Uomini sfortunati, piegati dal caldo e dalla fatica, che vivono tentando di vendere le misere cianfrusaglie stipate nei rispettivi zainetti Invicta, identici a quelli che usavano i ragazzi della mia generazione ai tempi del Liceo. Mi ha sempre non poco infastidito l’atteggiamento inutilmente sprezzante tenuto dal controllore ricciolino in questione, il quale mi ha detto di chiamarsi Domenico Palamara, nei confronti di questi immigrati deboli e poveri. Toni arroganti, modi spicci e caporaleschi con la comunità nera, un tantino più ragionevoli, quand’anche sempre sgraziati, con la popolazione indigena. Una tra le tante fredde mattine dell’inverno appena passato, feci notare al signore in questione una ingiustificata disparità di trattamento dallo stesso riservata ad un pendolare nero, costretto a scendere in una stazione intermedia perché a sua dire in possesso di biglietto non valido (forse perché non correttamente vidimato), rispetto a quello adoperato nei confronti di un gruppo di studentesse italiane salite a Palmi, alle quali invece il preciso controllore convalidò il titolo di viaggio con un tratto di penna, non prima però di avere recitato il solito pedagogico spartito. “Fatti i cazzi tuoi”, fu allora l’elegante giustificazione del nobile soggetto. In conclusione, sul treno oggi non sono salito perché il controllore Domenico Palamara mi ha comunicato che, salendo, sarei andato necessariamente incontro alla sanzione di euro 50 più il prezzo del biglietto, nonostante risulti evidentemente essere un abbonato abituale e non uno che vuole fare il furbo. Ma, in ogni caso, per quanto zelante, Palamara ha probabilmente in questo caso ragione. Il mio abbonamento scade infatti la sera del 31 di Maggio, e quindi, il primo di Giugno, sono tecnicamente sprovvisto di biglietto né, mi spiega l’esperto, la fretta può giustificare la possibilità di acquistare il biglietto direttamente sul treno. Quello che invece Domenico Palamara non dovrebbe fare, e per questo invito l’ad Mauro Moretti ad avviare un’indagine interna, è mancare di rispetto ai cittadini viaggianti, con particolare riguardo per la salvaguardia della dignità di cittadini extracomunitari incapaci di parlare e difendersi. Altri casi simili, con protagonisti uomini delle ferrovie, sono già stati ampiamente dibattuti anche sui media nazionali. Evidentemente non è stato ancora fatto abbastanza. Prima di tornare a casa, mi sono fermato nella sede della Polfer di Gioia Tauro per fare presente ad un attento funzionario la tante incongruenze rinvenibili nelle reiterate condotte del controllore Domenico Palamara. Il funzionario correttamente, dopo avermi confessato di avere raccolto tantissime altre testimonianze orali dello stesso tenore da parte di altri cittadini indignati per le stesse ragioni, mi ha chiesto se volessi sporgere denuncia. Ho desistito perché la cattiva educazione, da sola,  non basta ad integrare una fattispecie di reato. Non sono infine in grado di indicare nessun testimone che possa confermare lo “scambio di opinioni” verificatosi nell’inverno scorso riguardante il caso dell’immigrato fatto scendere nella stazione nuda di Catona di Reggio. Sarebbe la mia parola contro la sua. Posso però lanciare un pubblico appello a tutti i cittadini che, come me, hanno avuto modo di constatare la verità di quanto raccontato, affinché si costringano le Ferrovie a prendere provvedimenti adeguati al caso di specie in virtù di una salutare sensibilizzazione della pubblica opinione.

    Francesco Maria Toscano

     

    P.s Per segnalazioni scrivete a toscanomoralista@gmail.com.

    Categorie: Italia

    Un commento

    1. Twin Astir scrive:

      Vorrei alleviare queste tribolazioni raccontando che anche qui nel Lazio, sul treno regionale FR1 da Fara Sabina a Fiumicino, di bifolchi FS col berretto e senz’anima, che controllano i biglietti, se ne incotrano quasi tutti i giorni. Una volta mia figlia in lacrime s’è presa la multa per aver dimenticato di scrivere il proprio nome e cognome sull’abbonamento. Basterebbe che il compagno Moretti desse ordine di installare a bordo delle carrozze sia le macchinette emettitrici dei biglietti kilometrici, che le obliteratrici, come avviene nei treni e nei bus regionali di mezza Europa. Quanto al comportamento di certi bifolchi in divisa, basterebbe mettere le pulsantiere a bordo con le “faccine”, per misurare il gradimento (e l’educazione degli addetti) del servizio reso ai pendolari che molto eufemisticamente vengono chiamati “clienti”. Viva la sana concorrenza anche nelle ferrovie.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    4 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    6 Commenti

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    STRAGI IMPUNITE

    Scritto il 29 - ott - 2011

    0 Commenti

    SE CADESSE IL GOVERNO...

    Scritto il 18 - lug - 2013

    6 Comment1

    EUROPEISTI E MERCANTILISTI

    Scritto il 5 - feb - 2013

    2 Comment1

    OPPORTUNI APPROFONDIMENTI

    Scritto il 13 - gen - 2012

    0 Commenti

    QUALCUNO DICA AGLI UTILI...

    Scritto il 9 - lug - 2019

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.