untitledPer avere un’idea più precisa delle misure varate dal governo “per la competitività e la giustizia sociale” (gli 80 euro) sono andato sul sito del Governo, pensando di trovare il testo del decreto approvato dal Consiglio dei Ministri. Non l’ho trovato. Sulla home, in alto e in bella mostrasi trovano i Tweet, gli hashtag, le slide e i video della conferenza del premier, ma del decreto nemmeno l’ombra.

    Visto che c’ero, ho aperto il link al video della conferenza stampa e ho riascoltato le parole di Renzi. Ha detto: “La conferenza stampa la faremo con 10 tweet, perché per le slide non c’era tempo“. Poi, alzando dei fogli dal tavolo, ha aggiunto: “Questo è il decreto che è in fase di coordinamento testo con i singoli ministri e che, credo, sarà pubblicato in gazzetta ufficiale all’inizio della settimana prossima“.

    Ora, senza voler mettere in dubbio che i fogli alzati dal premier fossero proprio quelli del decreto, mi chiedo cosa significhi che lo stesso è “in fase di coordinamento“. Salvo che non siano cambiate le regole basilari del nostro Ordinamento giuridico, il Consiglio dei Ministri avrebbe dovuto semplicemente approvare con propria deliberazione la proposta di decreto formulata dal ministro competente, trasmettendolo il giorno stesso dell’adozione alle Camere per la conversione, per come stabilisce l’art.77 della Costituzione.

    Non solo. In omaggio al principio della trasparenza degli atti della pubblica amministrazione, sarebbe stato opportuno che il testo della proposta di decreto avanzata dalla Presidenza del Consiglio e dal Ministero dell’Economia fosse stata resa pubblica già in sede di convocazione del Consiglio dei Ministri, prima, insomma, della sua approvazione.

    Ma tant’è. Mi sono soffermato su questi aspetti procedurali (rispetto ai quali non disdegnerei comunque una risposta) non per sottrarmi ad una riflessione di merito su quanto stabilito dall’Esecutivo, quanto per sottolineare come la strategia dell’annuncio stia prendendo il sopravvento nel nostro Paese perfino sui presupposti formali della democrazia.

    Qualcuno, a proposito di questo nuovo corso di Renzi, ha parlato di web-democrazia. Se il problema fosse solo quello di mettere più proficuamente a servizio della democrazia gli strumenti della rete, credo che nessuno avrebbe l’ardire di recriminare alcunché. Il dato preoccupante è invece che spesso dietro i tweet, i post, gli hashtag, le slide, non c’è nulla oppure c’è qualcosa di diverso dal messaggio che si vuole veicolare.

    E che di questi tempi il dato della comunicazione, della propaganda, sia preponderante rispetto alla pregnanza ed alla formalità delle decisioni che si assumono, lo dimostra anche il caso dello coperture finanziarie indicate da Renzi per l’operazione di cui stiamo parlando. La sostenibilità della manovra è data prevalentemente da tagli alla spesa pubblica, ma gli unici tagli annunciati con enfasi sono quelli alla difesa, i 150 milioni del non meglio precisato “spostamento” del programma di acquisto degli F-35.

    Una presa in giro bella e buona, visto che il risparmio di 150 milioni nella fattispecie significherebbe rinunciare ad un solo velivolo su 90, quanti sono quelli che il Governo ha in programma di acquistare. Ma quello che vale in questo caso non è la sostanza dell’operazione, quanto l’aver annunciato che una parte delle coperture deriveranno da una riduzione delle spese militari, che fa più effetto.

    Qualche hanno fa uscì un libro di Claudio Fracassi dal titolo “Sotto la notizia niente“, in cui si dava conto di come spesso le notizie false sopravvivano alla realtà e si facciano storia. Non è il caso degli 80 euro, beninteso, che ci saranno sicuramente, dovranno esserci a questo punto. Ma siamo sicuri che ieri il Consiglio dei Ministri abbia formalmente adottato un decreto?

    Luigi Pandolfi

     

    Categorie: Economia, Politica

    3 Commenti

    1. ampul scrive:

      web democrazia…

      bella democrazia! c’è stare sereni… sissi!

    2. Rosanna Spadini scrive:

      La realtà sembra surreale e le parole hanno perso il loro significato autentico

      Fantastico ! La neolingua della propaganda politica istituzionale spaccia i tweet, gli hashtag, e i video della conferenza del premier con il decreto, che è sparito nella fanghiglia paludosa che sta dissolvendo la democrazia.

      Pittibimbo è diventato un perfetto prodotto da marketing, mostrato dalla retorica mediatica come il grande comunicatore, il fenomeno di Firenze, il delfino dell’Arno, è riuscito a convincere qualche milione di telespettatori / consumatori con un annuncio tweet in diretta che il decreto legge degli 80 euro “in fase di coordinamento“, verrà approvato.

      Che male c’è? Direbbe qualcuno. Le lunghe e complicate procedure democratiche sono diventate scomode e noiose, un ingombro inutile per la velocità volatile dei byte digitali che viaggiano a velocità supersonica e diffondono il nuovo monoteismo del mercato. Così vuole JP Morgan.

      Il giovanotto, perfetto spacciatore di menzogne liquide, realizza finalmente il sogno dei tanti anni del Cavaliere della Triste figura, bypassare le procedure democratiche senza colpo ferire, l’alunno ha superato il maestro, e si appresta a ricevere gli applausi dei suoi sostenitori, che offuscati dal turbine confuso di ideologie al tramonto, non si sono nemmeno accorti che gli hashtag del web hanno sostituito gli articoli della Costituzione.

      Buona notte !

    3. ampul scrive:

      menzogne liquide!!!

      è perfetto!

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    4 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    6 Commenti

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    SPEZZARE IL RAPPORTO INCESTUOSO...

    Scritto il 28 - mag - 2011

    0 Commenti

    ISIS, CRISI GRECA E...

    Scritto il 12 - feb - 2015

    91 Comment1

    LE ALLEGRE RITORSIONI DI...

    Scritto il 1 - nov - 2012

    3 Comment1

    IL PARLAMENTO E’ UN...

    Scritto il 20 - giu - 2017

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.