Nel pezzo scritto giorni fa, riguardante la totale inutilità di leggere i roboanti “programmi” preparati dai partiti in occasione di ogni tornata elettorale, era rimasta in sospeso la questione “primarie” (del centrosinistra). Se la lettura dei diversi “programmi” risulta quasi sempre stucchevole (ricordate le quasi 300 pagine del famoso programma di Prodi?), l’enfasi da primarie è totalmente folle. Le primarie italiane, patetico scimmiottamento di quelle statunitensi, sublimano l’assurdo. Nei Paesi anglosassoni, specie in quelli caratterizzati da un impianto fortemente bipartitico, la primarie sono una cosa seria. La selezione interna tra i diversi candidati è serrata, la competizione è vera e la posta in gioco è alta. Chi vince,  alla fine di un lungo, faticoso e accidentato cammino, si guadagna sul campo la candidatura  alla Presidenza. Cioè: la competizione interna, in un Paese come gli Stati Uniti d’America, non persegue  l’obiettivo misero di “rottamare” qualcuno o di definire i rapporti di forza interni. Le primarie, che non si chiamano così a caso, servono invece ad individuare il campione da presentare alle “secondarie”, in previsione cioè dell’obiettivo di conquistare la Casa Bianca. In un Paese che abbraccia il modello presidenziale, per giunta a vocazione non bipolare ma bipartitica, tutto questo non solo ha un senso, ma rappresenta per davvero un momento di democrazia e trasparenza. Le primarie del centrosinistra italiano (o del Pd, ancora non si è capito…) invece a cosa servono? Non ad individuare il futuro candidato premier, vigendo ancora in Italia il modello parlamentare, che assegna al Presidente della Repubblica il compito di affidare l’incarico di Primo ministro; non a definire un blocco di alleanze pre-elettorali, non essendo ancora chiaro se si andrà al voto con l’attuale sistemo conosciuto come “Porcellum”, che favorisce quindi la creazione di coalizioni prima del voto, in virtù della previsione di un smisurato premio  di maggioranza, o se, al contrario,  l’improvvisa  approvazione di una legge “proporzionale pura” rinvierà il nodo delle alleanze alla  chiusura della urne. Insomma, aldilà dei legittimi protagonismi di tutti i contendenti che, da Tabacci alla Puppato, fanno finta di candidarsi al Soglio pontificio nella speranza di raccattare un posto da sotto- Cardinale (si agitano cioè pur di strappare un seggio in parlamento), a cosa serve in concreto il grande teatrino delle primarie? A niente. O meglio, serve a regolare i conti di un partito allo sbando come il Pd che, anziché risolvere la  conflittualità interna e generazionale attraverso un normale congresso di partito, confonde in continuazione gli strumenti con le finalità. L’unica conflittualità vera, sul terreno programmatico, palpabile all’interno di un partito come il Pd che pretende di rappresentare anche gli interessi del lavoratori, riguarderebbe in via principale  il giudizio da dare all’esperienza di governo insieme a Monti. Il governo Monti ha attuato una politica di estrema destra, paragonabile sul terreno economico  a quella del Tea Party americano; una politica antisociale e finalizzata a destrutturare e umiliare fascia sociali deboli da trasformare in “merce” sottopagata al servizio degli interessi oligarchici della speculazione globale. Bene. Questa autentica mattanza è possibile grazie al sostegno di Bersani. Sarebbe stato normale, di fronte a questo scenario, vedere organizzarsi una fronda interna al Pd, raccolta sotto le bandiere di un nuovo socialismo liberale, in grado di sfidare Bersani, sadico fiancheggiatore di un governo nemico del popolo. E invece, paradossalmente, a Bersani tocca respingere le insidie che provengono dalla sua destra;  da uno cioè che,come Renzi, sposa la famosa agenda propugnata da quel Monti che governa grazie  a Bersani. La linea politica tra i due contendenti è perciò simile e speculare (Bersani appoggia Monti in concreto e si permette piccoli distinguo in astratto. Renzi approva Monti in astratto sperando di farlo in futuro in concreto), e la competizione si gioca interamente  su un piano improprio: quello generazionale. Per carità, il ricambio delle classi dirigenti è un tema serio, ma proprio perché serio non merita di essere strumentalmente spacciato per sfida tra diverse progettualità (che non ci sono). E poi, forse, varrebbe la pena tenere sempre  a mente la massima di Fanfani che, saggiamente, sentenziava: “Se uno è bischero a settant’anni,  lo era pure a venti”.

    Francesco Maria Toscano

    18/09/2012

    Categorie: Politica

    Un commento

    1. Ugo scrive:

      Francesco: «[...] una politica [...] antisociale e finalizzata a destrutturare e umiliare fascia sociali deboli da trasformare in “merce” [...]»

      Non avrei saputo dirlo meglio. Mercato (quello con la maiuscola, che ha natura di pseudo-divinità) e sacrifici umani. Qualcuno ricorda quando, non molti decenni fa, si parlava di “morte delle ideologie”? Sì, per trasformarle in nuove religioni, con tutto il disgustoso corollario di dogmi irrazionali che delle religioni sono tipici. Passando, ovviamente, per l’implementazione di gerarchie sacerdotali con potere assoluto garantito dalla divinità di turno. E il gregge dei fedeli idioti a belare sottomesso le risposte preconfezionate previste dalla liturgia.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    4 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    6 Commenti

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL BRUSCO MA SALUTARE...

    Scritto il 20 - mag - 2013

    0 Commenti

    LA ZAMPINO DELLO ZIO...

    Scritto il 17 - mag - 2013

    8 Comment1

    LA SUPERCAZZOLA DI MICHELE...

    Scritto il 3 - gen - 2014

    4 Comment1

    IL PROFETA MARIO DRAGHI...

    Scritto il 29 - gen - 2019

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.