“…Quegli uomini irsuti che, nei giorni cruciali del caos rivoluzionario, laceri, urlanti, feroci, col casse téte alzato, con la picca alta, si gettavano sulla vecchia Parigi sconvolta; che cosa volevano? Volevano la fine dell’oppressione, la fine della tirannia, la fine della spada, il lavoro per l’uomo, l’istruzione per il fanciullo, la dolcezza sociale per la donna, la libertà, l’uguaglianza, la fratellanza, il pane per tutti, le idee libere, l’edenizzazione del mondo, il progresso; e questa cosa santa, buona e  dolce, il progresso, spinti all’estremo, fuori si sé, la reclamavano terribili, seminudi, con la mazza in pugno, il ruggito in bocca. Erano selvaggi, sì: ma selvaggi della civiltà. Proclamavano il diritto con furia; volevano, fosse anche col terrore e con lo spavento, forzare il genere umano al paradiso. Sembravano barbari ed erano salvatori. Cercavano la luce con la maschere delle tenebre. In confronto a questi uomini, feroci, ne conveniamo, ma feroci e spaventosi per il bene, ci sono altri uomini, sorridenti, azzimati, dorati, pieni di nastri e di decorazioni, in guanti gialli e scarpe di vernice, che con i gomiti poggiati su un tavolo coperto di velluto all’angolo di un camino di marmo, insistono dolcemente per il mantenimento e la conservazione del passato, del Medioevo, del diritto divino, del fanatismo, dell’ignoranza, della schiavitù, della pena di morte, della guerra, e glorificano a mezza voce e con cortesia la sciabola, il carnefice e la forca. Noi, se fossimo forzati a scegliere tra i barbari della civiltà e i civili della barbarie, sceglieremmo i barbari…” In questo mirabile passaggio de “I Miserabili”, Victor Hugo ci offre un utilissimo spaccato della Francia rivoluzionaria validissimo anche per decifrare  i giorni nostri. Non sono forse tacciati di becero populismo tutti coloro che oggi, nell’Italia schiavista di Mario Monti, chiedono dignità nel lavoro e giustizia sociale? Mentre gli altri, quelli ricchi e imbellettati alla Casini, Napolitano, Letta, lavorano ipocriti e sorridenti per il trionfo dell’umiliazione, della povertà, dell’abbrutimento, dell’assassinio legalizzato per fame e disoccupazione? Hugo non parla ai francesi di fine Settecento, parla a noi, europei debosciati e indegni del coraggio eroico di “quegli uomini irsuti, barbari della civiltà”.

    Francesco Maria Toscano

    19/08/2012

    Categorie: Cultura

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA PARTE DI LUIGI...

    Scritto il 28 - ott - 2018

    3 Comment1

    FILLON E’ INVOTABILE PERCHE’...

    Scritto il 22 - nov - 2016

    7 Comment1

    DOPO LA TRAGEDIA ARRIVA...

    Scritto il 2 - mar - 2019

    7 Comment1

    CHI PAGA LA CRISI...

    Scritto il 22 - gen - 2013

    1 Commento

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.