untitledOggi è il 5 Settembre 2065. Ho 88anni e sono andato in pensione, con 63 anni di contributi e di anzianità. Sono un baby pensionato, l’anno prossimo si andrà con 70 anni di contributi e per tutti quelli che andranno in pensione dopo il 2070 i versamenti contributivi devono partire da prima del quarto mese dello stato fetale. Alcuni dicono all’atto del concepimento.

    Purtroppo sono dovuto andarci per il mio stato di salute, sono in coma vegetativo da due anni ma in azienda se ne sono accorti solo perché ho avuto un leggerissimo calo di performance. Quando andavo in riunione nonostante lo stato catatonico ero sempre uno dei più brillanti. L’azienda si è adeguata alle esigenze di noi lavoratori della quinta età, hanno sostituito l’ingresso “operai” con l’ingresso “operati”. E prima in caso di necessità ti mandava in cassa integrazione, ora, se sei fortunato, nella cassa da morto.

    Non avrò una lauta pensione prenderò lo 0,2 periodico di quello che ho versato. Per fortuna che ho fatto una pensione integrativa, mi sono tolto il pane di bocca per poterla fare. Ne prenderò una metà ora e l’altra metà alla mia morte. Avrò un dopo vita roseo e senza preoccupazioni.

    In tutto duemila euro al mese, una volta era una gran cifra ma oggi ci paghi giusto la tassa mensile sull’aria, il riconoscimento alla dignità in quanto sedicente essere umano e la flebo nutritiva. Il lauto pasto della domenica per molti è composto dalla sola ostia.

    Mi ricordo che quando ero giovane la gente, con quello che prendeva, non riusciva ad arrivare a fine mese, oggi non riesce ad arrivare a fine giornata. Prende la pensione la mattina e al calar del sole iniziano le prime difficoltà economiche.

    I politici ,date le ristrettezze economiche in cui versa il paese, si sono tagliati lo stipendio. Si sono dati direttamente la pensione. Hanno tre gradi di pensione quello oro, quello platino e infine diamante. Come le nozze, ma il legame tra pensione e politico è molto più solido. Continueranno a percepirla anche dopo la morte. Si giustificano dicendo che sono guidati dal dogma cristiano, credono nella resurrezione della carne e quando risorgeranno avranno qualcosa da parte per poter ricominciare.

    Purtroppo quello che negli anni è andato svanendo è il TFR. Prima l’hanno messo in busta paga, poi l’hanno tolto, poi l’hanno rimesso, poi l’hanno ritolto, poi di nuovo rimesso, poi di nuovo ritolto e alla fine magicamente è sparito. Del TFR non si sono avute più notizie. Ci hanno composto anche una canzone, una cover di “Hanno ucciso l’uomo ragno” si chiama “E’ sparito il TFR”. “E’ sparito il TFR chi sia stato non si sa forse quelli del governo, forse quelli dell’Europa. E’ sparito il TFR non si sa neanche come, tutta colpa della finanza senza regole e fai da te”.

    I neo assunti cinquantenni mi guardano con un po’ di invidia e rassegnazione, dicono “beato te che vai in pensione così giovane”. Alcuni di loro per raggiungere i contributi necessari sanno che saranno impiegati anche quando saranno diventati della salme. Molti  vengono impiegati come manichini nelle boutique, alcuni riescono anche ad andare all’estero. Un mio cugino, venuto a mancare 3 anni fa, si trova Londra presso Hallods. Non è un errore di battitura, le due elle le ho messe volontariamente, ora appartiene alla Cina.

    Tutto appartiene alla Cina. Dopo la crisi del 2029, ha lanciato un’OPA per acquistare il genere umano. Ci hanno svenduto, quello è il minimo, per anni siamo stati svenduti. Quello che non sopporto è il marchio Made in China impresso dietro al collo.

    Masariello

     

    Categorie: Società

    3 Commenti

    1. ugo scrive:

      Fantastico. Più acido dell’acqua regia.

    2. fabio ehsani scrive:

      “”….Ne prenderò una metà ora e l’altra metà alla mia morte. Avrò un dopo vita roseo e senza preoccupazioni.”" non so se ridere o piangere

    3. BERTOLDO scrive:

      Nel frattempo Napolitano festeggiava i suoi primi 140 anni e “Meditava” se rinunciare al VITALIZIO per il bene del Paese, pur rimanendo in carica per l’ottavo mandato.
      Fra l’altro s.
      i “Diceva” che Andreotti, Colombo la Montalcini, fossero morti giovani, e che avrebbero potuto DARE molto di piu’ se fossero sopravvissuti.
      Purtroppo per le casse INPS, la gggente non voleva saperne di morire, per cui venne incaricata la Fornero di procedere ad un nuovo “Esodamento”.
      Sfortunatamente un Medico Pazzo brevetto’ l’Elisir di
      lunga vita, cedendolo poi a Novartis……

    Commenta a fabio ehsani


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Comment1

    I NAZISTI DI OGGI...

    Scritto il 24 - mar - 2014

    10 Comment1

    SONO UN PROPORZIONALISTA CONVINTO

    Scritto il 9 - nov - 2012

    2 Comment1

    SENZA GIUSTIZIA

    Scritto il 8 - mag - 2011

    1 Commento

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.