Molto gradita eventuale traduzione per il pubblico italiano. Bulbillus?

    John Williamson, a Peterson Institute “senior fellow” coined the term “the Washington Consensus” at a conference in 1989.

    http://www.iie.com/publications/papers/paper.cfm?researchid=486

    Williamson joined the Institute in 1981 when it was founded.  Pete Peterson is the Republican billionaire from Wall Street who has dedicated his life to proselytizing for lower taxes on the wealthy, stringent spending cuts in social programs, and privatizing Social Security – the unholy grail of Wall Street that would provide our largest banks with hundreds of billions of dollars in additional investment fees.  Peterson has funded many groups to evangelize for these neo-liberal dogmas.

    I explore the extent to which Williamson’s statement of the “ten” “principles” of what he chose to label “the Washington consensus” parallels Pete Peterson’s policies.  Williamson, and the Reagan administration and the IMF did not see these principles as being of equal importance.  Williamson’s paper makes clear that the focus of the Washington Consensus was on Latin America.

    Here is Williamson’s introductory paragraph, in full.

    “No statement about how to deal with the debt crisis in Latin America would be complete without a call for the debtors to fulfill their part of the proposed bargain by “setting their houses in order,” “undertaking policy reforms,” or “submitting to strong conditionality.” The question posed in this paper is what such phrases mean, and especially what they are generally interpreted as meaning in Washington. Thus the paper aims to set out what would be regarded in Washington as constituting a desirable set of economic policy reforms. An important purpose in doing this is to establish a baseline against which to measure the extent to which various countries have implemented the reforms being urged on them.”

    The paragraph is critical to understanding the context of the creation of the Washington Consensus.  It was all about the Latin American “debt crisis.”  It was all about a quid pro quo.  The Washington Consensus was a consensus of creditors about how to deal with their debtors.  Latin American debtor nations would be allowed to delay the repayment of their debts, but only if they “submit[ed]” to “strong conditionality” dictated by the Washington creditors.  The creditors – the U.S. Treasury, the Federal Reserve, the IMF, and the largest U.S. banks – needed to develop a coordinated position on what to demand as their quid pro quo from the Latin American debtors.   The number one thing on their list from the beginning was austerity (“setting their houses in order”).

    The Washington Creditors were not willing to accept mere promises from the Latin America debtors.  Williamson emphasized that a key purpose of creating an explicit Washington Consensus was to be able to use it as a scorecard to ensure that the Latin American debtor Nations were “submitting” fully to the Consensus’ requirements imposed by the Washington Creditors (“strong conditionality”).  “An important purpose in doing this is to establish a baseline against which to measure the extent to which various countries have implemented the reforms being urged on them.”

    Williamson then (implicitly) acknowledged that the Washington Creditors’ ten principles bore three equivalents to an Achilles’ heel.  First, he agreed that corruption could pervert the plan so that it would cause great harm.  He admitted that the Washington Creditors had “at least some awareness” of this danger – a classic example of damning with faint praise.  Williamson acknowledged that the Creditors who shared the Consensus believed that corruption in Latin America was “pervasive.”  Williamson was implicitly admitting that the Creditors had committed the classic economics error (and the defining joke of the economics profession) by “assuming the can opener.”  The Creditors implicitly assumed that privatization, deregulation, and the protection of private property (Consensus principles 8-10) would not be perverted by “pervasive” corruption (and I would add, private “control fraud”).

    Second, Williamson acknowledged that there were many matters that Latin Americans considered to be vital to their well-being that the Washington Creditors deliberately ignored – even though Latin Americans correctly viewed them to be essential if the Patricians’ ten principles were not to cause harm.

    “For better or worse, however, these broader objectives play little role in determining Washington’s attitude toward the economic policies it urges on Latin America. Limited sums of money may be offered to countries in return for specific acts to combat drugs, to save tropical forests, or (at least prior to the Reagan administration) to promote birth control, and sanctions may occasionally be imposed in support of democracy or human rights, but there is little perception that the policies discussed below have important implications for any of those objectives.”

