Le elezioni politiche si avvicinano e il rischio che aumenti a dismisura l’astensione è reale e concreto. Ma quali sono gli elementi che contribuiscono a fare salire il numero dei delusi dalla politica? In molti ritengono che la causa principale sia rinvenibile nella scarsa qualità del nostro trasversale ceto dirigente, incline all’ignoranza crassa e alla corruzione. E’ una risposta che spiega qualcosa ma non tutto. A mio avviso, l’elemento prevalente che induce il cittadino-elettore a rifiutare di esprimere una scelta politica è principalmente rappresentato dalla omogeneità dell’offerta. La filosofia del “tanto sono tutti uguali” dilaga e, generalmente, la politica politicante bolla queste posizioni con il marchio abusato del “populismo”. Dire che sono tutti uguali perché in fondo “tutti rubano”, significa realmente abbracciare una filosofia becera e populista, in genere alimentata da movimenti di matrice xenofoba e razzista. Sostenere, al contrario, che è inutile esprimere una preferenza partitica perché il concetto di sovranità popolare è stato già svuotato attraverso il trasferimento del potere reale presso consessi di natura tecnocratica e oligarchica, che nulla hanno a che vedere con la democrazia, non è populismo, è vero. Chi di voi ha espresso nel 2008 una preferenza per il Pdl piuttosto che per il Pd, pensava di scegliere fra ipotesi differenti. L’arrivo di Monti, sostenuto dai “gemelli diversi” Pdl e Pd, dimostra invece quanto la contrapposizione elettorale di allora fosse solo apparente. Non appena la massoneria reazionaria che ha costruito l’attuale infame architettura che oggi strangola l’Europa, ha deciso di commissariare l’Italia attraverso l’arrivo di un uomo fidato come Monti, tutti i partiti si sono inchinati. I servi possono litigare fra loro, ma non possono mai mettere in discussione l’autorità del padrone, pena il licenziamento in tronco. Noi osserviamo in genere distratti la servitù che si azzuffa (Bersani, Alfano, Casini e compagnia), ma ignoriamo colpevolmente le mosse dei veri padroni. Le politiche di austerità che uccidono e avvelenano le nostre vite sono appannaggio di personaggi come Draghi e Von Rompuy, mentre i politici-camerieri dei singoli Paesi dell’Unione Europea non hanno diritto di partecipare all’indirizzo politico, conservando soltanto il compito di ratificare, tacendo, scelte prese da altri (pensate ad esempio al “fiscal compact). In questi giorni, guarda caso, rispuntano sui principali giornali italiani ipotesi sulla vera natura del fenomeno  “Mani Pulite” che archiviò definitivamente alcuni personaggi della Prima Repubblica. L’ipotesi è quella di ritenere che quella operazione politica, con indosso la maschera della giustizia, fosse in realtà etero-diretta dagli americani. Non ho elementi per esprimere certezze sul punto,  mi limito soltanto a non escludere che qualcosa di simile possa essere accaduto. La grande stampa che oggi svela alcuni segreti di Pulcinella, in sostanza si autoaccusa del presunto misfatto, avendo all’epoca fiancheggiato con furore quella stagione strabica e manettara. Tutto questo per dire che i grandi cambiamenti sistemici avvengono spesso con il concorso di forze lontanissime dalla semplice dialettica interna di un Paese. Un tempo però si affrontavano diverse idee di concepire l’uomo, il mondo, il progresso. Oggi tutti, da destra a sinistra, in Italia e in Europa sembrano tristemente subalterni rispetto ai paradigmi del neoliberismo dogmatico, partorito negli anni settanta dalla scuola di Chicago.

    Francesco Maria Toscano

    1/09/2012

    Categorie: Editoriale

    Un commento

    1. alessandro scrive:

      l’alternaza fra uguali genera i grillini

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LE TURBOIDIOZIE DI ALDO...

    Scritto il 7 - apr - 2019

    5 Commenti

    FUSARO SINDACO NEL NOME...

    Scritto il 3 - apr - 2019

    2 Commenti

    QUESTA EUROPA E’ IL...

    Scritto il 21 - mar - 2019

    4 Commenti

    BERLUSCONI HA PAURA PERCHE’...

    Scritto il 2 - apr - 2013

    9 Comment1

    SULL’ORLO DI UNA CRISI...

    Scritto il 24 - mag - 2011

    0 Commenti

    BASTA CATASTROFISMI, LA RIPRESA...

    Scritto il 12 - nov - 2013

    5 Comment1

    PUTIN FA SUL SERIO,...

    Scritto il 27 - feb - 2016

    9 Comment1

    I TEDESCHI VIOLENTANO LA...

    Scritto il 19 - feb - 2015

    7 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.