Guido Bertolaso, già a capo della protezione civile italiana, ha rilasciato una interessante intervista al Fatto Quotidiano (clicca per leggere). Bertolaso, finito in bassa fortuna in seguito al deflagrare delle inchieste sulla cricca, ha reso una confessione importante: “il mio terminale non è mai stato Letta o Berlusconi, quanto Giorgio Napolitano”. Per dare forza al concetto appena espresso, Bertolaso si domanda  inoltre retoricamente come mai “Repubblica”, pur avendole, abbia deciso di non pubblicare le telefonate intercorse tra lo stesso Napolitano e Bertolaso. Ascoltandole, chiosa l’ex capo della protezione civile, l’opinione pubblica avrebbe capito molte cose. Mi fanno tenerezza gli ingenui che in tutti questi anni hanno dipinto (alcuni temerari ancora ci provano) Napolitano quale figura illuminata chiamata a difendere la Costituzione dagli assalti di Silvio Berlusconi. I giornali di regime, quelli che come Repubblica occultano le intercettazioni scomode, dipingono falsamente uno scenario che non esiste e non è mai esistito. Napolitano e Berlusconi difendono, recitando ruoli diversi, le stesse logiche, gli stessi poteri e gli stessi interessi. Napolitano probabilmente, sulla falsariga di Scajola, condivide però “a sua insaputa” gli stessi obiettivi del Caimano. Tutte le leggi ad personam proposte dai governi Berlusconi non hanno, infatti, quasi mai trovato ostacoli quirinalizi. Entrambi poi puntellano e sostengono convintamente il piano neo-oligarchico di sterminio sociale,  attualmente in atto, che trova in Monti uno dei suoi più illustri protagonisti. Per tutte queste ovvie  ed evidenti ragioni la confessione di Bertolaso non stupisce affatto. Napolitano è perfetto nel ruolo dell’indefesso difensore della Costituzione che limita saggiamente gli eccessi di un istrione con poco senso dello Stato come Silvio Berlusconi. E’ un gioco delle parti. Lo stesso giochino, solo un tantinello più raffinato, che in questi giorni mettono in atto le finte colombe Monti e Draghi al fine di “arginare il rigorismo dei falchi tedeschi”. Tutto sanno perfettamente che in realtà questi diversi personaggi perseguono in concreto lo stesso obiettivo; quello cioè di far morire per fame o stenti il maggior numero possibile di europei, imbambolando con sapienza la pubblica opinione attraverso  qualche finta ma salutare contrapposizione strumentale.

    Francesco Maria Toscano

    05/08/2012

    Categorie: Attualità

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA VERSIONE DI JEAN,...

    Scritto il 31 - dic - 2012

    7 Comment1

    FINCHE’ IL SOLE NON...

    Scritto il 16 - apr - 2011

    0 Commenti

    BABBO NATALE, AL POSTO...

    Scritto il 25 - dic - 2013

    7 Comment1

    CHI CRITICA MATTARELLA E’...

    Scritto il 8 - ago - 2018

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.