In questi giorni il popolo del centrosinistra è in fermento. Bersani non vuole Di Pietro ma vuole Vendola, gli elettori di Vendola non vogliono l’Udc di Casini che, però, ha già strappato un accordo a Bersani. In tutto questo si inserisce l’ipotesi di una lista civica nazionale, formata da sindaci alla Pisapia, avente il precipuo scopo di lucrare qualche voto a Grillo e alla cosiddetta antipolitica (loro, non ridete, sarebbero invece “la politica”). Tutte queste alchimie di palazzo servono a trovare la giusta formula al fine di garantire i padroni di Bruxelles circa “l’affidabilità di governo” del nuovo centrosinistra. L’allocuzione “affidabilità di governo” altro non significa se non garanzia di prosecuzione di quelle politiche di estrema destra che oramai devastano tutti i Paesi europei a prescindere dal colore dei singoli governi. Alla dittatura tecnocratica oggi al potere non gliene frega niente che in Italia, o altrove, vincano sedicenti progressisti piuttosto che sedicenti conservatori. La massoneria reazionaria che affama il nostro continente pretende soltanto obbedienza e continuità. Chiunque vinca deve sapere che la rotta è obbligata. E quindi: sì al fiscal compact, no agli eurobond; si precarietà, no al welfare. Lo Stato sociale deve essere definitivamente smantellato; il lavoro non deve più essere percepito come diritto ma, al contrario, come grazia misericordiosa concessa dal padrone. Queste sono le linee guida da rispettare. Che poi tali sconcezze passino per mano di Bersani piuttosto che  di Berlusconi poco importa. Anzi, in un certo senso ai tecnocrati neonazisti converrebbe consegnare la frusta che tortura il popolo nelle mani del capo del presunto centrosinistra. Chi si arroga il  diritto di parlare nell’interesse delle classi più deboli, riesce in genere ad assestare colpi mortali ed incisivi con maggiore facilità ed efficacia. Valga per tutti l’esempio dell’art. 18: dove Berlusconi fallì, riuscirono Monti e Bersani. Non è uno schema difficile da capire e, tra l’altro, in terra di mafia è rodato da tempo. Anche alle cosche importa poco che alle amministrative vinca una coalizione piuttosto che un’altra. L’importante è che, chiunque governi, non si permetta di alterare interessi economici consolidati e sensibili. Fatta questa doverosa premessa, anche  i criminali più intelligenti preferiscono interfacciarsi con figure protette da una solida e falsa reputazione. Chi eccelle nella dissimulazione vince. Questi equilibri di potere si articolano principalmente in due direzioni: chi ricopre responsabilità pubbliche tende perciò  a garantire gli interessi dei “poteri forti” che il territorio esprime, sforzandosi però contestualmente nel  ritagliarsi un ruolo pubblico formalmente e burocraticamente ineccepibile. Un mix sapiente di questi ingredienti garantisce quasi sempre la tenuta di molti e perversi sistemi di potere, capaci di rinnovarsi continuamente per rimanere identici per sempre.

    Francesco Maria Toscano

    3/08/2012

    Categorie: Politica

    Un commento

    1. Twin Astir scrive:

      Con Vendola stanno rifondando il vecchio PCI, senza più l’imbarazzo di esibire la falce ed il martello come simbolo. Con questi intellettuali de sinistra, che sanno solo tassare all’infinito, senza conoscere vagamente la teoria della “curva di Laffer” (più tassi e meno incassi, in maniera inversamente proporzionale), ci aspettano tempi difficili e soffocanti per la nostra democrazia (vedere Renzi, un sindaco amato, come lo stanno massacrando nel partito). Mi auguro che il popolo italiano, alla fine, non sia così bue da farsi infinocchiare da Vendola & Co.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA POLITICA E’ FINITA...

    Scritto il 24 - ott - 2012

    0 Commenti

    LA NOSTRA DEMOCRAZIA MUORE....

    Scritto il 14 - ott - 2015

    29 Comment1

    REPORT E PIAZZA PULITA...

    Scritto il 14 - mag - 2013

    5 Comment1

    TRUCCHI E INTRUGLI NELLA...

    Scritto il 19 - ott - 2015

    35 Comment1

    GRANDE SUCCESSO DI PUBBLICO...

    Scritto il 24 - ago - 2014

    1 Commento

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.