Oltre  alle forze politiche tradizionali, le urne hanno accertato la fine dell’informazione main-stream. La Repubblica, il Corriere della Sera e La Stampa, per citare solo i quotidiani principali, di proprietà di alcuni noti potentati finanziari e industriali, hanno improvvisamente scoperto di essere defunti. Erano trapassati da un pezzo, per la verità, ma nessun medico legale aveva ancora notificato loro il certificato di morte. Con il voto gli italiani hanno chiaramente fatto capire di non riporre più alcuna fiducia nei canali informativi tradizionali, cartacei e televisivi, correttamente percepiti come centri di potere avvezzi alla mistificazione più abbietta,  orge di interessi trasversali e opachi specializzati nel tutelare privilegi oligarchici da far pagare sempre al popolo minuto, ritenuto ingenuo nonché inebetito da una poltiglia di scribacchini venduti, ipocriti, mediocri e meschini. Ma, cari i miei Padellaro, Polito, Giannini, Mauro, Scalfari, Napoletano e De Bortoli, la vostra pacchia è finalmente finita. Siete nudi e fate schifo a tutti. Avete passato un anno intero a provare a persuadere gli italiani a votare Monti, istigando impunemente al suicidio un popolo intero, e siete stati sconfitti e spernacchiati. Ora, invece di nascondervi, chiedere scusa e chiudervi in convento per meditare sulle vostre sconcezze, continuate a riproporre il vostro vecchio modello di informazione paludata, politicista, polverosa e già in avanzato stato di decomposizione. Come al solito, il primato di giornale peggiore e più servile spetta di diritto al Corriere della Sera, i cui lecchini travestiti da giornalisti verranno presto sfrattati dalla storica sede di via Solferino per finire deportati in qualche polveroso sottoscala che più si addice al loro vero status di maggiordomi ben pagati. Ieri Maria Teresi Meli, oggi il cazzuto Cazzullo, pubblicano interviste surreali, rispettivamente a D’Alema  e Veltroni, nella speranza di cogliere nelle parole dei due famosi statisti, usciti per l’occasione dalle catacombe da dove avevano seguito la campagna elettorale, alcuni spunti per decifrare un quadro politico “divenuto nebuloso”. Non avete più il senso del ridicolo né conservate quello del pudore. Ma lo volete capire che è finita, che i barbari sono alle porte di Roma mentre voi, ciechi e ottusi commentatori da strapazzo, continuate a trastullarvi con i vostri stanchi e triti riti che fanno venire  a tutti l’orticaria, alimentando con la  vostra presenza un clima incandescente di ira e indignazione? Veltroni, come era prevedibile, propone un governo demagogico che, sulla scia delle cose che vi avevo anticipato ieri (clicca per leggere), truffi gli italiani con qualche provvedimento spot continuando però a perseguire le famigerate politiche di austerità, vere responsabili dell’attuale olocausto italiano ed europeo. Veltroni ha l’impudenza di evocare il “New Deal” senza citare mai Keynes,  senza mettere in discussione la politica del rigore e, non contento, proponendo perfino di prorogare il mandato di Napolitano che, fino a ieri, elemosinava la comprensione della Germania garantendo la fedeltà dell’Italia circa il “rispetto dei patti” ( a partire dal Fiscal Compact che ci ammazzerà tutti).  Vergognati Veltroni, affabulatore cialtrone e cerchiobottista, inventore del “ma-anchismo”, filosofia paraculeggiante che non incanta più nessuno. Se vuoi veramente fare qualcosa di buono per il tuo Paese, compra oggi stesso un biglietto di sola andata per l’Africa, allevierai le sofferenza degli italiani con la tua partenza, provocando contestualmente, però, comprensibili inquietudini tra le popolazioni del Continente nero. In conclusione una notizia esemplificativa che viene dagli Stati Uniti. Obama ha firmato il decreto che prevede tagli alla spesa pubblica per 85 miliardi di euro. I repubblicani, numericamente in grado di condizionare il congresso americano, non hanno voluto trovare una soluzione condivisa capace di impedire i “tagli automatici” (clicca per leggere).  Obama denuncia il rischio, insito nelle politiche dei tagli selvaggi, di provocare un aumento della disoccupazione e un crollo dei consumi, devastando così sul nascere gli ancora timidi segnali di ripresa economica. Bravo Obama, tutto giusto; ancora non ci ha spiegato però perché tale ragionamento, buono per i suoi concittadini, non valga per gli europei, ampiamente vessati da quelle stesse politiche che lei, in patria, non ha esitato a definire sbagliate e foriere di gravi danni all’economia. Fino a ieri la sua amministrazione “liberal” non faceva che lodare il becchino Monti, al cui confronto i deputati repubblicani più ottusi sembrano dei progressisti illuminati. Caro Presidente Obama, un dubbio ci assale: non sarà rimasto giusto lei, nell’emisfero nord del globo terrestre, a credere agli editoriali di Eugenio Scalfari?

    Francesco Maria Toscano

    02/03/2013

    Categorie: Editoriale

    2 Commenti

    1. bianca scrive:

      Una domanda continua a martellarmi in testa: ma questa gente dove vuole arrivare e cosa vuole ottenere?
      Quando tutto il pianeta sarà ridotto ad un ammasso di straccioni governeranno su una montagna di rifiuti?
      Bella soddisfazione!!!
      O forse c’è ben altro che non conosciamo, o che stiamo cominciando ad intuire e vogliono fermare la conoscenza?

    2. [...] industriali, hanno improvvisamente scoperto di essere defunti. Erano trapassati da un pezzo, per la …read more Source: il [...]

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    CHE FARE?

    Scritto il 16 - mar - 2012

    3 Comment1

    OPPORTUNI APPROFONDIMENTI

    Scritto il 13 - gen - 2012

    0 Commenti

    CAOS CALMO

    Scritto il 11 - apr - 2011

    0 Commenti

    IL MAIALE NAPOLEONE E...

    Scritto il 6 - gen - 2016

    12 Comment1

    LE QUATTRO FASI DEL...

    Scritto il 31 - mar - 2014

    26 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.