untitledIl modo con il quale la stampa sta raccontando l’evolversi della politica europea è semplicemente folle. Oggi, per esempio, tutte le principali testate on-line vaneggiano una epocale svolta, incoraggiata perfino dall’inflessibile Merkel, finalmente pronta a rivedere i nefasti dogmi della cieca austerità (clicca per leggere). Cosa mai sarà successo, si staranno chiedendo milioni di disoccupati afflitti ed emarginati? E’ stato per caso varato il New Deal del 2000? No. Sono stati stracciati i trattati che elevano a legge le politiche di rigore di bilancio? Neanche. E’stato trovato l’accordo sugli eurobond? No. Più modestamente, Merkel è ora disposta a scomputare dal calcolo del deficit le spese destinate agli investimenti? Nemmeno per sogno. E allora, come si giustifica l’infantile e provinciale entusiasmo con il quale i media pecoroni annunciano l’apertura dell’era nuova? E’ bastato che Steffen Seibert, portavoce di Angela Merkel, dichiarasse che “esiste un margine di flessibilità nell’interpretazione dei trattati”, per fare eccitare il solito nutrito numero di idioti con la penna. La verità, amici miei, è che non è cambiato un bel nulla. Da anni dicono che la crescita è dietro l’angolo, mentre in realtà la disoccupazione galoppa e il tessuto democratico si sfalda. Le politiche di pareggio di bilancio, unite all’obbligo di abbattimento del debito fino a raggiungere il limite discrezionale e a-scientifico del 60%, rappresentano l’apoteosi dell’austerità. Chi vi dice che è possibile cambiare le politiche dell’Unione mantenendo fede a questo tipo di scellerati impegni è un bugiardo, un miserabile e un demagogo. Non dimenticate mai che l’obiettivo individuato come prioritario dai massoni reazionari che infestano il Vecchio Continente, ben rappresentati da figuri che puzzano di zolfo lontano un miglio come Draghi e Van Rompuy, è quello di archiviare per sempre il welfare così per come lo hanno conosciuto le generazioni cresciute nel periodo storico che va da Beveridge fino ai giorni nostri. Sotto il mellifluo invito a fare le riforme strutturali si nasconde solo l’infame desiderio di abbattere le conquiste sociali del secondo dopoguerra. I vari Merkel, Renzi, Hollande e compagnia potrebbero concedere un po’ di respiro alle economie in difficoltà solo al fine di ottenere in cambio lo smantellamento di interi comparti riguardanti la sanità e la previdenza. Questo ricatto perverso, accompagnato dalla solita ammuffita retorica sul bisogno di aumentare la “competitività”, viene dai media presentato ai cittadini quale prova dell’avvenuto mutamento degli equilibri europei. Vili impostori!  Ai tanti che hanno compreso le suggestioni perverse che condizionano l’agire dei nazisti moderni guidati dal fuhrer in gonnella Angela Merkel, dico di non perdere né la pazienza né la speranza. Non è possibile neutralizzare in pochi anni un progetto neo-oligarchico, ora trionfante, pazientemente costruito nell’arco di decenni all’interno delle Ur-Lodges reazionarie più influenti del pianeta. Ci vorrà del tempo, non so quanto, ma vinceremo. Cristallizzeremo per l’eternità nel recinto puzzolente della Storia il ricordo di alcuni personaggi, oggi boriosi e tracotanti, forti di quella stessa inutile arroganza che accompagnò nel secolo scorso le effimere vittorie dei vari Hitler e Mussolini. Formare nuove coscienze, non stancarsi mai di demistificare le bugie di regime nella misura del possibile, è ciò che ognuno di noi è chiamato a fare per contribuire alla buona battaglia già in atto. Con questo spirito e con questi obiettivi, infine, sono perciò felice di annunciarvi l’avvio di una nuova avventura editoriale. Ogni mercoledi dalle ore 21, a partire dal 25/06/2014, sul nuovo canale televisivo “Sud”, visibile dalla Basilicata alla Sicilia orientale sul canale 656 del digitale terreste, andrà in onda “Lo Stiletto”, programma di approfondimento politico da me condotto con la partecipazione speciale del politologo nonché leader di God Gioele Magaldi (clicca per leggere). Un nuovo strumento per raggiungere tutti gli uomini di buona volontà che hanno ancora occhi per vedere e orecchie per sentire. Avanti!

    Francesco Maria Toscano

    23/06/2014

    Categorie: Editoriale

    10 Commenti

    1. […] Source: AL VIA “LO STILETTO”, PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO POLITICO CONDOTTO DA FRANCESCO TOSCANO CON LA… […]

    2. Diego scrive:

      i più vivi complimenti!

      spero sia disponibile lo streaming, altrimenti aspetteremo il caricamento della/e trasmissioni sul tubo

    3. gio scrive:

      ottimo,
      mi duol dirlo, ma solo con la tv si può sperare di creare una considerevole massa critica di persone consapevoli

    4. Gianluca scrive:

      Quindi non sarà visibile nella Sicilia occidentale?

    5. Laura scrive:

      Questa notizia mi riempie di gioia!
      Veramente è un’opera meritoria e di misericordia, per il bene della patria e dell’umanità.
      Congratulazioni caro Francesco Toscano per la trasmissione e per cotanto ospite. Avanti!, e in bocca al lupo.

    Commenta a il Moralista


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    NO TENGO diNARO

    Scritto il 21 - nov - 2011

    0 Commenti

    FRANCO, OH FRANCO….

    Scritto il 18 - mar - 2011

    0 Commenti

    DRAGHI, KRUGMAN, FRATINI E...

    Scritto il 8 - mag - 2014

    3 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.