    Third, Williamson grudgingly acknowledged that the Washington Creditors who created the faux Consensus had disabling conflicts of interest because they were creditors of Latin American governments and were strongly motivated by their desire to impose policies that would maximize the repayment of their debts.

    “Political Washington is also, of course, concerned about the strategic and commercial interests of the United States, but the general belief is that these are best furthered by prosperity in the Latin countries. The most obvious possible exception to this perceived harmony of interests concerns the US national interest in continued receipt of debt service from Latin America. Some (but not all) believe this consideration to have been important in motivating Washington’s support for policies of austerity in Latin America during the 1980s.”

    I want to know which Washington Creditors told Williamson that debtors and creditors have a “harmony of interests.”  They have a wonderfully droll sense of humor.  The powerful love to take the position that “what’s good for GM is good for America, so it is no surprise that the Washington Creditors were sure that the positions they forcing Latin American Nations to “submit” to “best furthered … prosperity in the Latin countries.”  We have centuries of history proving that Washington Creditors are the people who know best the needs of Latin Americans and are passionately committed to serving the poor.  Austerity is frequently the enemy of “prosperity.”

    Williamson then set out his ten principles.  His first was austerity and he called it the “central” policy that the Washington Creditors had long insisted that Latin American Nations “submit” to through “high-conditionality programs.”  That phrase is code for harsh austerity likely to throw the Nation into receivership and emasculate the Nation’s sovereignty by agreeing to “submit” to its creditors’ demands.

    Fiscal Deficits

    “Washington believes in fiscal discipline. The International Monetary Fund (IMF) has long made the restoration of fiscal discipline a central element of the high-conditionality programs it negotiates with its members that wish to borrow.  Left-wing believers in “Keynesian” stimulation via large budget deficits are almost an extinct species.”

    Williamson is an ultra-hawk on austerity.  Even running a budget surplus may not suffice for Williamson:

    “Unless the excess is being used to finance productive infrastructure investment, an operational budget deficit in excess of around 1 to 2 percent of GNP1 is prima facie evidence of policy failure. Moreover, a smaller deficit, or even a surplus, is not necessarily evidence of fiscal discipline: its adequacy needs to be examined in the light of the strength of demand and the availability of private savings.”

    Williamson did not distinguish between Nations with sovereign currencies that they allow to freely float and who borrow in their own currency and Nations without fully sovereign currencies.  He and the Washington Creditors shared this lack of understanding of sovereign currencies, which led them to demand that Latin American Nations “submit” to austerity when that policy would be economics malpractice analogous to the medical malpractice of bleeding patients.

    The Washington Creditors’ succeeded in getting most of Latin America to “submit” to austerity, deregulation, and privatization.  The resultant scandals enraged tens of millions of Latin Americans and led to the election of many national leaders running on the promise to refuse to “submit” to the Washington Consensus.

    Neo-liberal economists and politicians, however, are prisoners of their pro-austerity dogmas.  They repeatedly force nations back into recession or even depression.  It does not matter how many times austerity makes the crisis worsen; the austerians are a one-trick pony.  I believe that within five years we will see a series of political leaders elected in Europe on anti-austerity planks.  The Washington Creditors’ Consensus is a leading cause of financial crises and human misery because of it self-destructive austerity and anti-regulatory principles.  Austerity is the leading cause of the election of national leaders who promise that if elected they will stop “submitting” to creditors’ demands that they inflict austerity on their people.

    William K. Black

     

    Categorie: Esteri

    3 Commenti

    1. Balbillus scrive:

      Ok, sabato pomeriggio è pronto.

    2. ugo scrive:

      Con un vergognoso “fuori tema” mi permetto di chiedere al Moralista se è in grado di procurare un’informazione che ritengo essenziale e che fatico a trovare espressa in forma chiara: qual è la posizione UFFICIALE, UNIVOCA, DIRETTA e IMMEDIATAMENTE COMPRENSIBILE del Movimento Cinque Stelle in riferimento all’istituzione dello “ius soli” in Italia? Mi raccomando: ufficiale, univoca, diretta e immediatamente comprensibile. Possibilmente con indicazione delle fonti.

