Dopo una lunga gestazione la Cdu di Angela Merkel e la Spd di Sigmar Gabriel hanno trovato un accordo al ribasso. Per i prossimi quattro anni la Germania sarà governata da una Grosse Koalition pressoché identica a quella già sperimentata dal 2005 al 2009. A leggere la sintesi del “manifesto d’intesa” proposta dallo Spiegel e rilanciata dal sito vocidallagermania non si sa se ridere o piangere (clicca per leggere). Tutti gli scienziati che aspettavano con ansia le elezioni tedesche per poter finalmente imprimere una svolta alla politiche europee  funestate da un eccesso di germanico rigore sono serviti. Il nuovo matrimonio di interessi tra un partito fieramente filonazista come la Cdu di Merkel in Quandt (clicca per leggere) e uno intellettualmente (per usare un eufemismo…) corrotto fino al midollo come la Spd non sposterà di una virgola l’indirizzo politico perseguito negli ultimi tempi dai nostalgici del terzo Reich guidati da un nuovo fuhrer in gonnella. Eurobond? Nein! Allentamento dell’austerity? Nein! Bce banca di ultima istanza? Nein! Stati Uniti d’Europa? Nein! L’unico punto di rilievo rinvenibile all’interno di un papello di quasi 200 pagine, noioso quanto un libretto delle istruzioni per il corretto utilizzo dell’aspirapolvere, riguarda la previsione del  cosiddetto “salario minimo”, da portare fino ad un massimo di 8,5 euro l’ora entro il limite dell’anno di grazia 2017 (sic!). Una presa per i fondelli bella e buona, che ricorda le pagliacciate del primo governo Prodi, quando, per garantire la prosecuzione di un esecutivo traballante, il professore bolognese promise sul finire del 1997 al desaparecidos Bertinotti di introdurre la legge sulle 35 ore a partire dal 2001! (clicca per leggere). Un metodo molto simile a quello utilizzato nel film cult “L’allenatore nel pallone” dal Presidente Borlotti per convincere l’allenatore Canà ad accettare di buon grado la vendita dei gioielli Falchetti e Mengoni. “Canà, indovini chi le ho preso? Ma…Marà…Marado…Maradona!” (clicca per ridere). La politica imposta dalla dirigenza della Spd è letteralmente suicida. Ma come si fa a riproporre lo stesso modello consociativo già sperimentato nel recente passato con pessimi risultati? Non tutti ricordano che, dopo il  primo mortale abbraccio con Angela, l’Spd raggiunse infatti il suo minimo storico in termini di raccolta del consenso (clicca per leggere). Non resta che sperare che gli iscritti al partito che fu di Willy Brandt, con uno scatto di orgoglio, non decidano di sconfessare l’infame intesa sponsorizzata da un manipolo di oligarchi accecati dall’ansia di occupare poltrone a qualsiasi costo. D’altronde, da gente come Sigmar Gabriel, figlio del già nazista Walter, non era lecito aspettarsi di meglio. Stupisce invece l’atteggiamento complice e ipocrita di una speranza già appassita come Hannelore Kraft,  inopinatamente calatasi per ragioni imperscrutabili nei panni ridicoli e ambigui dello Stefano Fassina di turno (clicca per leggere). Bisogna amaramente riconoscere come gran parte dei partiti socialisti presenti oggi in Europa, dal Pasok greco alla Spd tedesca passando per il Pd italiano, risultino controllati, per il tramite di burattini compiacenti in attesa di premio futuro, dalle forze massoniche di ispirazione oligarchica e reazionaria che hanno trasformato il processo di integrazione europea in un immenso lager a cielo aperto. Solo una nuova generazione di politici, ideologicamente distante rispetto ai nefasti dogmi neoliberisti che hanno infettato in profondità molti partiti formalmente progressisti, potrà tirare fuori il Vecchio Continente dalle sabbie mobili nelle quali è stato trascinato. A meno che il popolo, stanco di essere illuso e vilipeso, non trovi da subito il coraggio di riscoprirsi protagonista e artefice del proprio destino. Entrambe le ipotesi prospettate, a dire il vero, mi appaiono ancora oggi malinconicamente fumose e lontane.

    Francesco Maria Toscano

    28/11/2013

    Categorie: Esteri

    2 Commenti

    1. Petronius scrive:

      Be’, ma lo hai scritto tu e prima di te lo aveva scritto il GOD che dobbiamo aspettare che abbiano mandato tutto a scatafascio per poter iniziare vagamente a reagire, no?
      E allora dovremmo essere contenti che hanno messo la pietra tombale, no?
      Voglio dire, essendo io un misero non iniziato pensavo ingenuamente che uno dovesse darsi da fare per “impedire” la catastrofe; ma il GOD, che sono iniziati ai misteri, e tu che sei vicino al Grande Maestro mi avete spiegato che è “vano” sperare (vanitas vanitatum, come mi insegnate) di poter opporre una qualsiasi resistenza adesso. Soprattutto, come non manchi di farci notare, se in giro c’è Grillo che ovviamente è uguale se non peggio degli oligarchi nazisti massonici reazionari (bisogna trovare un’abbreviazione).
      E’ vano e ingenuo pensare di darsi da fare adesso, avete ragione; è puerile anche solo immaginare che il GOD metta su una qualche organizzazione concreta e visibile, non sarebbe dignitoso; e mi avete convinto che bisogna aspettare serenamente che non resti altro che macerie fumanti e allora, solo allora, non prima, per carità, la fratellanza scenderà tempestivamente in campo.

