Qui ci sono alcuni recenti bocconcini dalla stampa, nel caso in cui vi sentiate un po’ troppo ottimisti.

    Qui ci sono alcuni recenti bocconcini dalla stampa, nel caso in cui vi sentiate un po’ troppo ottimisti.

    1. Il MERS [Mortgage Electronic Registration System sistema di registrazione elettronico dei mutui n.d.t.] aiuta Wall Street a rubare la tua casa.

    Negli ultimi due anni, ho cercato di spiegare come il settore finanziario abbia creato il MERS per distruggere i registri di proprietà in modo che fosse più facile rubare le case. Ai vecchi tempi, i registri di proprietà erano  tenuti dagli uffici provinciali del registro. Ma quello era un sistema “così vecchio”. Rendeva più facile scoprire chi doveva a chi e chi possedeva cosa. Wall Street ha voluto rendere questo il più complicato possibile, in modo che nessun proprietario di case indebitato avrebbe mai saputo a chi lui/lei deve. Wall Street ha preso le ipoteche e le ha “tagliate e affettate”, separando l’origine dei mutui dalla titolarità del diritto a ricevere il pagamento, e così ben separando anche la proprietà dal “servizio” dei mutui. E poi i banchieri hanno bruciato tutti i record.

    Ai vecchi tempi, era necessario conservare tutti i documenti assieme, in forma fisica. E quando si erogava un mutuo, si doveva tornare all’ufficio del registro per modificare la registrazione. Con la creazione del MERS, la maggior parte di questi documenti sono stati distrutti mentre i banchieri non si sono  mai presi la briga di dire ai registri chi possedeva cosa. Le famiglie indebitate non hanno idea di chi possiede i loto mutui e a chi pagano l’interesse sul mutuo . Anche se scrivono un assegno mensile, le banche sostengono che non lo hanno mai ricevuto – sai, lo ha mangiato il cane.

    In verità, dal momento che hanno “fottuto” tutti i registri di proprietà, anche i banchieri non hanno idea di chi deve che cosa. Così iniziano a pignorare tutto. Non hai un mutuo? Chi se ne frega, pignorano  comunque. Non sei in grado di dimostrare che hai il diritto alla casa in cui vivi, dal momento che tutti i documenti sono stati triturati e si sono “dimenticati” di dire al MERS che hai pagato il tuo debito. Niente più “party bruciando registrazioni”, in quanto le hanno bruciate appena avute. Vedi qui:

    http://www.ritholtz.com/blog/2009/10/countrywide-destroyed-required-records/

    http://www.zerohedge.com/article/mortgage-lenders-seeking-court-permission-destroy-22100-boxes-original-loan-documents

    Mi sono appena imbattuto in un ottimo video – anche se traballante – che spiega tutto questo:

    http://www.youtube.com/watch?v=tlUCaq22oYo

    Ci vorranno decenni per risolvere il casino che si è fatto con la registrazione delle proprietà del MERS.  Nel frattempo, non credetegli. Non hanno nessuna prova, hanno ottenuto il diritto di prendere la vostra casa da voi.

    2. Che cosa dovreste imparare da Cipro: i depositi assicurati non sono depositi assicurati.

    Ecco un pezzo spaventoso: pensate che il vostri depositi bancari saranno sempre garantiti al 100% dalla FDIC [Federal Deposit Insurance Corporation è la società che garantisce i depositi n.d.t.]? Ripensateci:

    http://www.truth-out.org/opinion/item/15500-think-your-bank-deposits-will-always-be-100-percent-guaranteed-by-the-fdic-think-again

    Tornando ai primi anni ‘90 i neoliberisti hanno iniziato a rullo di tamburo sostenendo come l’assicurazione dei depositi rimuovesse la disciplina del mercato dal settore bancario. Se lo Zio Sam promette di assicurare i depositi, voi non avete alcun incentivo a “controllare” la vostra banca. E dal momento che lo zio Sam (Fed, FDIC, OCC) hanno deciso nel 1999 che le autorità di regolamentazione non avrebbero più supervisionato le grandi banche, i banchieri hanno festeggiato come se fosse ancora il 1999 – come tutti sappiamo. E poi sono stati necessari 29 trilioni di dollari per il salvataggio di Wall Street.