      So che è una richiesta che può sembrare stupida e perfino odiosa (“Ma perché non te le cerchi da solo queste informazioni?”), ma non sempre le cose sono così facili come sembrano, e chiedere aiuto non dovrebbe essere una vergogna.

      Ovviamente sarei grato anche a chiunque altro volesse fornirmi lumi.

    3. Balbillus scrive:

      John Williamson, “Senior fellow” del Peterson Institute coniò il termine 2Washington Consensus” in una conferenza del 1989

      http://www.iie.com/publications/papers/paper.cfm?researchid=486

      Williamson entrò nell’ìistituto nel 1981 quando fu fondato.
      Pete Peterson è il miliardario repubblicano di Wall Street che ha dedicato la sua vita per la causa delle tasse ridotte per i ricchi, forti tagli sulla spesa sociale e privatizzazione della precidenza sociale – il Dissacrato Graal di Wall Street che fornirebbe alle nostre maggiori banche investimenti addizionali per centinaia di miliardi di dollari. Peterson ha fondato vari gruppi che predicano questi dogmi neo liberisti.

      Ora analizzerò fino a che punto i dicei punti del Washington Consensus citato da Williamson coincide con le politiche di Peterson. Williamson, la amministrazione Reagan e il FMI non credono che questi principi abbiano tutti uguakle importanza. Gli scritti di Peterson affermano che il nocciolo del Washington Consensus era in America Latina.

      Questo è il paragrafo introduttivo di Williamson.

      “Nessuna risposta su come gestire la crisi di debito dell’America Latina sarebbe completa senza un richiamo ai debitori a “rimettere la loro casa in ordine”, “fare delle riforme di politica economica”, “sottoporsi a forti controlli”. La domanda che si pone questo articolo è cosa significano queste frasi e come sono interpretate a washington.
      Quindi questo articolo cerca di inquadrare quali sarebbero le riforme desiderate da Washington. Un primo punto consiste nello stabilire un punto di riferimento in relazione al quale si sono valutate le riforme che hanno dovuto adottare altri paesi ai quali erano state richieste.”

      Il paragrafo dimostra che il punto centrale del Washington Consensus era la crisi debitoria latino americana. Era un “quid pro quo” (ossia un problema di reciproco scambio). Il Washingotn Consensus era il consenso dei creditori su come gestire la crisi di debito sudamericana. I sudamericani avrebbero potuto dilazionare il loro debito se si fossero sottomessi a delle forti condizioni imposte dai creditori. I creditori,Tesoro Americano, Federal Reserve, FMI, grandi banche USA, dovevano coordinarsi in una posizione comune per stabilire questo “quid pro quo” con i debitori latini. La prima cosa era l’austerità ossia mettere la casa in ordine.

      E non gli bastavano solo le promesse. Il Washington Consensus prevedeva un rigido sistema di valutazione per verificare che si stessero ottemprìerando tutte le condizioni dei creditori.

      Williamson implicitamente ammette che i dieci principi del WC avevano tre talloni di Achille. Primo ammetteva che la corruzione avrebbe potuto gravemente danneggiare il piano. Ammetteva che i creditori del WC avevano almeno qualche sentore della cosa, frase ambigua che dice e non dice; Williamson dice che i creditori sapevano in partenza che la corruzione sudamericana è pervasiva. Williamson insomma afferma che i creditori hanno fatto il classico errore degli economisti che pensano in modo troppo teorico ossia hanno proposto delle riforme non tenendo conto che la corruzione pervasiva le avrebbe rese del tutto inefficaci
      e irrealizzabili.

      Secondo W ammette che il WC non tiene minimamente conto delle esigenze che i latino americani avevano indicato come fondamentali per loro.

