La storiella che dipinge i Paesi virtuosi del nord Europa stanchi di pagare per le cicale del sud è falsa come Giuda. Il piano di involuzione oligarchica che inquina il Vecchio continente non risparmierà nessuno. E’ sbagliato leggere la contemporaneità con le lenti deformanti dell’interesse nazionale. I governanti tedeschi, olandesi o finlandesi, per citare solo i massimi custodi del rigore, non intendono affatto difendere i loro contribuenti dall’assalto famelico di un numero imprecisato di straccioni mediterranei; hanno solo interesse a farlo credere. Anche all’interno dei Paesi più solidi infatti, quelli che vantano la famosa tripla A  per intenderci, aumentano le tensioni sociali  e crescono in maniera considerevole le diseguaglianze. Il tentativo di dividere la società europea in moderne caste, sorvola abbondantemente il concetto di Stato-nazione, saltuariamente rispolverato da politicanti senza scrupoli che se ne servono solo per fini strumentali o elettoralistici. Prendete, ad esempio, il caso olandese. L’Olanda del premier uscente Mark Rutte si è fino ad oggi distinta per il sostegno acritico e convinto verso  quelle misure di austerità, spacciate come rimedio di ogni male dalla tecnocrazia sovranazionale al potere, che generano dappertutto lutti e distruzione. Ma nonostante l’atteggiamento da saccente maestrina, l’Olanda non ha nulla da insegnare a nessuno. Il mito dei conti in ordine non si traduce mai in effettivo benessere per i cittadini, neppure per quelli  che vivono in un Paese dipinto come modello di virtù. Emile Roemer (nella foto), leader del partito socialista olandese attualmente in testa nei sondaggi, denuncia chiaramente le nefandezze dell’euroburocrazia da una visuale privilegiata (clicca per leggere). Nessuno può infatti accusare i Tulipani di essere una nazione popolata da pigri mangia-spaghetti, desiderosi di  arraffare i soldi del nord laborioso. E quindi l’analisi di Roemer risulta oltremodo indicativa nella misura in cui smaschera le mistificazioni diaboliche dei moderni nazisti che giocano a recitare il ruolo del poliziotto buono e di quello cattivo (leggi la finta polemica tra il “bravo” Mario Draghi contro i “perfidi falchi” della Bundesbank). Roemer, riprendendo il pensiero di Krugman, denuncia inoltre l’irrazionalità del fiscal compact, promettendo infine di sensibilizzare gli olandesi intorno ad una vicenda tanto importante quanto silenziata. Il fiscal compact sta alla moderna tecnocrazia come le leggi sulla razza stavano al regime fascista. In Italia tale infamia è passata anche grazie al sostegno dei progressisti in camicia nera di Pierluigi Bersani, mentre la Francia di Hollande continua inspiegabilmente a tacere.

    Francesco Maria Toscano

    17/08/2012

    Categorie: Esteri

    Un commento

    1. amico pulito scrive:

      è ovvio che sia così…
      il piano, evidentissimo, è mettere l’uno contro l’altro!
      oggi, chi tiene a ribadire pubblicamente il virtuosismo dell’italia (sparagnina, che si sacrifica e che paga per i propri errori, che si rimmetterà in carreggieta) non fa altro che tramare sottobanco a favore dei propri interessi. E dell’èlite che rappresenta.
      Ormai dovrebbe essere chiaro a tutti!

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    L’ENNESIMO CASO DI ISTERIA...

    Scritto il 10 - lug - 2019

    1 Commento

    LA COSTITUZIONE VA APPLICATA,...

    Scritto il 7 - apr - 2014

    15 Comment1

    INUTILI INCONTRI

    Scritto il 16 - gen - 2012

    1 Commento

    LA DISUMANITA’ DEL PROGETTO...

    Scritto il 15 - apr - 2012

    1 Commento

    LA GRANDE LETTERATURA COME...

    Scritto il 22 - gen - 2014

    21 Comment1

    LA CONSULTA NEL MIRINO...

    Scritto il 12 - mag - 2015

    22 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.