E’ difficile fare una previsione su quello che accadrà alle primarie del Pd. Affluenza alle urne, condizioni meteo, livello di sopportazione degli italiani rispetto all’insipienza del ceto politico, indice di gradimento verso il governo delle larghe intese, umore verso la crisi. Ce ne sono altri? Forse. Certo è che alcune variabili per così dire “esterne”, singolarmente o combinate tra di loro, potrebbero influenzare non poco l’esito del voto dell’8 dicembre.

    Ci sono però delle variabili “interne” di cui poco si parla, ma che potrebbero davvero sconvolgere alcuni piani e mettere in discussione scenari dati troppo frettolosamente per acquisiti. Quali? Una di queste potrebbe essere la variabile “vaffa” verso il gruppo dirigente di un partito che in questi anni ha collezionato solo sconfitte (Tradito gli elettori?) e ha dimostrato di non essere per niente all’altezza delle sfide che provengono da una società sempre più inquieta. Inquieta per gli effetti di una crisi prolungata, della quale, sia i prodromi che gli sviluppi, poi gli esiti, sono stati gestiti in maniera assolutamente sbagliata. Ma questa è un’altra storia. Storia di governi tecnici e di larghe intese, tutti all’insegna del“ce lo chiede l’Europa”.

    Torniamo al Pd. Non è difficile scorgere in queste ore i segni di una rimonta da parte del candidato di coccio tra i candidati di ferro, quel Pippo Civati, che, forse anche meritatamente per una serie di grossolani inciampi e gaffe che l’hanno visto ultimamente protagonista – proverbiali i suoi vorrei ma non posso -, fino a ieri era considerato in questa competizione né più né meno che una comparsa.

    Da dove attinge Civati? Da quelli che non sono né con Renzi né con Cuperlo? Dai grillini? Dalla sinistra speranzosa? Non credo. La mia idea è che se ci sarà un buon risultato del consigliere regionale lombardo, a pagarne le conseguenze potrebbe essere proprio il super favorito, l’ex rottamatore Matteo Renzi, che da un capo all’altro della penisola ha fatto incetta di rottamandi per consolidare la sua posizione di vantaggio.

    Il voto a Cuperlo è più strutturato, più granitico, più difficilmente aggredibile da parte di chi insegue, in questo caso Civati. A fronte di una bassa affluenza (prevedibile) e di un sostanzioso recupero di quest’ultimo (in atto), ordunque, per il segretario predestinato sarebbero davvero dolori.

    La variabile “vaffa” aleggia, certo che aleggia, ma, diversamente dal passato, potrebbe dirigersi verso altri lidi.

    Scenario: Civati arriva prima di Cuperlo e Renzi non ottiene la maggioranza assoluta dei voti. A questo punto la partita per il segretario nazionale si sposta in Assemblea nazionale. E qui…

    Luigi Pandolfi

    Fonte: http://www.scenariglobali.it/politica/395-e-se-civati-arrivasse-prima-di-cuperlo.html

    Categorie: Politica

    6 Commenti

    1. Petronius scrive:

      Io dico che stravince Renzi

    2. [...] E’ difficile fare una previsione su quello che accadrà alle primarie del Pd. Affluenza alle urne, condizioni meteo, livello di sopportazione degli italiani rispetto all’insipienza del ceto politico, indice di gradimento verso il governo delle larghe intese, umore verso la crisi. Ce ne sono altri? Forse. Certo è che alcune variabili per così dire “esterne”, singolarmente o combinate tra di loro, potrebbero influenzare non poco l’esito del voto dell’8 dicembre. Ci sono però delle variabili “interne” di cui poco si parla, ma che potrebbero davvero sconvolgere alcuni piani e mettere in discussione scenari dati troppo frettolosamente per acquisiti. Quali? Una di queste potrebbe Leggi la notizia [...]

    3. davide scrive:

      civati ha fregato i voti a cuperlo…e renzi ringrazia…

    4. leopoldo scrive:

      alle volte è meglio aspettare i risultati prima di fare ipotesi (-:

      P: civati ha avuto un buon risultato, e la protesta popolare si è consolidata intorno a renzi, il quale ha un po’ di gatte da pelare adesso. Una delle cose che non ha capito l’aparato PD è che il parlamento è diventato una azienda come altre, di lusso, ma corporativa che difende i propri privileggi invece di essere una assemblea di confronto dove il PD rappresentate delle istanze popolari. Renzi vuole andare a ridiscutere l’€uro, ben venga, l’appoggio gli è stato dato.

    5. davide scrive:

      sinceramente tutta questa diversità di civati, rispetto a renzi, non la vedo: basta dire che il suo primo commento al risultato è stato “con questo gruppo dirigente ora si può vincere”…mi pare sia abbastanza per capire che è soddisfatto della vittoria di renzi…e senza contare che spera di andare al voto il che lo accumuna con i desiderata di Berlusconi e grillo…

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    STRANO M(O)AVERO

    Scritto il 11 - ago - 2018

    0 Commenti

    IL GIOCO (PERICOLOSO) DELLE...

    Scritto il 10 - ago - 2018

    0 Commenti

    NON PIU’ DESTRA CONTRO...

    Scritto il 9 - ago - 2018

    1 Commento

    CHI CRITICA MATTARELLA E’...

    Scritto il 8 - ago - 2018

    0 Commenti

    LA SCOPERTA DEGLI “INDICIBILI...

    Scritto il 18 - giu - 2018

    2 Commenti

    IL DETERMINISMO NON E’...

    Scritto il 27 - mar - 2014

    3 Comment1

    BANANA SPLIT

    Scritto il 1 - ago - 2013

    11 Comment1

    MA IL MORALISTA E’...

    Scritto il 7 - lug - 2012

    3 Comment1

    ELOGIO DELLA RADICALITA’

    Scritto il 18 - mar - 2013

    6 Comment1

    IDEE PER LA TERZA...

    Scritto il 16 - dic - 2011

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.