Vedere Violante affannarsi per recitare le ragioni di un malinteso concetto di “garantismo” non ha prezzo (per fare il verso ad una fortunata pubblicità). E’ stupefacente la capacità dell’ex magistrato torinese di recitare tutte le parti in commedia. Violante, protagonista indiscusso della stagione di Mani Pulite, è stato per anni  individuato a ragione come il “capo del partito delle procure”. Una specie di ufficiale di collegamento con il compito, neanche tanto nascosto, di condizionare l’operato della magistratura inquirente al fine di raggiungere un duplice obiettivo: da un lato, preservare i vertici del suo partito dal terremoto giudiziario che finirà con l’archiviare la prima Repubblica; dall’altro creare la condizioni più vantaggiose al fine di colpire l’ingombrante figura di Bettino Craxi, all’epoca unico rappresentante accreditato del socialismo liberale italiano. Morto Craxi, i comunisti di una vita ebbero vita facile a riciclarsi come socialdemocratici per l’occasione. Sepolti sotto le macerie del muro di Berlino, per uno strano scherzo della storia, ci finirono quelli che il comunismo vero lo avevano sempre combattuto. Violante fa parte di quella specie umana e politica che definire incline alla doppia morale è riduttivo. Anzi, probabilmente è inopportuno utilizzare proprio il concetto di “morale” affiancato a personaggi di questo stampo. Che morale può avere un uomo che legge gli eventi soltanto in funzione dell’interesse suo e della sua parte politica di riferimento? Un uomo avvezzo all’adesione aprioristica nei confronti di qualunque iniziativa giudiziaria che colpisce i suoi nemici ma, di converso, ferocemente critico nei confronti di quella parte (ancora purtroppo minoritaria) della magistratura tuttora ancorata al principio di uguaglianza di fronte alla legge? L’approfondimento dell’inchiesta Stato-mafia fa evidentemente paura a molti, non solo tra gli appestati berlusconiani, ma anche e soprattutto tra gli eroi d’accatto che sulla strumentale, falsa e ipocrita battaglia legalitaria dei primi anni novanta hanno costruito brillanti e immeritate carriere. D’altronde non ci vuole un genio per capire che per chiudere un accordo degno di questo nome non bastano mafiosi, affiliati e uomini di paglia,  ma c’è bisogno anche del consenso di chi, pur non avendo titoli, usurpa posizioni di avanguardia nella battaglia antimafia. Tutti quelli che sapevano della trattativa e hanno taciuto, ora comprensibilmente strillano di terrore. Violante, Scalfari e compagnia, rappresentano un’idea di giustizia così misera e riprovevole che, se prevalente, finirà con l’uccidere lo spirito democratico del popolo italiano. Lodi invece a Travaglio, Zagrebelsky e Cordero, uomini liberi e coerenti che difendono la dignità del loro pensiero a prescindere dalle convenienze spicce. Esempi mirabili di intellettuali che conoscono il valore della dignità, della libertà e del rispetto di se stessi.

    Francesco Maria Toscano

    22/08/2012

    Categorie: Politica

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    0 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    1 Commento

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    UNA NUOVA OFFERTA POLITICA...

    Scritto il 19 - feb - 2013

    11 Comment1

    SIAMO SICURI CHE LE...

    Scritto il 28 - mar - 2014

    20 Comment1

    LA CADUTA DEI GRILLINI,...

    Scritto il 13 - feb - 2018

    3 Comment1

    IN NOME DELL’O-DIO

    Scritto il 16 - gen - 2015

    23 Comment1

    IO SONO GRECO

    Scritto il 15 - feb - 2012

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.