“La semplificazione del processo produttivo rese possibile, soprattutto nell’industria tessile, il largo impiego di donne e bambini che furono sottoposti a livelli disumani di sfruttamento. La condizione operaia era caratterizzata dalla estrema precarietà del posto di lavoro (…). Gli operai erano costretti ad abitare in situazioni igieniche di sovraffollamento, in case fatiscenti e in pessime condizioni igieniche, potendo contare su una alimentazione povera in qualità e quantità. La formazione dei grandi agglomerati di popolazione urbana e le nuove modalità di aggregazione sociale (…), diffusero la consapevolezza di un destino comune. Si diffuse il luddismo, una delle prime manifestazioni di opposizione sociale. Questo movimento, organizzato in segrete e disciplinate bande di guerriglia, prese il nome dal leggendario tessitore Ned Ludd (…). In questa elementare protesta trovavano espressione soprattutto il rifiuto del nuovo ordinamento della produzione e delle condizioni di vita che  a questo si accompagnavano, ma anche la reazione della politica governativa (…), improntata alla repressione di ogni fermento e di ogni spinta associativa dei ceti subalterni. La durissima legislazione penale (…) contro qualsiasi forma di organizzazione, di sciopero e di rivendicazioni salariali venne ulteriormente inasprita (…) con l’introduzione della pena di morte (…). Sabbatucci e Vidotti nel loro “Storia Contemporanea, l’Ottocento” (Laterza editore), fotografano la condizione disperata delle classi più deboli all’indomani della rivoluzione industriale inglese. La fame, la miseria, la disoccupazione e la violenta repressione, rappresentano i malevoli protagonisti di questa triste pagina storica. Provate ora, con un volo pindarico, a trasportare queste atmosfere ai giorni nostri. Il destino delle nostre giovani generazioni, disorientate da una globalizzazione strabica e mal gestita, è simile a quello dei salariati ai tempi della rivoluzione industriale. Le forze governative reazionarie, ieri Lord North oggi Mario Monti, usano il pugno di ferro per vincere l’eroica resistenza di uomini già piegati dalla miseria e dall’abbandono. Un malinteso concetto di “competitività” viene endemicamente declinato nell’accezione criminale che impone come ineluttabili alcuni provvedimenti destinati a comprimere salari e diritti dei più deboli. Possibile che la storia non insegni nulla? Possibile che qualcuno, magari in buona fede, possa per davvero ancora credere che l’opera di neoschiavizzazione attualmente in atto su scala continentale rappresenti per davvero soltanto  il frutto di una non meglio specificata crisi economica? Nessuno di voi, commentatori illuminati, riconosce nelle scelte  politiche di oggi  lo stesso sadico indirizzo che guidava la mano dei governanti di ieri? Ned Ludd, eroe proletario inglese, fu giustiziato nel 1779 per avere distrutto un telaio. E’ morto da uomo, versando il sangue per una causa nobile che lo ha reso immortale. Ma se ieri Ludd affrontò la morte per difendere le ragioni dei suoi simili, oggi alcuni indegni rappresentati dei diritti dei lavoratori lavorano subdolamente nell’interesse dei negrieri. La disoccupazione è alle stelle ( clicca per leggere), i suicidi aumentano ma la Camusso, ad esempio,  capo del principale sindacato italiano, fiancheggia un partito come il Pd che sostiene le politiche affamatrici di Mario Monti. Chiedere che la Cgil della Camusso difenda il lavoro contro lo sfruttamento e i soprusi è troppo. Sarebbe già importante che la smettesse di recitare in pratica l’indegno ruolo del caporale che bastona i lavoratori per ingraziarsi il padrone.

    Francesco Maria Toscano

    31/10/2012

    Categorie: Lavoro

    3 Commenti

    1. Ugo scrive:

      Scommettiamo che tra qualche tempo vedremo anche lei tra le file della politica “ufficiale”? Così come accadde per Bertinotti, Marini, Cofferati… vai avanti tu.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LA QUARTA TEORIA POLITICA....

    Scritto il 23 - giu - 2019

    1 Commento

    LE FORZE DELLA TERRA...

    Scritto il 22 - giu - 2019

    0 Commenti

    SENZA ANCORARSI AD UNA...

    Scritto il 21 - giu - 2019

    0 Commenti

    BRUXELLES DELENDA EST

    Scritto il 20 - giu - 2019

    1 Commento

    IL PRIMO CONGRESSO DEL...

    Scritto il 18 - giu - 2019

    0 Commenti

    IL BARRITO DI BARROSO...

    Scritto il 20 - mar - 2014

    7 Comment1

    DI MARCO TRAVAGLIO CONDIVIDO...

    Scritto il 11 - ott - 2016

    5 Comment1

    I NOSTRI SACRIFICI PER...

    Scritto il 17 - lug - 2012

    8 Comment1

    CHI NON DIFENDE LA...

    Scritto il 2 - gen - 2015

    17 Comment1

    RIPARTIAMO DALLA MONEY MODERN...

    Scritto il 24 - feb - 2012

    3 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.