La Banca d’Italia certifica ancora una volta i disastri causati dalle politiche di austerità tanto care a Monti e Merkel (clicca per leggere). La disoccupazione galoppa , i consumi calano vertiginosamente ma in compenso si è abbassato lo spread. Non siete contenti? Il prossimo mese mangerete un kilo di spread, oppure potrete saziarvi con po’ di prestigio e autorevolezza alla griglia direttamente cucinati dallo chef  Monti.  La crescita, statene certi, in futuro arriverà. Quando la tecnocrazia europea avrà completamente desertificato la struttura produttiva italiana, nell’impossibilità oggettiva di generare nuova miseria e disperazione, l’economia del Belpaese non potrà fare altro che ripartire. E quel giorno tutti loderanno la grande lungimiranza dei vari Draghi e Monti che, con responsabilità, avranno attuato le giuste politiche per raggiungere l’agognata crescita. E come se qualcuno prima tagliasse tutte le piante del vostro giardino in nome del rigore e poi, una volta rimasto solo il terriccio, vi consentisse di ripiantare un solo alberello. La crescita finalmente! Ma la cosa simpatica è che, di fronte alla situazione paradossale di una economia europea ridotta al collasso, tutti i media italiani decantano comunque  le lodi delle attuali classi dirigenti. Draghi? Un genio. Monti? Prestigioso. Hollande? Meraviglioso. Van Rompuy? Spiritoso, e così via. Per giustificare, poi, le scelte discutibili della famigerata Merkel, alla quale, vita ingrata, tocca il compito di recitare la parte della cattivona che dice solo nein!, le migliori teste d’uovo italiche utilizzano  una  brillante e ricorrente spiegazione. “La Merkel non è nazista”, spiegano i moderni soloni, “ma persegue in maniera cocciuta politiche di austerità e risanamento perché il popolo germanico è ancora scottato dall’iperinflazione subita ai tempi della Repubblica di Weimar”. Mamma che risate! Neanche Berlusconi racconta barzellette così spiritose! Quindi, amici miei, non è che la Merkel intende favorire una spirale recessiva per incapacità, dolo o miopia. No. Lo fa perché ha paura che, permettendo alla Bce di stampare moneta, possano ripresentarsi i fantasmi di inizio Novecento. Una tesi brillante, non c’è che dire. E’ come se qualcuno sostenesse che la calante partecipazione dei cittadini italiani rispetto alle manifestazioni di piazza fosse da addebitare al ricordo delle baionette con le quali il macellaio Bava Beccaris soffocò nel sangue le proteste popolari nel 1898. Può darsi, per carità, anche se mi pare un accostamento altamente improbabile.  Che poi, se volessimo essere pignoli come i tedeschi, dovremmo ricordare che l’inflazione che la Germania di Weimer conobbe all’inizio degli anni ’20 del secolo scorso non c’entra un fico secco con le normali scelte macroeconomiche del tempo. L’inflazione tedesca, all’indomani della prima guerra mondiale, era il risultato delle spaventose spese per le “riparazioni” imposte ai teutonici dalle potenze vincitrici. La concomitante occupazione della zona industriale della Rurh, avvenuta nel 1923 ad opera di francesi e belgi, aveva poi provocato il completo tracollo finanziario del marco (vedi “Il Novecento”, Sabbatucci-Vidotti  pag. 64, 65). Furono invece le successive e scellerate politiche di austerità  promosse da cancelliere tedesco Bruning ad aprire la strada al nazismo. Alle elezioni del 1930, infatti, Hitler, sfruttando il crescente malessere sociale, riuscì ad incrementare i voti per il suo partito in maniera esponenziale: dal 2,5% al 18,3%. In quegli anni i disoccupati tedeschi raggiunsero la cifra record di sei milioni ( e non perché i tedeschi di allora fossero sfaticati) proprio a causa di quelle stesse politiche di rigore che oggi, nel 2013,  massacrano i cittadini europei. Tutti sanno che l’applicazione barbarica di questo tipo di politiche economiche favorisce inerzialmente l’affermazione di movimenti politici violenti di ispirazione nazista. E’ perciò plausibile ritenere che tali politiche economiche nascondano in realtà il tentativo, dissimulato di aprire la strada a nuovi e più moderni nazismi (pensate ad esempio al fenomeno greco di Alba Dorata). Anche allora, come oggi, la supremazia di alcuni mondi finanziari anglosassoni favorì l’ascesa prima di Mussolini (in un primo tempo aiutato dalla massoneria inglese) e poi di Hitler. Attenzione però ad allevare le tigri credendosi domatori insuperabili. La storia è piena di Frankenstein che si rivoltano contro il loro creatore. A Bersani, in conclusione, oramai chiaramente schiacciato sulle pericolose posizioni di Monti e Merkel, voglio ricordare la frase con la quale Churchill stroncò il miserevole tentativo del premier inglese Chamberlain di ammansire la furia di Hitler attraverso gli accordi di Monaco del 1938: “Potevano scegliere fra il disonore e la guerra. Hanno scelto il disonore e avranno la guerra”. Pensaci Pierluigi.

    Francesco Maria Toscano

    18/01/2013

    Categorie: Politica

    6 Commenti

    1. Balbillus scrive:

      Ottimo.

    2. [...] riprendere gli stessi identici argomenti usati da “Il Moralista” per analizzare la modernità (clicca per leggere), è importante sottolineare come la parte più riflessiva della intellighenzia globale cominci [...]

    3. [...] bocca dei vari Draghi, Monti e Olli Rehn), precede giocoforza l’imminente collasso democratico (clicca per leggere). I massoni contro-inizati che nell’ombra guidano tale processo storico sanno perfettamente quello [...]

    4. […] bocca dei vari Draghi, Monti e Olli Rehn), precede giocoforza l’imminente collasso democratico (clicca per leggere). I massoni contro-inizati che nell’ombra guidano tale processo storico sanno perfettamente quello […]

    5. […] di ritorno. Eppure ti comunico che noi de Il Moralista ce ne eravamo accorti da un pezzo (clicca per leggere). I reazionari al potere continuino serenamente a divertirsi alle spalle di un popolino sempre più […]

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    IL CASO DUGIN. COME...

    Scritto il 12 - giu - 2019

    0 Commenti

    LO STRANO CASO DI...

    Scritto il 10 - giu - 2019

    0 Commenti

    MARIO DRAGHI E’ IL...

    Scritto il 7 - giu - 2019

    2 Commenti

    UNA ANALISI SERENA, RAZIONALE...

    Scritto il 1 - giu - 2019

    0 Commenti

    CASO FUSARO/GIOIA TAURO. LE...

    Scritto il 28 - mag - 2019

    11 Commenti

    VERITA’ OSTEGGIATE

    Scritto il 17 - mar - 2012

    1 Commento

    IL BARRITO DI BARROSO...

    Scritto il 20 - mar - 2014

    7 Comment1

    TONY BLAIR DEVE ESSERE...

    Scritto il 5 - lug - 2016

    17 Comment1

    BERTOLASO, NAPOLITANO E IL...

    Scritto il 5 - ago - 2012

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.