      Ma allora perché vi lamentate se in Germania si forma la Grosse Koalition che mette la pietra tombale?
      Uno se ne dovrebbe lamentare se questo intralciasse i suoi piani ma di quali piani stiamo parlando?
      Vediamo nel dettaglio:

      1) Sono due anni che doveva uscire il libro decisivo di Magaldi. Non è mai uscito anche se si continua, senza un filo di autoironia, a annunciarne frementi l’imminente uscita. Doveva apparire a novembre…come no…

      2) Doveva partire l’associazione Eleanor Roosvelt: qualcuno ne sa qualcosa? Anche lì l’imminenza si prolunga.

      3) Prendiamo il sito di Democrazia Radical Popolare, legato al GOD se non altro perché i due siti sono identici. Dopo la pausa estiva (le vacanze, sapete…) tornano nell’agone a settembre scrivendo testualmente

      “Da ora in poi riprenderemo a far sentire ufficialmente la nostra voce, ogni giorno o giù di li, in modo tamburellante, dando conto di quanto non abbiamo mai smesso di operare anche in questi giorni di silenzio ufficiale…
      Ci occuperemo in termini ufficiali della costituzione dell’Associazione “Eleanor Roosevelt” (in queste settimane ce ne siamo occupati alacremente e riservatamente dietro le quinte) e riprenderemo a ragionare pubblicamente sulla necessità di un Nuovo Centro-Sinistra autenticamente progressista per l’Italia, per l’Europa e per il Mondo globalizzato.”

      http://www.democraziaradicalpopolare.it/Democrazia_Radical_Popolare_riprende_la_sua_opera_politica_metapartitica_ufficiale.html

      Come ormai è prevedibile per chi segue quel sito, non è più successo nulla da allora.

      Ma non solo: la cosa straordinaria, perché detta da gente che definisce questo governo come emanazione della massoneria reazionaria, è che sia su DRP che GOD si scrive che loro stessi si sono spesi (udite udite) per NON far cadere il governo Letta tramite un’opera protata avanti secondo canali “discreti”.

      http://www.grandeoriente-democratico.com/GOD_esprime_paradossale_soddisfazione_per_la_rinnovata_fiducia_al_governo_del_Para_Massone_Enrico_Letta.html

      http://www.democraziaradicalpopolare.it/Democrazia_Radical_Popolare_riprende_la_sua_opera_politica_metapartitica_ufficiale.html

      Ma se il GOD e DRP dichiarano trionfanti che loro stessi hanno evitato la caduta del governo Letta (lo stesso che definiscono emanazione dei poteri oligarchici reazionari massonici spirituali gnostico-valentiniani etc etc) perché (leggete sul loro sito se non ci credete)

      “la gran parte del popolo italiano è costituito da somari che non imparano mai le lezioni”;

      se avete intenzionalmente prolungato la vita del governo Letta dei reazionari come mai adesso ci si lamenta della Grosse Koalition dei tedeschi?
      La Grosse Koalition è l’esatto equivalente delle Larghe Intese che GOD e DRP dichiarano esplicitamente di avere appoggiato; e allora dovreste essere contenti, no?
      Insomma secondo i fratelli la “maggioranza” degli italiani sarebbe composta da somari (e certamente il GOD e DRP non appartengono a quella maggioranza asinina degli italiani); e allora non ci resta che cercare di scoprire da quale razza di bestioline sia composto il resto degli italiani.
      Che almeno il somaro una dote ce l’ha…

    2. [...] Dopo una lunga gestazione la Cdu di Angela Merkel e la Spd di Sigmar Gabriel hanno trovato un accordo al ribasso. Per i prossimi quattro anni la Germania sarà governata da una Grosse Koalition pressoché identica a quella già sperimentata dal 2005 al 2009. A leggere la sintesi del “manifesto d’intesa” proposta dallo Spiegel e rilanciata dal sito vocidallagermania non si sa se ridere o piangere (clicca per leggere). Tutti gli scienziati che aspettavano con ansia le elezioni tedesche per poter finalmente imprimere una svolta alla politiche europee  funestate da un eccesso di germanico rigore sono serviti. Il nuovo matrimonio Leggi la notizia [...]

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    MAFIA: IO SO COME...

    Scritto il 7 - gen - 2014

    13 Comment1

    A MALI ESTREMI, ESTREMI...

    Scritto il 15 - mar - 2016

    21 Comment1

    LA PANTOMIMA DEL COMPLOTTO...

    Scritto il 20 - set - 2017

    1 Commento

    LA TERZA VIA CHE...

    Scritto il 6 - mar - 2014

    10 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.