    Così i neoliberisti sono tornati. Cipro è stata la prima mossa. Vedete, è così maledettamente costoso salvare le banche dei banchieri, abbiamo bisogno di “tassare” i depositi (per consentire alla banche il default). Se siete fortunati potreste riavere la metà dei vostri depositi. La prossima volta farai tu un lavoro migliore di supervisione sulle banche che il tuo governo non vuole fare!

    3. Obama si unisce ai nemici della sicurezza sociale sulla “pretesa” che lo Zio Sam abbia finito i soldi.

    Come ho discusso per molto tempo, tutta l’isteria da disavanzo è stata creata per fornire una copertura al Presidente, e ai Democratici più in generale, in modo da poter tagliare la rete di sicurezza sociale. Ho avvertito che Obama avrebbe spinto per tagliare la sicurezza sociale. Pete Peterson ha dichiarato a Washington – ora sono tutti a bordo per sventrare il programma.

    Obama ha contribuito ad orchestrare un “grande patto” che ha generato le imposte sui salari degli americani medi. Ora sta unendo i repubblicani che insistono sui tagli alla spesa, anche mentre l’economia sta andando di nuovo in recessione, in gran parte a causa degli aumenti fiscali. Vedi qui per maggiori informazioni sulle concessioni del Presidente ai neoliberisti:

    http://www.bloomberg.com/news/2013-04-08/obama-abandons-stimulus-for-benefit-cut-to-win-over-republicans.html

    Così siamo al punto in cui: avete la vostra casa, i vostri depositi, e la vostra pensione. Niente vi viene lasciato, salvo una schiavitù feudale per servire Wall Street.

    Randall Wray

    9/04/2013

    Fonte: http://www.economonitor.com/lrwray/2013/04/08/news-from-the-front-wall-street-takes-your-homes-your-deposits-and-your-social-security/#IDComment614799538

    Traduzione a cura di Luca Pezzotta

     

     

    Categorie: Economia

    6 Commenti

    1. bisogna mettere a posto i link che sono alla webmail dell’università Randall Wray…

    2. Luca scrive:

      Ciao Roberto. Si i links rimandano all’università di Wray – non me ne ero accorto, è poco che uso wordpress; ho avvertito Francesco che quanto prima sistemerà i links, copiandoli dagli articoli originali invece che da quello tradotto. Chiedo venia – se comunque volessi approfondire invece che cliccare direttamente sul link, copiando e incollando nel motore di ricerca si possono avere gli articoli originali. Ciao Luca.

    3. Diego scrive:

      E che c’è da commentare… c’è solo da maledire

    4. Twin Astir scrive:

      Per aggiungere il “dessert” a questo menù, col “Salva Italia” diventano pignorabili al 100% pure gli stipendi e le pensioni.

      • Ugo scrive:

        Zitti zitti e in punta di piedi, però. Avete fatto caso a quanto risalto è stato dato alla cosa? Quindici secondi tra un culo e una tetta in coda a un tg di ier sera. Nel megafono dei cosiddetti “media di massa” non ho sentito altro. Sono io che son distratto?

    Commenta a Ugo


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    HOLLANDE: UN SARKOZY PIU’...

    Scritto il 25 - ago - 2012

    4 Comment1

    CHI ATTENTA ALLA DEMOCRAZIA...

    Scritto il 11 - dic - 2014

    17 Comment1

    I DRAMMI PRODOTTI DAL...

    Scritto il 9 - mag - 2012

    19 Comment1

    MACERATI

    Scritto il 27 - mag - 2011

    0 Commenti

    FRANCO FRATTINI, PORTAVOCE OCCULTO

    Scritto il 14 - ago - 2012

    2 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.