untitledNel leggere il surreale intervento di Matteo Renzi in Senato ho riso di gusto (clicca per ridere).  Non mi capitava di sfogliare un testo così pregno di (involontario) umorismo dai tempi del liceo, allorquando lessi con soddisfazione una esilarante raccolta di pensierini strampalati, scritti da una scolaresca napoletana e pubblicati dal maestro elementare Marcello D’Orta all’interno di una raccolta significativamente titolata “Io Speriamo che me la cavo”. Non è possibile commentare frigido pacatoque animo il manifesto programmatico renziano. Viste le circostanze, considerata la difficoltà oggettiva nel tradurre in italiano gran parte del pensiero politico espresso dal neopremier tra una smorfia e una linguaccia, l’unico modo paradossalmente serio per giudicare la qualità dell’elaborato dell’illustre fiorentino consiste nel prendere a prestito le parole con le quali il “fornaio Cecco”, al secolo Diego Abatantuono, negava di essere sensibile al fascino della moglie del povero Fantozzi: “la sintesi della disgrazia, l’apice dell’apoteosi della schifezza…(clicca per guardare). Che Renzi fosse un bluff era chiaro; che il Rottamatore fosse smanioso di prendere il posto di Enrico Letta era altrettanto chiaro. Così come a nessuno di noi sfuggiva la vera natura dell’operazione “Renzi al potere(clicca per leggere), profeticamente anticipata con fare divinatorio dalla nota banca svizzera Ubs già il 7 gennaio del 2014 (clicca per leggere). Nessuno però poteva immaginare un tale livello di spregiudicatezza, approssimazione, trasformismo e sciatteria. Renzi ha presentato agli italiani un concentrato di banalità, ipocrisia e demagogia. Una summa di note idiozie ora però recitate con l’aria ridicola e grave tipica del bullo di Paese improvvisamente assurto a più alte responsabilità. Ma cosa ha detto quindi Renzi nei pochi passaggi del suo discorso provvisti di consequenzialità logico-argomentativa? Ha detto che ci vuole “fiducia per uscire dalla crisi” (I have a dream…), che la “burocrazia è asfissiante” (tema nuovo), che “l’Italia chiede di abolire il Senato” (ah si? Ma davvero? E io che pensavo chiedesse pane e lavoro…), che “il Pd non ha paura delle elezioni” (forse si riferiva a quelle che si svolgeranno in Ucraina) e che, udite udite, “dobbiamo arrivare al semestre europeo avendo sistemato ciò che dobbiamo sistemare noi” (ovvero fare i famosi “compiti a casa” che tanto piacciono a frau Merkel). Ma come, vi starete chiedendo, non era Renzi che diceva a Letta di sforare l’anacronistico limite del deficit fino ad un massimo del 3%? Si, era lui, però lo diceva prima che il Venerabile Draghi gli prospettasse l’opportunità di essere tegolato e infine accolto nel seno di una delle più elitarie Ur Lodges del pianeta (clicca per leggere). Svaniti prematuramente gli ardori giovanili il nuovo Renzi  predica ora il solito vecchio, logoro e lurido spartito: “Non è Draghi o la Merkel a chiederci di essere seri con il nostro debito pubblico. E’ il rispetto che dobbiamo ai nostri figli. Non come chi ha scialacquato negli ultimi decenni”. Il concetto appena riportato, per quanto nel merito vomitevole, è quantomeno vagamente comprensibile. Leggete ora attentamente insieme a me il seguente passaggio partorito dalla fervida mente dell’ex sindaco e ditemi se non è degno dell’inarrivabile Conte Mascetti. Dice Renzi in versione “Amici Miei”: “C’è bisogno del rispetto che si deve a chi quotidianamente va nelle nostre classi e assume su di sé il compito struggente e devastante di essere collaboratore della creazione di una libertà della famiglia e delle agenzie educative”. Cos’è? Uno scherzo? Una prematurata? Come se fosse, che ne so, per dire, decreto? E se ancora il concetto non fosse abbastanza chiaro, Renzi si preoccupa poi di specificarlo meglio: “Partire dalla scuola significa partire da una tregua educativa”. Ah, certo, certo, ora ci siamo. Ad adiuvandum, sempre a proposito della rubrica Ipse dixit, sappiate che per il segretario del Pd “un bambino che non frequenta l’asilo ha una occasione in meno” (?). Bello anche il passaggio nel quale Renzi ringrazia Letta per l’ottimo lavoro svolto, salvo dire dopo un secondo che negli ultimi tempi abbiamo perso “9 punti di Pil e la disoccupazione è quasi raddoppiata”. Probabilmente Renzi sta dicendo che proverà a fare peggio ma che non sarà affatto facile riuscirci. Il tutto condito dalle solite ricette neoliberiste che promettono tagli alla spesa indispensabili per far ripartire la crescita, saldare i debiti verso le imprese, sbloccare il credito, abbattere il cuneo, attrarre investimenti esteri (a proposito: ma lo sceicco che tanto piaceva a Letta li ha investiti poi quei famosi 500 milioni promessi?), abolire le Province, il Senato  e riformare il titolo quinto. Nel mentre Renzi ha pensato bene di portarsi avanti con il lavoro abolendo subito  la lingua italiana, probabilmente già da tempo segnalata alla voce “inutili sprechi”. Sui diritti civili, dopo avere rimproverato a Letta di farsi dettare l’agenda dall’oscurantista Giovanardi, il premier se l’è cavata dicendo che punterà al compromesso. Ma la perla migliore, quella che meglio di ogni altro discorso sintetizza la qualità dell’esordio del nostro nuovo Machiavelli, Renzi la regala sul finire del suo faticoso vaniloquio: “ Se il Presidente lo fai pure tu”, questo avrebbe detto al neopremier una anonima cittadina per come riportato dal diretto interessato , “vuol dire che può farlo davvero chiunque”. Parole sante.  

