Le elezioni si avvicinano e gli animi si scaldano. Il 2013 sarà un anno importante. I cittadini saranno chiamati ad esercitare il diritto di voto, per poi tornare a non contare nulla fino alle successive elezioni del 2018. L’arrivo improvviso di Monti, imposto dalla massoneria reazionaria che soffoca l’Europa, ha reso evidente la subalternità delle nostre forze politiche rispetto ad alcuni centri di potere elitari ed inaccessibili che condizionano pesantemente la vita politica interna di Paesi che, come l’Italia  e la Grecia, esprimono trasversalmente classi dirigenti molto ignoranti e corrotte. Pdl, Pd e Udc sono in prima fila nel colpire con ferocia il popolo italiano al fine di rendersi credibili agli occhi di alcuni manovratori occulti. Questi tre partiti costituiscono una specie di troika in miniatura che, pur sforzandosi di apparire strumentalmente diversi, rispondono agli stessi padroni, garantiscono le stesse lobby, perseguono la stessa aberrante idea di società e, in ultima analisi, lavorano per gettare nella miseria più nera intere categorie sociali abituate a vivere dignitosamente. Ora, chiunque di voi, osservando  le dinamiche del mondo reale, può valutare la veridicità di quanto affermato. La disoccupazione galoppa, i salari sono inadeguati, i servizi continuamente tagliati, mentre  il tessuto industriale tende a scomparire trascinando il Paese all’interno di una spirale recessiva mai conosciuta. Uno scenario bellico che, come ogni guerra che si rispetti, produce un numero rilevante di morti, in genere disperati, disoccupati e malpagati. Bersani, anziché provare pudore per i crimini contro l’umanità commessi dal suo partito, trova il tempo di polemizzare con Grillo e con i presunti “fassisti del web”. Ora, io non provo nessuna particolare simpatia per il movimento 5Stelle che non mi pare adeguatamente attrezzato per incarnare una chiara e credibile alternativa di governo. La politica economica proposta da Grillo non si capisce, ondeggiando confusamente tra il continuo e lodevole richiamo alle osservazioni del premio nobel Joseph Stiglitz, e l’anacronistica e primitiva denuncia degli “sprechi” e dell’esplosione del debito pubblico, temi cari alle peggiori destre nonché ai noti  schiavisti alfieri del neoliberismo fridmaniano. Stendo un velo pietoso infine sulla politica estera del partito di Grillo, evidentemente influenzata dal suocero iraniano elevato al rango di guru. Detto questo, nella polemica Grillo-Bersani ha ragione Grillo. Caro Bersani i fascisti del web non esistono. Mentre esistono chiaramente i fasci-tecnocrati, quelli che da Bruxelles ti dettano l’agenda trattandoti da cameriere ben pagato. Non puoi negare, caro Bersani, di governare insieme ad ex fascisti e a noti piduisti. Si tratta di un fatto storico e non di una impressione opinabile. Avrai notato, spero, come il tuo vice Enrico Letta, noto frequentatore del club paramassonico Bilderberg, fa il verso all’ “europeista” del Pdl Franco Frattini. Entrambi spingono per la prosecuzione della disastrosa parentesi Monti e forse, perfino tu, potresti intuirne le nascoste ragioni. Il problema va quindi affrontato alla radice, senza riporre alcuna ingenua speranza in personaggi subalterni ed etero diretti. La massoneria illuminata e progressista, da sempre motore della storia  nella direzione dell’affermazione dei valori di uguaglianza, libertà e fratellanza, deve riprendere per mano l’umanità e ricondurla verso il viale di una armoniosa civiltà. Solo così i tanti epigoni di Hjalmar Schacht (nella foto), da Mario Draghi a Mario Monti, potranno essere presto depotenziati dall’arrivo sulla scena pubblica di un nuovo  Roosevelt, destinato a fare giustizia, domani come ieri, delle tante sadiche atrocità commesse dai nostri attuali euro-padroni, influenzati da dottrine spirituali che giustificano l’oligarchia ed elevano la disuguaglianza fino al rango osceno di nobile obiettivo.

    Francesco Maria Toscano

    27/08/2012

    Categorie: Editoriale

    Un commento

    1. Mauro scrive:

      Grillo sa benissimo cosa bisogna fare in campo economico ma, essendo molto intelligente, non lo dice perchè la gente non lo capirebbe.
      I suoi spettacoli sul signoraggio bancario lo confermano ma a quei tempi (parliamo degli anni 90) essendo al 100% un comico, il suddetto tema poteva esprimerlo impunemente e la cosa restava li facendo solleticare solamente un leggero impulso di ragionevole dubbio allo spettatore.
      Quando alle persone, schiave di questo subdolo sistema di potere incentrato sull’ignoranza e la oppressione mediatica, si fa notare delle soluzioni completamente alternative al modo di vivere che è stato loro imposto e al quale non sanno rinunciare perchè totalmente dipendenti da esso, la risposta tende ad essere sempre la stessa: “Ma cosa stai dicendo sei proprio un utopico schizzofrenico visionario!! La gente ti mette in un cassetto dimenticandoti per sempre e deridendoti.
      Non accantonare Grillo perche inadeguato, Lui non lo è. Il tempo darà le risposte alle perplessità da Te palesate ma in questo momento il M5S è l’unica alternativa credibile perchè è il popolo bue che finalmente si organizza.
      Tutto va fatto con i giusti tempi e molta, molta moltissima pazienza!!
      ciao

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LUIGI DI MAIO E...

    Scritto il 5 - dic - 2017

    2 Commenti

    E’ PRUDENTE CONTINUARE A...

    Scritto il 4 - dic - 2017

    0 Commenti

    I PROBLEMI NON SONO...

    Scritto il 3 - dic - 2017

    0 Commenti

    IL SALTO DEL GRILLO

    Scritto il 16 - dic - 2011

    2 Comment1

    AL FIANCO DEI RESISTENTI...

    Scritto il 10 - mar - 2012

    2 Comment1

    STATO E PLUTOCRAZIA

    Scritto il 26 - feb - 2014

    4 Comment1

    I NUMERI DEGLI IMMIGRATI

    Scritto il 23 - lug - 2017

    1 Commento

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.