Marijuana di StatoLa recente liberalizzazione, in Uruguay e in Colorado, della coltivazione e vendita della “droga leggera” per eccellenza, la marijuana, inevitabilmente riapre la discussione, in tutto il mondo, sulle politiche proibizioniste. Riflettendo su questa notizia viene in mente la favola di Andersen in cui un bambino, scevro da condizionamenti politici, etici o religiosi osa dire quello che è davanti agli occhi di tutti:” Il re è Nudo!”. Parlare di legalizzare in modo controllato la vendita e l’utilizzo delle sostanze stupefacenti è tanto ovvio quanto ‘stupefacente’ per una società e una politica che hanno sempre, univocamente, percorso la strada del proibizionismo più intransigente. Se però qualche parlamentare oggi in Italia, avanzasse la proposta di proibire il tabacco o gli alcolici, dubito che troverebbe molti colleghi disposti a sostenerla e se in America un deputato o senatore volesse tornare al proibizionismo nella vendita degli alcolici, sarebbe portato a casa da robusti infermieri. Perché allora quando si parla di droghe, leggere o pesanti, i cervelli hanno improvvisamente un black-out e iniziano a sostenere opinioni completamente scollegate dai fatti e dalla realtà? In Italia, così come negli Stati Uniti e in ogni parte del mondo, gli stupefacenti sono, già oggi, di fatto liberi. Chiunque, persino un bambino è in grado di procurarseli con poco sforzo e a prezzi irrisori. Il fatto che spacciarli sia reato non influisce minimamente sulla loro diffusione, ma acuisce semmai le problematiche legate alla loro pericolosità: sostanze tagliate male, prodotti chimicamente pericolosi, creati per abbassare i costi o incrementarne gli effetti, problematiche sanitarie, ricorso ad ogni tipo di espediente per procurarsi il denaro per le dosi, finanziamento massiccio della piccola criminalità che gestisce lo spaccio e delle mafie che controllano il mercato. A chi giova tutto questo? Sono solo considerazioni di carattere etico, morale o religioso che inducono, in tutto il mondo, la strategia proibizionista, tanto onerosa in termini di costo quanto drammaticamente inefficace?Essa ovviamente non giova ai cittadini, che subiscono tutte le conseguenze negative di cui sopra, e non è un deterrente per i consumatori che usano gli stupefacenti come e quando vogliono. Proviamo quindi a dare una spiegazione: in questi anni assistiamo, in tutte le Istituzioni dove si forma il pensiero politico che porta poi alle leggi, promulgate poi dai Parlamenti Nazionali e Sovranazionali, Comunità Europea o Parlamento Federale Americano, a una costante, attenta, capillare, azione di Lobby che, in maniera sempre più scoperta e in certi casi addirittura riconosciuta legalmente, condiziona ogni scelta politica in tutti i settori. Questa azione, nel caso degli stupefacenti, assomma a considerazioni di tipo economico o corporativo quelle di carattere etico, morale e finanche religiose, risultando notevolmente più efficace. Il risultato sono decenni di politiche proibizioniste inefficaci, dispendiose, socialmente onerose per le conseguenze sul sovraffollamento delle carceri e sull’assistenza dei tossicodipendenti, sbagliate dal punto di vista sanitario perché impediscono il controllo sulle sostanze e l’assistenza ai pazienti. Chi ci guadagna in tutto questo? Cosa accadrebbe se alle Mafie venisse a mancare l’enorme finanziamento legato al traffico degli stupefacenti, quali benefici invece ne deriverebbero per lo Stato e i cittadini? La domanda a cui dobbiamo rispondere è la seguente: quale deve essere la funzione dello Stato? Una volta chiarito questo concetto tutto il resto è conseguente e facilmente discriminabile. La funzione dello Stato, a mio parere, è quella di gestire la realtà esistente, in modo da favorire il benessere di tutti i cittadini, garantendo che tutti possano esercitare la loro libertà purché questo non violi il diritto di altri cittadini. Considerazioni morali, religiose o di altro genere non devono influenzare la gestione della cosa pubblica per evitare di creare alibi per la difesa di interessi indicibili in mano a coloro i quali, lo Stato, per il bene dei cittadini, dovrebbe invece combattere. La posizione dello Stato riguardo agli stupefacenti, in quest’ottica, dovrebbe essere ovvia. 

    Michele Signa

    Fonte: http://michelesigna.blogspot.it/2014/03/marijuana-di-stato-larecente.html#more

    Categorie: Lavoro

    2 Commenti

    1. Petronius scrive:

      leggete come la Germania ha insistito per mantenere un calcolo di tipo erroneo della disoccupazione strutturale al fine di poter far credere che le politiche espansive non fossero applicabili. Ora salta fuori che la disoccupazione attuale è ciclica e quindi l’austerità è un grave sbaglio (diciamo “sbaglio”…).
      Ci vuole qualche minuto di tempo che sono tre articoli ma è interessantissimo.

      http://www.gustavopiga.it/2014/la-truffa-di-bruxelles-renzi-citi-bernanke-ignori-la-multa-salvi-litalia-e-leuropa/

      http://online.wsj.com/news/articles/SB10001424052702304213904579095481787193644

      http://krugman.blogs.nytimes.com/2013/11/02/sin-and-unsinn/?_php=true&_type=blogs&_r=1

    2. Oh cari; mi sento solo! Siete spariti tutti ho vi siete taciuti dopo la tirata d’orecchi dei fratelli di Gran Oriente d’Italia.
      Ci provo.
      a] Giacché lo Stato deve garantire la salute di ogni singolo cittadino, si deve attuare una politica sia di qualità sia di prezzo, acciocché anche un prodotto non legalizzato possa essere subalterno al prodotto garantito( parlo di salute).
      b] Iniziare sin da bambino a istruirli e altresì confrontarli coi danni collaterali della droga scelta a piacimento. Indi una massiccia campagna di istruzione a riguardo, utilizzabile nell’iter scolastico.
      c] Scindere in modo intelligente tra la diversità dello <>. Voglio dire lo Stato che ” VENDE” droga rispetto al circuito MAFIOSO.

      Serena giornata

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    STRANO M(O)AVERO

    Scritto il 11 - ago - 2018

    0 Commenti

    IL GIOCO (PERICOLOSO) DELLE...

    Scritto il 10 - ago - 2018

    0 Commenti

    NON PIU’ DESTRA CONTRO...

    Scritto il 9 - ago - 2018

    1 Commento

    CHI CRITICA MATTARELLA E’...

    Scritto il 8 - ago - 2018

    0 Commenti

    LA SCOPERTA DEGLI “INDICIBILI...

    Scritto il 18 - giu - 2018

    2 Commenti

    VIVA IL MOVIMENTO ROOSEVELT!

    Scritto il 23 - mar - 2015

    15 Comment1

    ANCHE L’UOMO CONTEMPORANEO, AL...

    Scritto il 19 - ott - 2017

    0 Commenti

    IL MORALISTA E DEMOCRAZIA...

    Scritto il 20 - feb - 2013

    9 Comment1

    LA LETTURA DI “MASSONI”...

    Scritto il 12 - nov - 2014

    13 Comment1

    LA MISERIA NON E’...

    Scritto il 24 - apr - 2014

    37 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.