    Francesco Maria Toscano

    25/02/2014

    Categorie: Politica

    6 Commenti

    1. Alessandra scrive:

      ..io mi domando solo come fanno coloro che hanno lodato il discorso del Fonzie nostrano a non leggerci quello che vi hai letto tu e tutti quelli che hanno un minimo di senso critico..veramente sembra che qualche illusionista abbia ipnotizzato buona parte del popolo italiano..

    2. Laura scrive:

      Io mi domando e dico come nessuno voglia ammettere che il debito pubblico sia frutto di una truffa in piena regola. Lo Stato interviene per le comuni vittime di strozzinaggio, ma quando il cravattaro è la trojka tace.

    3. Ivan scrive:

      Siccome è un fenomeno massmediatco; voluto, concepito, partorito e cresciuto dall’elìte per mezzo di una sovraesposizione nel mainstream d’informazione nostrano, Renzi punta agli effetti speciali hollywoodiani… qualcuno, per favore, gli ricordi che siamo in Italia, che Hollywood è lontana e che Cinecittà non ha più i fasti d’un tempo.
      Scherzi a parte, è come Pinocchio, un burattino ma non potrà, a differenza del personaggio di Collodi, camminare autonomamente perché sarebbe immediatamente utilizzato come legna da ardere.

      • and scrive:

        Ricordo il debutto in prima serata a Ballarò per la campagna elettorale delle primarie 2012… controprogrammazione NULLA; su raiuno c’era un apartita e vabbè questa ci sta che non può essere programmata, raidue (ora mi sta sfuggendo), raitre appunto ballarò, rete4 forrest gump (film ormai ripetuto all’infinito, canale 5 (cacchio mi sfugge pure questo), Italia uno film di animazione per bambini, la7 Bat 21 (uno dei peggiori film hackman e sicuramente non un film del genere la7 pre cairo).
        Sembrava proprio una scelta condivisa per veicolare il maggior numero di persone sul one man show e infatti i contro attori erano lingue e finti contraddittori tipo Abete (il bancheire), che facevano domandine semplici e banali per far poi strappare applausi alla risposta del pupo.

    4. Michele scrive:

      Per quanto riguarda i diritti civili poteva far parlare il suo neo ministro, la Madia, fino a poco tempo fa contraria ad aborto, eutanasia, testamento biologico e qualunque altra cosa non comprenda l’utilizzo di un cilicio…piccola Binetti trasformista..

    5. Arturo bandini scrive:

      Ma i 50mld x la rata del fiscal compact li trova il mago silvan? Toscano al governo!

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    0 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    1 Commento

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.