Autunno di lotta in Europa. Nello stesso giorno della grande manifestazione di Roma per il reddito e la casa, il 19 ottobre, in Portogallo decine di migliaia di persone sono scese in strada per chiedere la fine delle politiche di austerità che stanno stremando il paese. La mobilitazione, promossa dal sindacato CGTP, arriva dopo il varo da parte del governo di Lisbona della nuova legge di bilancio per il 2014, che non modifica di una virgola la linea del rigore fin qui seguita, anzi l’accentua, in virtù degli impegni che il paese ha sottoscritto con Bruxelles e la Troika.

    L’obiettivo della manovra sarebbe quello di rispettare il 4 per cento nel rapporto deficit/Pil richiesto per il prossimo anno dalla Troika, agendo ancora una volta su tagli alla spesa pubblica per un totale di 3,9 miliardi di euro, pari al 2,3% del PIL.

    Gli aspetti più odiosi dell’operazione sono l’ulteriore riduzione dei salari, delle pensione e dei dipendenti pubblici, l’aumento di cinque ore settimanali lavorative nel pubblico impiego, l’aumento dell’età pensionabile a 66 anni, il blocco delle pensioni di reversibilità se il cumulo supera i duemila euro mensili.

    Ricordiamo che il Portogallo ottenne nel 2011 un prestito di 78 miliardi con l’impegno di ridurre in maniera draconiana la spesa pubblica. Cosa che il governo finora ha fatto con pedissequa applicazione. Intanto crescono disagio sociale e disoccupazione. Quest’ultima, secondo le stesse stime del FMI è al 17,4% e per il 2014 è prevista al 17,7%. Striamo parlando della terza percentuale più alta dell’Unione europea dopo Grecia (27) e Spagna (26,9).

    Nella città di Porto sono stati più di 50.000 i manifestanti che hanno chiesto a viva voce le dimissioni del governo di centrodestra guidato da Pedro Passos Coelho (PSD), definito “illegittimo”, e le elezioni anticipate.

    “Si tratta di un bilancio incostituzionale, di un bilancio di saccheggi”, ha tuonato il capo della Unione generale dei sindacati di Porto e membro del comitato esecutivo della CGTP, John Torres, durante il suo discorso in Viale degli Alleati.

    Anche il coordinatore del Blocco di sinistra, João Semedo, presente alla manifestazione, ha chiesto esplicitamente che il governo si faccia da parte. ”Questo bilancio è brutale. Il governo ha mentito molto su questa manovra che rischia di affondare del tutto l’economia portoghese. Nel 2014, avremo più tagli ai salari ed alle pensioni. Insomma ancora più austerità di quella che già avevamo. Questo bilancio va respinto e il Paese ha bisogno di nuove elezioni e di un nuovo governo. ”

    Il discorso del leader della CGTP, svolto dal tetto di un autobus a due piani alla fine del Viale degli Alleati, ha segnato il momento più forte della manifestazione. ”Questo bilancio è veramente miserabile, perché conduce alla miseria sempre più persone, oltre quelle che ci sono già. Ecco perché non può passare. Chiediamo pertanto l’intervento del Presidente della Repubblica affinché apponga il suo veto o si faccia carico di sottoporre il documento al controllo preventivo della Suprema Corte.”

    Torres ha anche accusato il governo di essere una “banda”, un “affronto al popolo e alla Costituzione”. Di più: ha parlato di governo “immorale e antidemocratico”, “una dittatura che fa politiche distruttive per il paese “.

    E’ stata una delle più grandi manifestazioni che si sono svolte nella città di Porto negli ultimi anni. Segno che c’è un’altra Europa, quella dei popoli, che lentamente sta cercando di aprire una breccia nel muro della follia rigorista assunta a vangelo da Bruxelles. Ciò mentre la Germania si appresterebbe a chiedere ancora più rigore e controlli più stringenti sui bilanci pubblici. Chi vincerà la sfida?

    Fonte: http://www.scenariglobali.it/

    Categorie: Esteri

    7 Commenti

    1. [...] Autunno di lotta in Europa. Nello stesso giorno della grande manifestazione di Roma per il reddito e la casa, il 19 ottobre, in Portogallo decine di migliaia di persone sono scese in strada per chiedere la fine delle politiche di austerità che stanno stremando il paese. La mobilitazione, promossa dal sindacato CGTP, arriva dopo il varo da parte del governo di Lisbona della nuova legge di bilancio per il 2014, che non modifica di una virgola la linea del rigore fin qui seguita, anzi l’accentua, in virtù degli impegni che il paese ha sottoscritto con Bruxelles e la Troika. L’obiettivo della Leggi la notizia [...]

    2. Ulisse scrive:

      Oramai è chiaro anche a un non vedente che quella che definiamo impropriamente l’Europa è diventato un cantiere a cielo aperto e forse un “campo di concentramento” con la Germania che funge da kapò, allora una riflessione, cosa aspettano i popoli a riprendersi la dignità di esseri umani e non di schiavi?

      • il Moralista scrive:

        Forse qualcuno che li organizzi?

        • Alessandro Roccia scrive:

          Caro Francesco,

          ti leggo da qualche settimana con grande attenzione e, pur non avendo mai commentato, mi sento di farlo rispetto al tuo ideale di “organnizazione”…
          purtroppo sono meno ottimista di te, poiché ritengo non sia solo l’organizzazione che può veramente “cambiare le cose”, ma piuttosto una reale consapevolezza “preliminare” che istruisca chi ci capisce poco di tematiche macroeconomiche e politiche e che renda finalmente coscienti tutti che in gioco non c’è soltanto la nostra vita ma quella futura dei nostri figli e nipoti…
          so che, in questo senso, non ho niente da rimproverarti, visto il tuo reale attivismo nel diffondere la MMT, che giustamente definisci “la nuova eresia economica”, ed io nel mio piccolo (proprio piccolo, cioè parlando con le persone che conosco) provo a darne le basi ad altri…
          un abbraccio sincero

          Alessandro Roccia – pugliese DOC

          • leopoldo scrive:

            i blog come questo e altri, tu stesso citi mmt, stanno creando opinione, che è il primo passo ormai da 2 anni circa poco +. il passo successivo è coordinarsi, a questo punto portoghesi e italiani devono sapere quando manifestano emtrambi i popoli. poi i cialtroni ci saranno sempre bisogna limitarne il peso

        • Ulisse scrive:

          Beh, questo naturalmente era sottinteso…? Ma certo è che trovarlo in questo deserto sarà impresa ardua.

      • koichi scrive:

        Se i popoli sono composti per gran parte da minorati, probabilmente penserebbero ancora al bunga bunga.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LA SCOPERTA DEGLI “INDICIBILI...

    Scritto il 18 - giu - 2018

    2 Commenti

    IL BUNKER DI MERKEL

    Scritto il 5 - giu - 2018

    0 Commenti

    MARIO DRAGHI HA IMPOSTO...

    Scritto il 31 - mag - 2018

    2 Commenti

    VI SPIEGO CHI SONO...

    Scritto il 24 - mag - 2018

    3 Commenti

    IL SENTIERO STRETTO DI...

    Scritto il 23 - mag - 2018

    0 Commenti

    IL LAVORO NEL MIRINO...

    Scritto il 29 - feb - 2012

    2 Comment1

    SOLO IL PD, IN...

    Scritto il 4 - set - 2013

    7 Comment1

    STERMINIO IN LODEN

    Scritto il 9 - apr - 2012

    8 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.