      “Giusto o sbagliato che fosse W riteneva che gli obiettivi che stavano a cuore ai latino americani contassero molto poco. Si elargivano solo piccole somme di denaro in cambio della lotta alla droga, conservazione della foresta pluviale, controllo delle nascite (almeno prima di Reagan), qualche piccola sanzione per il non rispetto della democrazia e dei diritti umani.”

      Terzo Williamson ammette a detti stretti che esisteva un conflitto di interessi perché le politiche imposte dal WC erano principalemte volte a ripagare i creditori anche a discapito dei paesi che avrebbero adottato le politiche suggerite dagli USA.

      “I politici a Washington partivano dal presupposto che esistesse una comunità di intenti fra latini e USA. Ma secondo alcuni sono state più le esigenze di avere il credito ripagato che le buone intenzioni comuni quelle che hanno dettato le politiche di austerità per i paesi sudamericani negli anni ’80″

      Voglio che W mi dica dove ha letto che il WC prevedeva armonia di intenti fra debitori e creditori. Che splendido senso dell’umorismo. Lo stesso amore apssionato che faceva dire che quello che è buono per la General Motors è buono per l’America fa pensare ai creditori del WC che stanno forzando e obbligando l’America Latina proprio per il suo bene.
      Secoli di storia provano che i nord americani conoscono meglio dei sudamericani quello che serve ai popoli del sud e che pensano sempre al bene dei poveri (ironico). Ma l’austerità è nemica della prosperità.

      Quanto ai dieci principi il primo sarebbe l’austerità; W la chiama la politica centrale per i creditori del WC ma ion realtà serve solo a gettare le nazioni in uno stato di dpiendenza castrando la sovranità nazionale.

      Deficit Fiscali

      “Washington crede nella disciplina fiscale. Il FMI ha stabilkito che questo sia il principio fondamentale dei programmi “condizionati” da imporre ai paesi che vogliono accedere al mercato del credito. Quelli di sinistra che credono nelle politiche keynesiane sono una specie quasi estinta”

      W è un super falco dell’austerità. Neanche un avanzo primario gli basta:

      “A meno che il surplus non sia usato per finanziare la costruzione di infrastrutture anche un avanzo primario di 1 o 2 punti di PIL è a prima vista un fallimento di politica economica. E non è nemmeno una prova di disciplina fiscale:bisogna esaminarlo alla luce dell’aumento di domanda e dei risparmi dei privati”

      W non distingue fra nazioni con valuta sovrana libera di fluttuare che chiedono prestiti nella loro moneta e paesi che non hanno una loro moneta. Lui e i creditori USA dimostrano di non aver capito il problema della moneta e si comportano come il medico che insiste a praticare un salasso al paziente.

      Il WC è riuscito a imporre l’austerità. la deregulation e le privatizzazioni alla maggioranza dei paesi sudamericani. Gli scandali che ne hanno derivato hanno portato milioni di sudamericani a eleggere governi contrari al Washington Consensus.

      Ma i neo liberisti, economisti e politici, sono prigionieri dei loro dogmi. Fanno continuamente ricadere le loro nazioni in recessione e depressione. Non importa quante prove abbiano, insistono sempre sulla stessa strategia fallimentare. Sono convinto che fra 5 anni ci sarà unìondata di politici anti austerità eletti in Europa. Il WC è la causa principale delle crisi finanziarie, della miseria delle persone a causa dei suoi principi auto distruttivi e basati sulla deregulation.
      L’Austerity è la causa principale dei risultati elettorali che portano al potere dei governi che si rifiutano di sottomettersi a dei creditori che vogliono imporre l’austerità al loro popolo.

      William K. Black

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    0 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    1 Commento

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL BARRITO DI BARROSO...

    Scritto il 20 - mar - 2014

    7 Comment1

    ROBESPIERRE DA OPERETTA

    Scritto il 9 - gen - 2012

    0 Commenti

    L’UOMO SAGGIO E GIUSTO...

    Scritto il 23 - dic - 2013

    2 Comment1

    UNA DIVERSA LOTTA DI...

    Scritto il 22 - giu - 2012

    2 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.