untitledIo non sono un Francese che odia – è non c’è “ma” a quella frase. Il Wall Street Journal, comunque, si impegna in critiche feroci alla Francia. Il WSJ ha anche, involontariamente e inconsapevolmente, suggerito che la Francia possa agire in modo tale da fornire una nuova risposta umoristica al vecchio gioco che comincia con: “ Cosa è la cazzimma ? “ Il contesto è che le autorità degli Stati Uniti e dello stato di New York stanno negoziando con BNP PARIBAS ( una banca francese molto grande ) per risolvere una serie di reati implicando primariamente il fallimento della sanzioni e la copertura di quei crimini

    In Francia è sorto un movimento politico che si oppone alle azioni criminali degli Stati Uniti contro Paribas. Gli americani non avranno difficoltà a capire questa dinamica politica, in particolare perche il nostro Dipartimento di Giustizia (DOJ) continua a dare carta bianca ai funzionari statunitensi che hanno condotto le frodi di controllo contabile che hanno spinto la crisi e persegue solo le operazioni finanziarie estere. Ciò che è rimarchevole è la suggestione del WSJ su come il primo ministro francese Hollande possa portare le obiezioni della Francia personalmente all’attenzione del presidente Obama.

    Qualsiasi pesante sanzione  inflitta a BNP Paribas potrebbe ravvivare tensioni trans-atlantiche…”

    Mr Hollande incontrerà il presidente Barack Obama la settimana prossima durante le cerimonie di commemorazione del 70° anniversario del D-Day

    http://online.wsj.com/articles/bnp-paribas-shares-plummet-after-u-s-pushes-for-huge-settlement-1401436039?mod=WSJ_hp_LEFTWhatsNewsCollection

    Quindi, fammi vedere se ho ragione. L’obiettivo della Francia è di evitare di “ ravvivare tensioni trans-atlantiche “ e mezzi per far ciò sarebbero per Hollande lamentarsi con Obama – nel 70° anniversario del D-Day . Io sono un forte critico di Hollande, ma non penso che farebbe l’errore di usare l’anniversario della morte e del grave ferimento di migliaia di americani che hanno preso d’assalto le spiagge della Francia per liberare quella nazione dall’occupazione nazista come momento per lamentarsi  del ritenere Paribas (moderatamente ) responsabile per i crimini dei suoi funzionari.

    Se lo staff attuale del WSJ non ricorda questo cose potrebbe leggere ciò che Herbert London ha scritto nel documento pubblicato cinque anni fa: “ Il significato della Bloody Omaha.”

    http://online.wsj.com/news/articles/SB124407249202483133

    Se ho torto su Hollande e ha la stupidaggine di sollevare il caso Paribas con Obama suggerisco che il nostro presidente non dica una parola in risposta e il servizio segreto conduca Hollande e Obama al cimitero sopra Omaha e gli porga questo estratto dalle colonne del London’s

    Non c’è un modo semplice per descrivere il sacrificio che gli Americani fecero nel D-Day per recuperare l’Europa dalla morsa del totalitarismo. Anche gli Europei, noriamente spassionati, capiscono che questa è terra consacrata, un posto dove gli angeli spiegarono le loro ali all’onore delle azioni di giovani guerrieri. Qui non sono necessari discorsi di S. Crispino, perche questa Banda di Fratelli sapeva ciò che non aveva bisogna di essere dichiarato: essi stavano salvando l’Europa dalla schiavitù.

    Come un residente locale della Normandia scrisse durante l’occupazione, – Un tenente tedesco disse – Siamo i vostri padroni. – Bene, lo erano fino a quando arrivarono gli Americani. “

    Io non penso che Hollande abbia dimenticato cosa è stato il D-Day, ma sembra che i giornalisti del WSJ abbiano bisogno di un corso di recupero di storia se pensano che Hollande possa essere cosi sinistro e senza classe da usarela commemorazione del 70° anniversario del D-Day per far lobby per Paribas. Dobbiamo tenere a mente che i funzionari di Paribas hanno ammesso di aver collaborato con il “ totalitarismo ”- per l’unico, patetico scopo di massimizzare la loro ricchezza. Neanche Vichy si è alleata con i nazisti per lo scopo primario di far ricchi i suoi funzionari.

    William K. Black

    Traduzione a cura di Giovanni Tranchida

    Ringrazio anche Paolo Ardino che ha provveduto ad inviare in mattinata una sua traduzione.

