imagesIl terrorista turco Ali Agca, così riporta la stampa italiana, si è recato ieri, Sabato 27 dicembre, presso la tomba di Papa Giovanni Paolo II al fine di  “deporre due mazzi di rose bianche” (clicca per leggere). Come saprete Ali Agca, componente del gruppo di estrema destra denominato “lupi grigi”, attentò alla vita di Karol Woytila il 13 maggio del 1981 alle ore 17.17. In seguito il Papa polacco, rimasto miracolosamente in vita, decise di perdonare l’attentatore turco, incontrando quest’ultimo nel carcere romano di Rebibbia proprio il 27 di dicembre di trentuno anni fa. Non è facile capire il significato del gesto di Agca, uomo dalle mille facce abituato a recitare troppe parti in commedia. Cosa vuole comunicarci l’ex lupo grigio con il suo gesto? Vuole palesare al mondo il suo sincero ravvedimento in stile “figliol prodigo”? Vuole solo farsi un po’ di pubblicità a buon mercato? O forse c’è dell’altro? Premetto fin da subito di non credere affatto né all’ipotesi che caldeggia la presunta “conversione mistica” del già menzionato Agca, né alla tesi minimalista che riduce a mero folklore l’improvvisa “scampagnata romana” del killer turco. Chiaramente la venuta di Agca significa qualcosa, e non è escluso che chi di dovere abbia già recepito il messaggio. A noi, in attesa di ulteriori spunti di riflessione, non resta che provare a mettere insieme i tanti fili di una storia oscura che parte da lontano. Il 12 Novembre del 2014, sul sito de Il Moralista, avevo pubblicato un pezzo dal titolo “La lettura di Massoni cambia radicalmente il modo di interpretare i fatti del mondo/2”, inserendo non a caso una foto di corredo al pezzo ritraente l’ex Presidente statunitense Ronald Reagan in compagnia di Papa Giovanni Paolo II (clicca per leggere). In pochi sanno infatti come il movente dell’attentato di Agca ai danni di Karol Woytila andasse ricercato nella furibonda lotta per il predominio globale che in quel fatidico 1981 coinvolgeva le Ur-Lodges Three Eyes e White Eagle, entrambe ascrivibili a diverso titolo al milieu massonico di tipo reazionario ed oligarchico. Semplificando al massimo, in attesa di approfondire il tutto con appositi, circostanziati e successivi articoli, è indispensabile inquadrare preliminarmente il contesto storico di riferimento. Sul finire degli anni ’60 del secolo scorso fu fondata, su impulso di pezzi da novanta del calibro di Rockefeller, Kissinger e Brzezinski, la famigerata superloggia dai “tre occhi”, motore decisionale di una torsione illiberale e antidemocratica che avrebbe dispiegato dappertutto i suoi malefici effetti dal principio fino ai giorni nostri. Tutti i principali avvenimenti storici accaduti a cavallo fra la fine degli anni ’60 e gli anni ’70, dal golpe greco dei colonnelli all’operazione condor in America latina, passando per diversi tentativi golpisti falliti in Italia, portavano indiscutibilmente il marchio della Three Eyes. A lungo andare lo strapotere di questa nuova Ur-Lodge, capace di far saltare vecchi e consolidati equilibri, provocò per reazione la nascita di una nuova superloggia, la White Eagle, sorta per iniziativa congiunta di due storiche Ur-Lodges come la Edmund Burke e la Geburah. L’obiettivo di questa nuova Ur-Lodge era quello di limitare il “raggio di influenza” della Three Eyes, divenuta nel frattempo troppo arrogante ed ingombrante. La White Eagle, fondata nel dicembre del 1978, piazzò fin da subito alcuni colpi importanti, favorendo l’elezione di Margaret Thatcher in Inghilterra e di Ronald Reagan negli Stati Uniti, personaggi notoriamente distanti dal circuito di influenza della Three Eyes. Più o meno nello stesso periodo, gli stessi ambienti latomistici in grado di condizionare così pesantemente il corso politico dell’Occidente, favorirono pure l’ascesa al potere in Iran dell’ayatollah Khomeyni, mandando contestualmente in esilio lo scià di Persia Mohammad Reza Pahlavi, sgradito avamposto della Three Eyes in Medio Oriente. Dopo aver subito una serie di smacchi gravissimi in rapida sequenza, l’ala più dura della superloggia fondata da Kissinger, Brzezinski e Rockefeller maturò l’idea di mettere in atto una “esemplare ritorsione”: il 30 Marzo del 1981 John Warnock Hinckley Jr. spara contro il presidente Reagan…(continua)

    Fonti: “Massoni”, editore Chiarelettere, pag. 368 e seguenti

    P.s. Invito tutti i lettori de Il Moralista ad iscriversi al “Movimento Roosevelt” in vista del congresso di Gennaio/Febbraio 2015. Il modulo per aderire lo trovate in alto a destra

    Francesco Maria Toscano

    28/12/2014

    Categorie: Lavoro

    3 Commenti

    1. davide scrive:

      secondo me visto che dopo è stata espulso dal vaticano ovvero era ed è ritenuto persona non gradita, forse è un messaggio delle oligarchie reazionarie che in tal modo vorrebbero far capire che sono in grado di colpire ancora una volta come allora o meglio di stare attenti…

    2. Anxanon scrive:

      Amesso che esistano veramente simili ‘Ur-Lodges’ non hanno comunque nulla a che fare con la vera Massoneria, quella in cui ci sono gli esoteristi (e non gli esoterologi/cospirazionisti da libreria), semplici lavoratori che si riuniscono per fare un percorso interiore ed individuale, seppur in una dimensione collettiva.
      Ritengo che presentare la Massoneria soltanto come un circolo per ‘super eletti’ sia fuorviante ed intriso di cospirazionismo gratuito, come se ne vede tanto su internet. Credo che sia opportuno fare i giusti distinguo, perché per la Massoneria non vale la regola ‘bene o male purché se ne parli’; se si parla male, la si danneggia e basta.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    APPELLO AI CITTADINI DI...

    Scritto il 22 - mag - 2019

    0 Commenti

    LE TURBOIDIOZIE DI ALDO...

    Scritto il 7 - apr - 2019

    5 Commenti

    FUSARO SINDACO NEL NOME...

    Scritto il 3 - apr - 2019

    2 Commenti

    LA SVOLTA AUTORITARIA

    Scritto il 29 - apr - 2013

    2 Comment1

    PUO’ UN CIECO GUIDARE...

    Scritto il 14 - gen - 2014

    8 Comment1

    IL DUBBIO AMLETICO DI...

    Scritto il 20 - giu - 2013

    3 Comment1

    IL MOVIMENTO 5 STELLE...

    Scritto il 9 - gen - 2015

    12 Comment1

    FORSE IL MOVIMENTO 5...

    Scritto il 14 - mag - 2014

    31 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.