download (17)Ultima giornata di prove al Grand Prix d’Europa prima della gara ufficiale. Nonostante la pista bagnata, da mesi infatti piove a dirotto sul circuito di Bruxelles, i piloti hanno dato il massimo nella speranza di ottenere il miglior tempo provvisorio. Il favorito Mathew Genzi, punta di diamante della scuderia napoletana, ha chiuso con il deludentissimo tempo di 25.5, nonostante il cambio gomme effettuato in corsa nella speranza di guadagnare velocità. La pista era troppo calda, e Genzi, sbagliando tattica, ha preferito curare solo l’aereodinamica. Insomma, la scuderia napoletana stavolta la partita non l’ha letta bene. La giovane squadra fondata dall’anglosasson Jean Houseread, invece, sfruttando la brillantezza del suo pilota di punta, ovvero  il temibilissimo Jo Cricket, ha fatto registrare l’incredibile tempo di 32,7, superando di fatto le più rosee previsioni. Soltanto terzo il pluridecorato Fulvio Bernasconi, appena ripresosi da un brutto infortunio, pronto a chiudere il giro in 18 secondi netti. Distantissimi tutti gli altri. Petit Salvo, per la scuderia Sun Green, ha completato il giro in soli 7 secondi, sfruttando sul finale il vento a favore. Supera le qualifiche anche il greco Anastopulos, per la Red Sbul, fortunato nel chiudere con il tempo di 4.1 secondi. Alcuni però sospettano l’utilizzo di sostanze dopanti (nello specifico canne e spinelli), per cui il bravo Anastopulos sarà costretto a fermarsi a fine gara nelle stanze dell’antidoping. Male tutti gli altri. Big Apple, donna al volante della automobile targata Blu Brother, si è arresa a pochi metri dall’arrivo: il cronometro, infatti, segna un beffardo 3.89. Pessima invece la prestazione del kazako Muktar Al Tano, fermo ad un desolante 2.2, a dispetto delle ingenti somme investite, nonché della recente fusione con l’antica scuderia “dei crociati”  oramai da tempo allo sbando. Scarsa partecipazione di pubblico. Quasi la metà dei posti sugli spalti è rimasta tristemente vacante. 

    Barbablu Jr.

    24/05/2014

    Categorie: Sport

    11 Commenti

    1. ampul scrive:

      :-)
      Cricket mi sembra il più lanciato…

    2. Antonio Deriu scrive:

      Se gli stessi tempi delle prove del gran premio europeo di ripetessero nelle prove della gara automobilistica di terza categoria che si stanno realizzando in piemonte sarebbe un segnale molto positivo.

    3. Adriano scrive:

      No, ma leggete le dichiarazioni di voto di DRP

      “E per quel che riguarda gli indecisi che aspettano indicazioni di voto da DRP, li consigliamo appunto di scegliere tra candidati del PD (quelli meno compromessi con l’infingarda retorica renziana e più onesti e sinceri nel voler mutare la governance europea attuale), candidati di Lista Tsipras/ L’Altra Europa con Tsipras, candidati del Movimento 5 Stelle (a patto che siano tra i meno infeudati agli agenti di Gianroberto Casaleggio).”

      http://www.democraziaradicalpopolare.it/Democrazia_Radical_Popolare_e_le_Elezioni_Europee_del_25_maggio_2014.html

      Uno cattivo potrebbe pensarne che stanno aspettando come posizionarsi e nel dubbio si piazzano un po’ qui un po’ la per non farsi inimicizie e per essere sicuri di non pregiudicarsi l’opportunità di salire sul carro del vincitore.
      Sarebbe una cattiveria pensare una cosa simile e infatti io non la penso affatto.

    4. Adriano scrive:

      Comunque questo articolo del Moralista mi fa pensare che in mezzo ai fratellini e filo fratellini qualcuno che ragiona con la sua testa c’è.
      Il problema è quell’aria un po’ stantia di muffa che aleggia nelle logge e para logge; sembra che alcuni vogliano aprire le finestre ma i più anziani (e i più fessi) si oppongono.
      Ci penserà il vento a spalancargliele a forza e allora i fratelli più giovani e consapevoli avranno finalmente le mani libere.

      • Gentile Adriano, o lei non sa leggere, o non capisce bene quello che legge, oppure è in mala fede.
        Scelga lei la posizione che più le aggrada.
        Intanto la posizione di DRP è diversa da quella di GOD (che comunque ha assunto una posizione altrettanto coerente, alta, nobile e lungimirante, dal suo punto di vista), se si è preso la briga di leggere l’intervento pre-elettorale dei massoni democratici.
        E quando si riferisce all’ambiente di DRP, sappia che ci sono attivisti in grembiulino, ma la maggior parte- come me ad esempio- non lo indossa e non ha intenzione di indossarlo, almeno per ora. Inoltre, il nostro intervento è in perfetta continuità e coerenza con quanto dichiarammo in occasione delle elezioni parlamentari italiane del febbraio 2013. E cioè: inutile aspettarsi miglioramenti dell’azione politica di chicchessia, in Italia o in Europa, fintanto che non si costituisca un fronte progressista che veda come alleati PD, SEL/Lista Tsipras e Movimento 5 Stelle. Se non si realizzarà un simile fronte progressista (con le sigle attuali o con altre che seguiranno, quando le presenti si saranno dissolte), da una parte avremo (in Italia) il vomitevole consociativismo tra PD, NCD, Scelta Civica e Forza Italia (con un piede dentro a l’altro fuori dalla maggioranza), dall’altra la sterile e infeconda opposizione del M5S, arrivasse pure al 35% dei suffragi. E in Europa è lo stesso. L’aumento di voti delle forze euro-critiche e/o a sinistra del PSE, se non produrrà un’alleanza con i socialisti europei contro il PPE e altri satelliti conservatori, non farà altro che alimentare analoghe forme di consociativismo PSE-PPE anche a livello continentale.
        Ha capito, testone di un Adriano?
        Quanto al fatto che presso di noi e/o presso GOD vi sarebbero persone che “aspettano di vedere come va a finire per salire sul carro del vincitore”, si vede proprio che lei è un lettore disattento e superficiale della realtà politica e civile. E ancor più disattento e privo di discernimento nel mal comprendere l’ethos che anima la nostra azione in favore della Polis. La maggior parte di noi (tra GOD e DRP, tra massoni e profani/e) sono persone che darebbero la vita pur di affermare un ideale in cui credono e che, mi perdoni l’espressione poco educata, hanno l’abitudine di pisciare sopra ai carri dei vincitori e dei potenti iniqui. I carri sono fatti per il bestiame…e sono trainati da altre bestie, spesso asini…A noi piace camminare o cavalcare liberi e senza briglie…E poi, mi scusi, le risulta che GOD o DRP siano teneri con gli attuali reggitori del potere costituito italiano o europeo?
        Rifletta, prima di dire sciocchezze velenose e infamanti, la prossima volta.
        Una Cittadina demo-radical-popolare

