images6TRVBVLZTrovo veramente disdicevole l’ipocrisia del presidente Napolitano che giudica “intollerabile” il livello di disoccupazione raggiunto nel nostro Paese, dal momento che, come tutti hanno capito, la disoccupazione è esplosa proprio in conseguenza delle politiche di austerità imposte da Monti e Letta su chiaro mandato dello stesso Napolitano. Trovo altrettanto nauseante l’enfasi con la quale il neopremier Matteo Renzi pone l’accento sull’indispensabilità di approvare in tempi rapidi il cosiddetto (blow) Jobs Act, ennesima truffa destinata in prospettiva ad aggravare ulteriormente il fenomeno disoccupazione. Del progetto di riforma in questione si è capito poco, e quel poco che si è capito fa letteralmente venire la nausea. Ebbene, al netto delle sottigliezze buone per confondere le acque, è bene ricordare che esistono fondamentalmente due distinte filosofie che sovraintendono il modo di approcciarsi al tema “occupazione”. La prima, che definiremmo di impostazione neoclassica, insegna che il mercato è capace da solo di trovare il suo punto di equilibrio, quindi, in presenza di elevata disoccupazione, l’unica cosa saggia da fare consiste nel ridurre salari e diritti. Il lavoro, considerato una merce al pari di tutte le altre, deve anch’esso sottostare alla dura legge della domanda e dell’offerta. La seconda, di matrice keynesiana, spiega al contrario come il livello di disoccupazione generale dipenda da un deficit di domanda effettiva. Perciò, nella misura in cui il privato non riesca da solo ad assorbire tutta la forza lavoro disponibile, spetterà ai pubblici poteri garantire quel surplus di spesa a debito necessario per raggiungere un equilibrio di piena e dignitosa occupazione. La prima delle due tesi, ovvero quella classica, ha monopolizzato il dibattito economico, accademico e politico dalla rivoluzione industriale fino all’avvento di Keynes. Per comprendere quale tipo di società produca in concreto il trionfo di una simile impostazione concettuale, consiglio a tutti la lettura de I Miserabili di Victor Hugo. In seguito alla terribile crisi del 1929, proprio con l’obiettivo di limitare gli effetti distorsivi tipici di un mercato lasciato a briglie sciolte, cominciano finalmente a farsi strada ipotesi alternative. Il keynesismo, che trova la sua più fedele e nobile applicazione nel New Deal rooseveltiano, permea il mondo occidentale dal dopoguerra fino agli anni ’80, consentendo alla generazione dei nostri padri e dei nostri nonni di vivere all’interno di società opulente, dinamiche, inclusive, nonché guidate da un anelito di uguaglianza e di giustizia sociale. I vecchi negrieri ottocenteschi, quelli che trovavano normale che i bambini lavorassero in fabbrica con turni massacranti e paghe da fame, hanno ora riconquistato la guida dei processi globali. Il Jobs Act di Renzi, influenzato dal neoliberista Ichino, rappresenta l’ennesimo frutto avvelenato prodotto dall’albero maligno. Intriso di quella teologia neoliberale già sperimentata dai vari Treu, Biagi e Fornero, la nuova proposta di riforma si pone su un piano di assoluta continuità con il recente e fallimentare passato. Se il lavoro manca, questo il succo del ragionamento, è colpa della burocrazia e delle troppe regole che rendono complicato o sconveniente assumere. Da qui l’ossessione per l’art. 18 e per la compressione salariale funzionale al finto mito della “competitività”. Questa lettura delle cose, interiorizzata anche dal buffone fiorentino di stanza a Palazzo Chigi, è assolutamente falsa. Il lavoro manca perché non c’è domanda. I consumi crollano, le imprese non vendono e, non vendendo,  conseguentemente licenziano anziché assumere. La soluzione giusta per rimettere in piedi l’economia italiana sarebbe quella di predisporre il New Deal del nuovo millennio. Un mastodontico piano volto alla realizzazione di infrastrutture, materiali e immateriali, finanziato in deficit dallo Stato alla faccia di Merkel, Draghi, Olli Rehn, Barroso, Van Rompuy e compagnia cantante. Ma Renzi, già entrato nella sfera di influenza dei soliti Venerabili reazionari, non farà nulla di tutto questo. Reciterà viceversa con zelo il compitino che altri hanno scritto per lui, completando nei fatti il tragitto avviato dai suoi predecessori Monti e Letta. Tanto, per piangere lacrime di coccodrillo c’è sempre tempo. Perfino Schulz e Napolitano, protagonisti consapevoli della devastazione europea, denunciano infatti a parole le politiche ammazza-popoli da essi stessi preparate, avallate e imposte. In tanti, evidentemente, pur di non perdere il potere preferiscono smarrire la decenza.