    Il Moralista

     

    Testo Originale

    I am not a French hater – and there is no “but” to that clause.  The Wall Street Journal, however, frequently engages in French bashing.  The WSJ has also, unintentionally and unknowingly, suggested that the French may act in a manner that would provide a new humorous answer to the old joke that begins: “What is chutzpah?”  The context is that the U.S. and New York state authorities are negotiating with BNP Paribas (a very large French bank) to settle a series of felonies involving primarily sanction-busting – and covering up those crimes.

    A political movement has arisen in France opposing any U.S. criminal actions against Paribas.  Americans will have no difficulty understanding this political dynamic, particularly because our Department of Justice (DOJ) continues to give a total pass to the U.S. officers who led the accounting control frauds that drove the crisis and prosecutes only foreign financial operations.  What is remarkable is the WSJ’s suggestion of how the French Prime Minister Hollande might bring French objections personally to the attention of President Obama. 

    “[A]ny hefty penalty imposed on BNP Paribas could revive trans-Atlantic tensions….”

     “Mr. Hollande will meet with President Barack Obama next week during ceremonies marking the 70th anniversary of D-Day….”

    http://online.wsj.com/articles/bnp-paribas-shares-plummet-after-u-s-pushes-for-huge-settlement-1401436039?mod=WSJ_hp_LEFTWhatsNewsCollection

    So, let me see whether I have this right.  The French goal is to avoid “reviv[ing] trans-Atlantic tensions” and the means of doing so would be for Hollande to complain to Obama about Paribas – on “the 70th anniversary of D-Day.”  I’m a strong critic of Hollande, but I don’t think he would display the chutzpah of using the anniversary of the death and grievous wounding of thousands of Americans who stormed the beaches of France to liberate that Nation from Nazi occupation as the time to complain about holding Paribas (mildly) accountable for the crimes of its officers. 

    If the WSJ’s current staff doesn’t recall these matters they could read what Herbert London wrote in the paper published five years ago:  “The Meaning of Bloody Omaha.”  

    http://online.wsj.com/news/articles/SB124407249202483133

    If I am wrong about Hollande and he does have the chutzpah to raise Paribas’ case with Obama I suggest that our President say not a word in response and instead have the Secret Service drive Hollande and Obama to the cemetery above Omaha beach and hand him this excerpt from London’s column.

    “There is simply no way to describe the sacrifice Americans made on the D-Day invasion to reclaim Europe from the grip of totalitarianism. Even the notoriously dispassionate Europeans realize that this is consecrated ground, a place where angels spread their wings to honor the deeds of youthful warriors. No St. Crispin speeches were necessary here, for this Band of Brothers knew what need not be stated: They were saving Europe from enslavement.

    As a local Normandy resident wrote during the occupation, ‘A German lieutenant said ‘we are your masters.’ Well they were, until the Americans arrived.’”

    I don’t think Hollande has forgotten what D-Day was all about, but it appears that the WSJ journalists need a remedial history course if they think Hollande would be so gauche and déclassé as to use the commemoration of the 70th anniversary of D-Day to lobby for Paribas.  We need to keep in mind that Paribas’ officers have admitted to having collaborated with “totalitarianism” – for the sole, pathetic purpose of maximizing their wealth. Even Vichy did not ally itself with the Nazis for the primary purpose of making its officials wealthy. 

    William K. Black

    Categorie: Esteri

    4 Commenti

    1. […] Source: THE WSJ SUGGESTS HOLLANDE MAY REDEFINE CHUTZPAH BY COMPLAINING TO OBAMA ABOUT BNP PARIBAS – ON THE… […]

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    APPELLO AI CITTADINI DI...

    Scritto il 22 - mag - 2019

    0 Commenti

    LE TURBOIDIOZIE DI ALDO...

    Scritto il 7 - apr - 2019

    5 Commenti

    FUSARO SINDACO NEL NOME...

    Scritto il 3 - apr - 2019

    2 Commenti

    PAPA FRANCESCO E LA...

    Scritto il 19 - mag - 2013

    3 Comment1

    ALL’ITALIA MANCA UN PARTITO...

    Scritto il 14 - mag - 2016

    16 Comment1

    I NEMICI DEL POPOLO...

    Scritto il 21 - ott - 2015

    33 Comment1

    LA RISCOPERTA DI UN...

    Scritto il 28 - gen - 2016

    38 Comment1

    L’ECCIDIO GRECO E IL...

    Scritto il 8 - nov - 2012

    5 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.