        • Adriano scrive:

          Cara signora, grazie di cuore per aver pienamente confermato davanti a tutti i lettori del Moralista che avevo ragione.
          Il fatto che probabilmente lei non afferri il senso delle parole altrui non dipende minimamente dal fatto di portare o meno il grembiulino, non se ne inquieti troppo però.
          La saluto e mi vado a godere gli exit polls di questo giorno storico in cui le persone non ignave né ridicolmente pompose (come tutti i piccoli borghesi di seconda categoria) hanno capito con umiltà quale fosse la importantissima scelta da compiere oggi.

          • Cara demo-radical-popolare; scusi l’arroganza, invece di inseguire i reduci dello sfaldamento politico in atto non è più logico creare un partito a hoc, voglio dire un partito nuovo di “sanapianta” e stilare un manifesto politico, acciocché si possa essere visibile in toto e delegittimare i laidi che ci rappresentano….. D’altro canto sta solfa di rincorrere chi non vuole essere rincorso, giacché si alloggia ben nell’albergo dei laidi, giunge strano, oserei dire un equo compromesso per calmierare il disagio politico che stiamo, bensì in braghe di tela, vivendo. Lunga vita!

    5. La Fenice scrive:

      Io appartengo ai “profani”, ho letto gli ultimi post di DRP, GOD e lo scambio epistolare tra Rodion e il Gran Maestro Magaldi e vorrei sottoporre alla platea alcuni miei pensieri:
      1) “eppur si muove”, è abbastanza confortante venire a conoscenza di un impegno sia di DRP che di GOD per “una rigenerazione complessiva della classe dirigente italiana ed europea e per indirizzare al bene comune le scelte politiche delle amministrazioni pubbliche di ogni livello”. In effetti se mi è permesso muovo una critica anche all’ottimo Il Moralista e cioè, molto spesso siamo informati in dettaglio sulle “politiche” degli Eruditi reazionari, ma su quelle progressiste in termini di comunicazione ai profani ed al vulgus mi pare ci sia una carenza ancora importante.
      2) se a livello politico almeno italiano non si vedono grandi novità e dobbiamo votare turandosi il naso da tutte le parti come espresso nell’articolo di DRP, magari è sintomatico di un’opera di rigenerazione non ancora completata nelle Logge e Para-logge ancor prima che nella classe dirigente.
      3) l’ultima questione è legata ai tempi. Non pensate che quest’opera di rigenerazione in senso progressista debba essere velocizzata? Si perché se l’orizzonte temporale di tale rigenerazione fosse il lungo termine come si sa, sian tutti morti, almeno noi profani.
      Ad Maiora

    6. Adriano scrive:

      Avevano ragione i signori di DRP.
      Voti un po’ qui un po’ là così hai le credenziali per dire a chi ha vinto che avevi votato giusto.
      Peccato, ma con il 41 per Renzi si chiude la partita almeno in Italia.

    7. Incalzare i grembuilini, affinché si possa avere la agognata visione. Complimenti per l’articolo, a prescindere dai risultati, e per la logica attuata nella spiegazione della visione politica, in atto. Lunga Vita a Noi grandi.

    Commenta a Antonio Deriu


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    DOPO LA TRAGEDIA ARRIVA...

    Scritto il 2 - mar - 2019

    7 Commenti

    L’ERRORE PRIMIGENIO DEI GRILLINI

    Scritto il 28 - feb - 2019

    2 Commenti

    IL RISORGIMENTO MERIDIONALE E’...

    Scritto il 23 - feb - 2019

    2 Commenti

    PERCHE’ L’INCONTRO DEL 20...

    Scritto il 15 - feb - 2019

    0 Commenti

    IL GRAND GUIGNOL DI...

    Scritto il 12 - feb - 2019

    1 Commento

    CHI SIETE VOI PER...

    Scritto il 10 - nov - 2016

    54 Comment1

    IL RITROVATO E BENVENUTO...

    Scritto il 30 - set - 2015

    22 Comment1

    BERSANI, GRILLO E IL...

    Scritto il 22 - mar - 2013

    12 Comment1

    SALVATE IL SOLDATO SILVIO

    Scritto il 18 - feb - 2012

    1 Commento

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.