Eccoci qua. Casini dice si al patto tra progressisti e moderati proposto illo tempore da Bersani.  Si fanno sentire anche dalle parti di Futuro e Liberà: siamo d’accordo, muoviamoci, dice Della Vedova. A questo punto si pongono due problemi, immediatamente: se le primarie del centrosinistra hanno ancora un senso; se Vendola e Di Pietro possono stare dentro la cosa rilanciata da Casini sul Corriere. Evidentemente, a meno che in questo clima di generale decadenza non dovremo ricrederci anche sull’ovvio, l’ipotesi di una colazione di centrosinistra imperniata sulla famosa foto di Vasto è andata definitivamente in frantumi. Tanto più che lo stesso Casini, nel motivare la sua scelta, ha dichiarato che un accordo col Pd rappresenterebbe  la naturale continuità di un rapporto politico cementatosi nel sostegno al governo Monti. Ripartire da Monti, dunque. Dalla sua visione dell’economia, dei rapporti sociali, del lavoro. In fondo bisogna apprezzare la coerenza di Casini: se con Monti a Palazzo Chigi ci troviamo d’accordo quasi su tutto, perché alle elezioni dovremmo andare divisi? Vai a dargli torto. Come ho avuto modo di scrivere recentemente, la differenza oggi non è più tra chi sta con Berlusconi e chi lo avversa, ma tra chi sostiene le politiche di Monti e chi le contrasta, tra chi accetta questa Europa del rigore fine a se stesso e chi si batte per una nuova idea di Europa, in cui il primato è assegnato ai diritti dei cittadini, dei lavoratori, al futuro dei giovani, anziché agli interessi delle banche e della speculazione. Questo Casini sembra d’averlo capito. E gli va dato merito. A fare gli indiani sono invece coloro che hanno scelto di collocarsi all’opposizione di Monti, ma, in vista delle prossime elezioni politiche, continuano a giocare con foto abruzzesi sbiadite, con primarie fantasma ed inutili, con schemi elettorali assolutamente incoerenti e avulsi dallo scenario politico che si sta profilando. Casini va dunque con Bersani in nome di Monti. La sinistra ci andrebbe invece in nome di che cosa?

    Luigi Pandolfi

    25.06.2012

    Categorie: Politica

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LA GEOPOLITICA DEL CORONAVIRUS

    Scritto il 22 - mar - 2020

    0 Commenti

    LA GENEROSITA’ IPOCRITA DEI...

    Scritto il 18 - mar - 2020

    0 Commenti

    NASCE VOX ITALIA TV

    Scritto il 26 - feb - 2020

    2 Commenti

    COME E PERCHE’ VOX...

    Scritto il 18 - feb - 2020

    0 Commenti

    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    5 Commenti

    IL PROF. MONTI CI...

    Scritto il 14 - gen - 2013

    5 Comment1

    LA STRAGE DI IMPRENDITORI...

    Scritto il 16 - ott - 2013

    0 Commenti

    BERLUSCONI E IL “VELENO”...

    Scritto il 5 - set - 2013

    19 Comment1

    FIATO ALLE TROMBE

    Scritto il 19 - dic - 2011

    1 Commento

    A MIRIAM. PREGHIERA IN...

    Scritto il 29 - mar - 2012

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.