    Francesco Maria Toscano

    5/03/2014

    Categorie: Politica

    5 Commenti

    1. Petronius scrive:

      Scusate ma l’immagine scelta dal Moralista me ne ha fatta venire in mente un’altra forse più icastica. Si trova in una tomba etrusca a Tarquinia.

      http://www.canino.info/inserti/monografie/etruschi/eros_etruschi/images/image-1.jpg

      La sapevano lunga i progenitori…

    2. Petronius scrive:

      Si avvera quello che in questa sede aveva detto tempo fa il professor Bruno Amoroso e cioè che si sta per mettere mano alla ricchezza privata degli italiani.

      http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/03/05/patrimoniale-lultima-spiaggia-di-renzi-che-piace-tanto-alla-germania/889585/

      (noi avremo la grandissima soddisfazione di poter dire che lo avevamo capito prima degli altri…)

      Vorrei far presente alcuni punti: innanzitutto che si tratta di una mossa che piacerà pochissimo agli italiani il che fa ipotizzare (insieme alla sbrigatività dell’avvento di Renzi) che stiano tentando l’ultimo colpo prima del rompete le righe europeo che evidentemente considerano inevitabile; si appropriano di quello che possono e poi tanti saluti a casa.
      Il che implica che impostare la lotta politica nel nome dell’”Europa Buona” ha poco significato, sembra più verosimile che l’Europa per essere riformata debba prima essere cancellata nella sua forma attuale.
      E infine bisognerebbe cominciare a pensare seriamente a una federazione dei movimenti anti euro dato che non è impossibile che fra non moltissimo tempo ci sarà un ‘accelerazione improvvisa degli eventi di fronte alla quale sarebbe bene presentarsi uniti; questo riguarda naturalmente anche l’atteggiamento da prendere alle europee di maggio.

    3. Rodion scrive:

      Ottimo.

      Noto che il feeling trasmesso da chi studia notte e giorno queste dinamiche si sposta, lentamente, dall’incazzato, all’ironico e, in fine, ad un unico, totale, profondo disprezzo per chi sta guidando questo Titanic: un disgusto raccapricciante che si attaccherà come insopportabile olezzo alle squame di costoro e della loro progenie. Costoro, chiunque siano.

      (Prendo in considerazione che sia solo una proiezione dei miei di sentimenti…)

    4. alessandro scrive:

      La regola è far passare le peggiori riforme nei primi mesi di vita del Governo, quando è più improbabile una sfiducia ai provvedimenti presentati. Una bocciatura all’esordio del mandato sul tema Lavoro è una responsabilità che nessun partito della coalizione ministerialista si può assumere nelle condizioni politiche attuali, sia nel PD che nel NCD. Anche Monti fece passare per prima la riforma del mercato del lavoro, sapendo che nessuno si sarebbe accollato un governo con spread così alti. Questa riforma dal nome anglofono, perciò passerà a mani basse (… e a bocca aperta come suggerito in figura…) e promuoverà la discesa di uno dei tre segretari dei principali sindacati italiani, a vostra scelta: Camusso, Angeletti o Bonanni (io scommetto su quest’ultimo!). Ovviamente varrà per Renzi il titolo di bravo scolaretto che fa sempre i compiti a casa… già passerete per le urne una volta o l’altra…

    5. Giacché, siamo una società basata sui consumi se si bloccano i consumi, la medesima società va a catafascio.

    Commenta a Petronius


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    4 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    6 Commenti

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA LENTA AGONIA DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2013

    5 Comment1

    IL GOVERNO IGNORI IL...

    Scritto il 1 - nov - 2018

    1 Commento

    GIOELE MAGALDI E LA...

    Scritto il 1 - ott - 2014

    16 Comment1

    QUALE ALTERNATIVA AL FLAGELLO...

    Scritto il 29 - mar - 2017

    4 Comment1

    IL CALO DEL PETROLIO...

    Scritto il 30 - gen - 2015

    5 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.